Resta in contatto

News

Play-off Serie B, il Brescia di Cellino soffre tantissimo ma batte 3-2 il Perugia dopo oltre 120’

Tante emozioni al Rigamonti tra due squadre che se la sono giocata fino alla fine, non risparmiandosi dal primo all’ultimo minuto dell’over-time

Il Brescia, con tanta fatica va in semifinale. Il 2-2 contro un Perugia mai domo e due volte in vantaggio, arriva ai supplementari dopo una gara non senza polemiche e una discutibile serata dell’arbitro Forneau.

IL MATCH. Nonostante il vantaggio di giocare in casa gli uomini di Corini attaccano fin da subito, ma a segnare per primi sono gli umbri al 10’ con l’inserimento perfetto di Kouan che beffa Jorononen, con un perfetto colpo di testa a sovrastare l’ex di turno Pajac, su passaggio di Beghetto. Moreo sfiora il pareggio con una zuccata al quarto d’ora. Non mollano gli ospiti che al 37’, sull’angolo di Burrai, sfiorano lo 0-2 col colpo di testa di Curado. Prima della pausa (44’) Kouan  vicinissimo sul passaggio di di De Luca sul secondo palo, al raddoppio con un colpo di testa che manda la palla sull’esterno della rete, di un non nulla. Al 3’ di recupero Abisso invita Forneau andare al Var per la sfera toccata con la mano da Curado. Che manda Pajac dal dischetto: Chichizola spiazzato: 1-1.

Aggressività, da una parte e dall’altra, anche nella seconda frazione. Con De Luca che grazia il Brescia del 2-1 al 10’, mentre due minuti dopo il portiere del Perugia alza sopra la traversa la palla calciata da Tramoni, che si ripete al 14’ con una botta a giro da fuori area. Aumenta il pressing degli uomini di Cellino, vicini al 2-1 prima con il destro angolato al 33’ di Bertagnoli, quindi a 10’ dalla fine, tentativo di Jagiello con Chichizola, che toglie il pallone all’ultimo istante prima che finisca in rete. Al 44’ segna Santoro, ma Fourneau aveva già fischiato fallo in attacco. Prima dei supplementari (47’) Jagiello serve Leris, che di testa e in tuffo grazia la compagine di Alvini. All’over-time (se vuole passare) il Perugia deve segnare. Cosa che accade al minuto 1’, con il neo entrato Matos che è fortunato perché il suo tiro col destro è deviato accidentalmente da Cistana, che mette fuori causa Joronen. Il Brescia pareggia al 2′ della ripresa da parte di Aye che fa esplodere il Rigamonti. Vince il Brescia 3-2, col di Bianchi al 14′, ma il Perugia esce tra gli applausi più che meritati.

SEMIFINALI. Archiviati i preliminari entrano in scena anche Pisa e Monza, che erano esentate dal primo turno, per essersi classificate nella stagione regolare, rispettivamente al terzo e quarto posto. Martedì (ore 20.30) si disputerà Benevento-Pisa e sabato 21 maggio ore 18 Pisa-Benevento. Mercoledì (ore 19 Brescia-Monza, domenica 22 maggio ore 18 Monza-Brescia. In caso di parità dopo 180’ sarà decisiva la differenza reti nelle due partite ma non varrà la regola dei gol segnati in trasferta che valgono doppio. Se c’è parità anche considerando la differenza reti, si qualifica per la finale la squadra meglio posizionata in classifica. Non si disputeranno quindi i tempi supplementari e i rigori.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "qualsiasi ds con in mano 100.000 euro non avrebbe potuto fare meglio; secondo me non e' capozucca il responsabile della campagna acquisti ridicola..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News