Resta in contatto

News

Porrà: “Lopez deve risolvere i problemi in difesa. Giulini? Si sta facendo le ossa”

L’uomo della domenica (anche se siamo di venerdì) per una volta è lui. Giorgio Porrà, volto sardo di Sky impegnato nell’emittente satellitare con il racconto domenicale delle storie del calcio, del passato e del presente.

Ecco la seconda parte della sua intervista a Tuttosport, dedicata al presente in casa Cagliari, tra il campo e le scrivanie societarie..

A me piace che a Rastelli sia riconosciuto il fatto di aver brillantemente centrato gli obbiettivi negli ultimi due anni; aveva iniziato bene, ma quattro ko sono risultati pesanti. L’anno scorso il Cagliari aveva 13 punti, ora la metà. Col Genoa ho visto autentici momenti di passività. Cosa può dare Diego Lopez? Il gruppo è di spessore, Barella e compagni vanno assecondati. L’attacco ha fantasia. In difesa ci sono i problemi da risolvere. Qui Lopez, sardo adottivo come Riva, amatissimo e vero leader, gladiatore della retroguardia, metterà mano.

“Torna in un contesto giusto, anche se contro la Lazio non sarà facile, serviva un decollo meno complicato. Ma i match alla portata arriveranno dopo, negli scontri diretti. Questo è un Cagliari da metà classifica. Pavoletti è un buonissimo attaccante, dentro l’area. I suoi movimenti possono essere letali: bisogna dargli la possibilità di sfruttare le sue caratteristiche. La concorrenza per la salvezza non mi sembra così tremenda“.

Barella? Il Cagliari è diventato punto d’approdo per i giovani dell’isola, bene così. Sono lontani i tempi in cui Scopigno diceva: “Il vivaio? Come no, di cozze”. Giulini si sta facendo le ossa come presidente. Fin qui è stato bravo a non scoraggiarsi, Zeman era un sogno… Ma ha convertito lo shock in programmazione e ha riportato il Cagliari in A, dove deve stare. Così i pianeti sono allineati. Un’inversione tecnico-gestionale. Nel marketing, nella valorizzazione, una visione moderna e strategica: Beretta direttore tecnico, le sinergie con l’Olbia… Resta forte il desiderio di cementare l’identità attraverso il calcio. È entusiasmante puntare sul senso di appartenenza, il messaggio più sano da lanciare. Questo è il Cagliari, il tesoro dell’isola“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News