cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Cagliari città accogliente: da Nené a Keita Baldé, una storia lunga 58 anni

Qualsiasi episodio di intolleranza deve essere censurato, sempre. Non importa il frangente, il contesto, l’opportunità. Nemmeno lo sport deve sottrarsi al vivere civile: ma è necessario spezzare una lancia in favore di Cagliari e della sua tifoseria

1964. Il peruviano Alberto Gallardo e il brasiliano Nené, nel 1964, sono stati gli apripista tra i calciatori del Cagliari con la pelle nera. Non importano gradazione e provenienza geografica: usiamo questa espressione ai soli fini di comprensione del messaggio. La piazza rossoblù non è incivile o intollerante da questo punto di vista, lo testimonia una storia lunga quasi sessant’anni con i suoi beniamini provvisti di tale caratteristica fisica.

DISTINGUERE. L’importante è che, per un insieme circoscritto di persone incapaci di comportarsi in modo corretto, non si appiccichi a Cagliari la brutta nomea di luogo razzista. D’accordo, gli episodi nel recente passato ci sono stati e hanno fatto parecchio clamore: non si faccia però di tutta l’erba un fascio, cercando altresì di estirpare certi costumi dall’Unipol Domus.

TRE CONTINENTI. Se escludiamo Asia e Oceania, il sodalizio rossoblù ha ospitato in rosa 29 calciatori dalla pelle scura, da tre continenti. Europa in minoranza con due francesi (Zebina e Diakité), due belgi (Oliveira e Miangué) e un olandese (van der Wiel), quasi tutti con radici altrove come Africa e Sudamerica. Il Paese che in questo gruppo selezionato ha fornito il maggior numero di elementi è stato il Brasile (Nené, Caio Rangel, João Pedro e Dalbert), seguito da Colombia (Ceter, Ibarbo e Tello) e Ghana (Asamoah, Donsah e Duncan). Non va dimenticato che due giocatori hanno indossato per diverso tempo pure la fascia di capitano: Suazo – un simbolo autentico della società, secondo miglior bomber di sempre in gare di campionato con 94 reti – e ora il citato João Pedro, affiancato attualmente in squadra proprio da Dalbert, Ceter e Keita Baldé: un numero cospicuo, che diventa più nutrito se ci si allarga alle giovanili.

SPERANZA. Al Cagliari e da Cagliari città si viene accolti a braccia aperte: since 1964. Emarginiamo chi non è in grado di comportarsi come si deve, con il linguaggio parlato – vedi stadio – e scritto, che soprattutto sui social media ha trovato terreno fertilissimo.

Subscribe
Notificami
guest

45 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il direttore sportivo rossoblù si sta prendendo la sua rivincita dopo le critiche per il...
L'anno scorso fu necessario lo spareggio tra Spezia e Verona, a 31 punti a fine...

Dal Network

L'ex campione del mondo da giocatore con l'Italia nel 2006, prende il posto dell'esonerato in...
La squadra di Juric, squalificato e sostituito da Paro in panchina, e quella di Di...

Altre notizie

Calcio Casteddu