Resta in contatto

News

Anticipo Serie A, la Roma colpisce quattro traverse e pareggia 1-1 in casa col retrocesso Venezia

Gol a freddo di Okereke poi porta stregata contro i lagunari in 10 dal 32’ per il folle comportamento di Kiyine ai danni di Pellegrini fino al pari nella ripresa

Quattro traverse e un 1-1 in rimonta. La Roma rallenta la rincorsa europea, facendosi imporre il pareggio da un Venezia che (prima di scendere in campo) conosceva già il destino della retrocessione.

LA CONTESA. Neanche il tempo di iniziare, che i giallorossi si ritrovano sotto nel punteggio per la rete segnata da Okereke che, di testa in girata su passaggio di Aramu, supera Rui Patricio.  Subito il colpo subito i padroni di casa iniziano a giocare la loro partita, colpendo la traversa al 19’ con una super punizione col destro. Soncin perde per un problema ad un occhio Vacca (28’) sostituito da Fiordilino. Condotta violenta di Kiyine, ai danni di Pellegrini. Il Var chiama Sozza che, verificate le immagini, torna in campo e estrae il rosso diretto: decisione ineccepibile. Al 41’ Mäenpää si oppone coi piedi sulla botta potente calciata dalla distanza, da Maitland-Niles. Altra opposizione del portiere dei veneti, al 43’ su Perez.

A inizio secondo tempo Mourinho (profittando dell’uomo in più) rivoluziona la squadra con delle sostituzioni e spostamenti di alcuni giocatori. Cross di Cristante, girata di Pellegrini (4’) palla fuori di poco. La Roma staziona molto di più che nella prima parte dell’incontro, nella metà campo del Venezia. Seconda traversa della serata per i giallorossi, colpita al 7’ da Cristante con una sassata che grazia l’estremo difensore ospite. Tre minuti dopo Pellegrini colpisce la traversa, la terza dell’incontro. Sfortunati i capitolini contro l’ultima della classe. Il pareggio è questione di minuti e, più che meritato, arriva al 31’ con Shomurodov (entrato a gara in corso) che segna col destro a porta vuota, dopo un primo intervento di Mäenpää in uscita su Pellegrini. Non paga spinge ancora la Roma, che vuole centrare il successo in attesa delle partite di Lazio, Atalanta e Fiorentina.  Smalling e compagni collezionano una serie di corner, ma il pallone non entra per la seconda volta in rete anche perchè arriva (44′) sul tocco del portiere, la quarta traversa con Zalewski.  All’Olimpico finisce 1-1, perchè in pieno recupero (47′) il portiere ospite è ancora decisivo. Infine, ritenuto al 51′ involontario un tocco con la mano in area, di Ceccaroni.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."

(SONDAGGIO) Keita, merita una chance dall’inizio a Udine?

Ultimo commento: "Sii,Keita e Pereiro...un po di panchina per Joao la papera"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"Bonimba", uno dei più forti attaccanti rossoblu

Roberto Boninsegna

Altro da News