Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Il dribbling di... Mario Frongia

IL DRIBBLING DI… Mario Frongia. Cagliari, parziale bilancio di mezza estate

Una B insidiosa, lunga e stressante. Liverani è sul pezzo, la forza del gruppo sarà decisiva. Ma, con il mercato aperto, ci sono ancora troppe incognite

Il 3-0 di sabato all’Olbia dice e non dice. Ma va in almanacco e il commento è d’obbligo. Con la rosa che mette assieme infortunati di medio e lungo corso, forse out per strategie e convenienze legate al mercato, uscite e arrivi che si annodano vicendevolmente, tutto si complica. Però, qualche spunto va registrato. Fabio Liverani è contento a metà di quanto i suoi stanno mostrando. Gambe pesanti, nozioni da immagazzinare, sintonia tra singoli e tra reparti. Insomma, c’è da fare. E l’ex tecnico di Lecce e Parma lo sa. E sa anche che in questo momento per l’80 per cento delle formazioni della B – in A è lo stesso visto che anche le big con i giganti del gol e della mediana riescono a perdere con avversari di modesto cabotaggio, penso a Inter e Milan – la musica è questa. Si lavora ad aumentare i carichi di lavoro, per poter gestire autonomia fisica e mentale.

Si limano vecchi vizi, di posizione e di mentalità. Si cercano soluzioni in un torneo che ha per dna la velocità dei protagonisti, il pallone che spesso somiglia a un piattello, la garra come ingrediente basilare, la tattica e l’organizzazione tesa a prevalere nelle zone nevralgiche del campo. E la qualità? Sempre fondamentale, altrimenti sarebbe C o Lega Pro. Ma viene su un piano seguente. Le esperienze Balotelli-Boateng al Monza insegnano. Insomma, c’è da pazientare. Lo sa Liverani e lo sanno i tifosi. Il concetto chiave? Intensità.

Offensivi con intelligenza. Il tecnico sta impiantando il suo credo calcistico. Il 4-3-3 pare il canovaccio. E ci si potrebbe divertire, dipende dagli interpreti e dal tecnico, si spera autonomo nelle scelte e senza intromissioni. Il modulo piace. E regge con alcune buone, sagge ed elastiche risposte in gare particolari e contro formazioni che creano densità in mezzo al campo o sono dotate di esterni molto rapidi e forti nell’uno contro uno. Alla vigilia delle amichevoli oltre confine, Strasburgo (mercoledì) e Leeds (domenica) sono team rognosi e abbastanza in palla, il primo parziale bilancio dice di un Cagliari in cui si parte tutti alla pari. I puristi segnaleranno certamente situazioni sgangherate. Può essere.

Ma, per dire, che Desogus possa diventare un elemento interessante del tridente, lo si può dare per certo. E se a bocce ferme si parlava del centravanti-boa, Pavoletti, con Tramoni, ex Brescia, e Pereiro a latere, a poco più di dieci giorni dal debutto ufficiale con il Perugia in Coppa Italia, le gerarchie paiono mutare. Si vedrà. E anche, dita incrociate, Lapadula è  pronto allo sbarco a Elmas. La punta da doppia cifra, meglio se dovesse arrivare anche un altro finalizzatore esperto, è un obbligo. Ma oltre a Desogus, sul versante green, merita un cenno Luvumbo. Il primo è una faina e segna. Il secondo sprinta e ci prova sempre. E quando può serve assist. L’angolano pare essersi ritagliato un suo spazio. È veloce, ha personalità, anche se la tecnica deve usarla per giocare di più con il resto della squadra.

Ordine in regia. Che Makoumbou abbia buona tecnica e tempi – da sveltire – idonei alla categoria è un buon segnale. Idee di gioco e costruzione passano per i suoi piedi e per quelli di Viola: sull’ex Bologna e Benevento, giudizio sospeso. Ma, ripeto, la forma adatta non può esserci dopo tre settimane scarse di preparazione. Meno che mai nel fornetto a microonde di Asseminello. Un aspetto va rimarcato: il pensatoio rossoblù necessita di fosforo, gambe, resistenza. E leadership. Ed è meglio non tornare sul passato. Il tecnico, un tempo nella Primavera rossoblù, insiste sulla rapidità nel muovere la palla. Chiede alla squadra di creare densità e condizioni per più di un passaggio. Insiste sul dover aggredire gli spazi senza il pallone e sul lavoro degli esterni abili nelle due fasi. Per mettere in buone condizioni la regia, questo mix è primario. Viola ha testa e qualità, meno dinamismo. Il congolese deve adattarsi a una realtà che non fa sconti.

