Resta in contatto

News

Anticipo Serie A. Qualche emozione ma nulla più: Udinese-Genoa termina 0-0

Un palo di Beto e la grande chance capitata e non concretizzata da Ghiglione hanno riscaldato il match dell’ora di pranzo alla Dacia Arena

Udinese-Genoa termina 0-0. Alla fine risultato giusto, per quanto si mè visto in campo. Per  Shevchenko primo punto della sua gestione. Friulani in campo con la maglia celebrativa per i suoi 125 anni di storia del club guidato da Pozzo.

PRANZO ALLA DACIA ARENA. Buono l’approccio degli ospiti. Sfortunato Pereyra, costretto ad uscire per un problema alla spalla sinistra (braccio sotto dopo una caduta) sostituito al 15’ da Pussetto. Gara bloccata, con le due squadre che sono più attente a non subire che rendersi realmente pericolose, anche perché chi è in fase difensiva, chiude gli spazi. In uno dei pochi, lasciati dai rossoblù alla mezzora, Deulofeu tenta un tiro-cross violento da posizione defilata ma non trova la marcatura. 3’ dopo Conclusione improvvisa di Rovella, Silvestri si tuffa e fa suo il pallone allontanando il pericolo. Altra opportunità per gli uomini di Shevchenko, con Bianchi al 39’ anticipato all’ultimo istante da Samir. Prima dell’intervallo (43’) Ekuban sfiora lo 0-1, sbagliando il tiro davanti a Silvestri.

Meno brillante la seconda parte dell’incontro. Il match dunque non decolla ma vive di qualche fiammata. Come quella del 21’, quando Udogie scambia con Deulofeu va al tiro  ma trova una deviazione, poi ci riprova, poi manda fuori. Palo di Beto, su deviazione di Cambiaso e palla in corner al 35’. Poco dopo (38’) Silvestri si distende e salva l’Udinese sul diagonale dalla distanza, da parte di Ghiglione. Di fatto la gara si chiude qui, anche perchè viene annullato a un gol per fuorigioco al 49′.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Lapadula e Pavoletti, staffetta o devono giocare insieme?

Ultimo commento: "Ne uno ne l' altro. Secondo me non deve giocare dall' inizio ne uno ne l' altro. farei giocare Pereiro come falso nove, Desogus e Luvumbo larghi. Poi..."

Poca affidabilità dietro, per i lettori di CalcioCasteddu servono rinforzi

Ultimo commento: "Se Briatore prendesse il Cagliari non sarebbe male… ci pensasse seriamente."

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Allenatore non all'altezza ... come capita sempre del resto nelle scelte di Giulini"

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "Giulini drogato, Capozucca il suo pusher"

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "Tu ti sei già abituato al mestolo di Giulio, continua a lucidarglielo per bene, mi raccomando."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News