Resta in contatto

Euro 2020

Slovacchia battuta 1-0 su rigore: la Svezia vola in testa al girone in attesa di Spagna-Polonia

A San Pietroburgo la sfida valida per la seconda giornata del Gruppo E decisa da un rigore segnato da Forsberg nella ripresa

La Svezia fa un passo in avanti importante verso gli ottavi. L’1-0 di oggi pomeriggio a San Pietroburgo, potrebbe valere gli ottavi di finale anche da prima del Gruppo E. Molto dipenderà, oltre che dalla terza giornata, molto dal confronto che domani sera attende la Spagna contro la Polonia, obbligata a vincere dopo il ko all’esordio con gli slovacchi, mentre gli iberici hanno pareggiato contro gli svedesi.

SFIDA CON VISTA OTTAVI. Gara maschia tra le due contendenti, con brivido per l’ex portiere del Cagliari Olsen, il quale al 10’ perde un pallone innocuo in area, ma poi lo recupera senza altri problemi. Col passare dei minuti alza la pressione la compagine scandinava, ma l’avversaria odierna non sta a guardare. Tuttavia nessun vero tiro degno di nota nella prima frazione, eccetto il colpo di testa di Kucka al 5’ e botta di Hamsik sopra la traversa al 43’. Squadre all’intervallo senza reti e senza recupero.

Nella prima parte della ripresa la Svezia ha tre opportunità per segnare, ma le vanifica prima con Isak al 1′, il colpo di testa al 15′ di Augustinsson e super parata di Dubravka, quindi Danielson un minuto dopo. In mezzo ad una di queste al 14′ la punizione sulla trequarti di sinistra di Hamsik, con successiva incornata di Kucka. Si supera Olsen, che con la mano destra aperta spedisce sopra la traversa e salva la rete slovacca. Un’altra partita in questo secondo tempo. Altra occasione svedese al 26′ con ancora Isak, che dopo essere partito da centrocampo, scarta tutti resistendo a tutti gli attacchi dei difensori, va al tiro ma trova Dubravka a dirgli di no. Alla mezzora rigore per gli uomini in maglia gialla, concesso per un netto fallo del portiere  su Quaison. Dal dischetto sigla Forsberg. Reazione Slovacchia che produce un assedio, con ben sette corner battuti e il tiro di poco fuori di Kucka al 50′, ma il pareggio non arriva. A festeggiare è così la Svezia.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Euro 2020