Prima ci riesce, con la testa soprattutto, prima si capirà dove va a parare. Anche perché il nodo del play è e rimarrà centrale per l’intera stagione. Caso mai, guadagnata la casella dal duo neo arrivato, se si vuole pensare a un torneo di vertice e non di semplice sopravvivenza, ci sarà da pensare ai sostituti. Lella e Kourfalidis, per dire. Ma questa è una storia prematura. Senza scordare le incertezze inerenti la permanenza o i saluti di Rog e Nandez. Con il croato e l’uruguagio è un conto, senza un altro. Intanto, il rodaggio prosegue. E per stare in mezzo, va messo nel computo l’apporto di Deiola, Faragò e il giovane Cavuoti. Profili differenti per ruolo, caratteristiche ed esperienza.

Scenario arretrato e nota dolente. Detto che altre eventuali nobili cessioni, condizionerebbero anche gli altri reparti, pare prendere consistenza la trincea di retroguardia con Goldaniga out a favore del duo AltareWalukiewicz. Liverani tiene tutti sulla corda. Se a sinistra la sfida è tra Obert e Carboni (meglio in fase di spinta, da migliorare in copertura), a destra l’ex Juve Di Pardo pare a casa sua. In pole Zappa, Boccia e Palomba. Tra i pali   potrebbe indossare i guantoni della svolta. Per vincere qualcosa serve un buon portiere e una punta che la butti dentro, vale in Champions e tra gli amatori.

L’ultima volta che il Cagliari è risalito in A, vincendo il campionato con Rastelli, tra i pali c’era Storari: sbarcato in B nonostante i due armadi colmi di trofei, alcuni in prima fila altri alle spalle di Buffon, e un ingaggio top. Infine, la questione che lascia qualche dubbio. Gaston Pereiro è seguito passo passo da Liverani. La tecnica e il sinistro felpato non si discutono, il resto sì. Amnesie, scarsa determinazione, a tratti abulico. Ma anche la mancata intesa con i compagni e quel muoversi in maniera avulsa da quel che accade in campo non sono elementi a favore. Individualmente e per un gruppo che deve scegliere se lottare per fiutare i play off o stare nell’anonimato. L’uruguaiano sa di giocarsi una fetta importante di carriera. Metta peperoncino e curcuma nelle sue prestazioni. E lo faccia quanto prima.

Notarella
Caso Simeone
. Spesso ci tornate. Per me sarà l’ultima volta, a meno che l’argentino – che mi è simpatico e ho conosciuto benino anche fuori campo – non vinca, e glielo auguro, il Pallone d’oro. Il presidentissimo deve fare cassa. Non è una notizia. A quei tempi non ha grandi nomi in campionario che piacciono al mercato. Va da Semplici: “Mister diamo il Cholito, cosa ne pensa?” “Lo terrei” dice il tecnico. Passa una settimana. Il padre padrone convoca allenatore e attaccante: Giovanni vai a Verona, ti troverai bene”. Game over. Quindi le responsabilità di Semplici nel cedere l’attaccante, a favore di Pavoletti, sono pari a zero.

Altro aspetto. I compagni di spogliatoio descrivono il figlio del Cholo – da mediano di Inter, Lazio e Argentina e da gran capo in panca dell’Atletico Madrid, capace di mangiare il fegato degli avversari e, se serve, sputare sangue in campo – con un dna caratteriale opposto a quello del padre. Simeone junior cresce e segna se sente stima, fiducia, approvazione. La prima intervista di Tudor, coach dell’Hellas: “Giovanni? È il nostro Van Basten”. Saluti e buon mirto.

56 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
56 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Difesa a quattro o a tre? I lettori di CalcioCasteddu si dividono

Ultimo commento: "Tralasciando che proprio i due che citi e che stanno tra gli 11, rendono più da esterni che da terzini, ma per Naithan e Carboni è ancora meglio,..."

(SONDAGGIO) Che voto date al mercato del Cagliari?

Ultimo commento: "Un suggerimento Ballardini per far diventare questi giocatori una squadra"

Cagliari-Venezia: le pagelle dei tifosi stroncano la squadra

Ultimo commento: "ci vogliono dei difensori ...la difesa e tutta da cambiare fuori Zappa Altare e Goldaniga..e una punta che segni per il resto tutto il contorno può..."

Cagliari-Venezia: i tifosi hanno scelto la loro formazione

Ultimo commento: "Modulo più adatto con l'abbondanza di centrocampisti che abbiamo, più geometrie di gioco verso gli attaccanti. Se funziona il filtro del..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Il dribbling di... Mario Frongia