Resta in contatto

Il dribbling di... Mario Frongia

IL DRIBBLING DI… Mario Frongia. Cagliari: la salvezza arriva prima di giocare col Milan

Il pari pomeridiano del Benevento con il Crotone sigla il baratro scampato. A San Siro un 0-0 a testa alta e con due palle gol

Temperamento, anche con la pancia piena. Il Cagliari rimane in Serie A fin da ieri  pomeriggio. Eppure, contro il Milan a caccia dei 3 punti per andare in Champions (un passaggio con un controvalore sui cinquanta milione di euro), Nandez e compagni la giocano a viso aperto. E se tra i migliori in campo c’è Donnarumma (prodigioso su Pavoletti e Godin) gli applausi per la formazione di Semplici sono meritati. Che poi i rossoneri la chiudano con il 63 per cento di possesso palla, poco importa. Semplici la imposta con accortezza. Tutti dietro la palla, JP10 e Pavoletti inclusi. Paiono non al top Nainggolan, Marin e Ceppitelli: capita. Ma la diga regge, lascia poco spazio alle linee di passaggio e al tiro. Un filtro puntuale e non solo. I rossoblù sanno ripartire, mettendo paura a Rebic e soci. Il faccia a faccia tecnicamente più interessante? Tra Nandez e Theo Hernandez. Bene Godin, Deiola (nelle due fasi) e Pavoletti. Cragno? Una parata delle sue su Saelemaekers. Il Milan? Poco fluido e lezioso.

SPAZI LIMITATI. Nella ripresa il Milan parte con intensità. Ma è il Cagliari a impensierire i padroni di casa. Donnarumma, Kjear e Calabria reggono le incursioni rossoblù. Cragno  para su Calhanoglu. Ma è pressoché inoperoso. Leao e Kessie sono imprecisi. Deiola e Nandez crescono ancora. Gli spazi sono ristretti, neanche con Castillejo i rossoneri impensieriscono il portiere di Fiesole. Il Milan tiene il pallino ma è lento e non punge. Negli ultimi dieci minuti il pressing è asfissiante. Il Cagliari tiene duro. Match non eccelle per qualità. In chiusura riappare anche Klavan. L’arbitro Massa fischia tre volte. Si chiude sullo 0-0. Sale a sette la striscia delle partite consecutive con il segno più. Ma adesso, su i calici. La salvezza è una storia strepitosa.

LA RIMONTA PERFETTA. Un colpo di reni che ha premiato i tifosi, il tecnico e il direttore sportivo. Le dinamiche del gruppo si sono messe nella direzione giusta. Il vento, e la testa, è cambiato. Basti dire che alla ventitreesima giornata Leonardo Semplici ha preso il Cagliari che aveva dieci punti in meno del Benevento. Oggi chiude a 37 con 5 punti in più. Stefano Capozucca ha collaborato al resto. Incluse le nuove regole d’ingaggio come quelle che hanno visto diminuire le ingerenze societarie su scelte tecniche e dintorni. Adesso, la tifoseria può gioire ed esultare per lo scampato pericolo: la B sarebbe stata una mazzata ingiusta per la regione e i centosettantamila emigrati. E anche una buona parte del gruppo Cagliari avrebbe pagato un prezzo troppo alto. Adesso, brindato e ri-brindato, qualche ragionamento si può fare anche senza attendere l’ultima di domenica prossima con il Genoa.

SOPRA LA PANCA… Intanto, il nodo allenatore. Non si sa bene perché e per come ma pare che negli ultimi tempi il feeling del patron (che sul tema anche in tv ha glissato) con il tecnico toscano non sia più quello delle giornate migliori. Sarà. Ma si dovrebbe partire con una guida solida, esperta, poco propensa a subire indicazioni e strizzate d’occhio su chi mettere in campo. Sulla questione potrebbe dare una mano il ds. Si vedrà appena le clausole di rinnovo per entrambi andranno al posto giusto. Ma lo spavento patito in questi ultimi mesi dovrebbe portare consiglio a chi vuol mettere becco su tutto, dal rinnovo di Nainggolan fino alla carta da comprare per la fotocopiatrice.

Semplici e il suo staff (i collaboratori in cui crede, visti i flop a catena anche nell’imporre parte del team tecnico agli allenatori) meritano la riconferma. La salvezza a 90’ dalla fine del torneo, per un Cagliari che ne aveva perse diciotto ed è stato terzultimo per diverse giornate, vale oro. Ed è stata conquistata a suon di punti, coraggio, sacrifici, concentrazione. Sarebbe bello, anziché postare tweet zuccherosi che spediscono dal dentista, una riconferma puntuale e pubblica. Meglio se rapida e veritiera. Ovvero, l’opposto del prolungamento del contratto, chissà se è mai stato depositato, annunciato con Di Francesco.  

NANDEZ IN PARTENZA. La conferenza stampa dello scorso agosto a Palazzo Doglio per la presentazione presidenziale di Eusebio Di Francesco e Pierluigi Carta, la ricordiamo bene. C’ero. “Organico da prime dieci”, “parte sinistra della classifica”, “almeno un punto in più dei 47 con l’undicesimo posto senza neanche l’onestà per citare l’autore: Massimo Rastelli. Quel piazzamento, preso da una neopromossa con un tecnico debuttante, e uno spogliatoio minato, è bello tosto. E rimane da battere. Adesso, sfumata fanfara e fuochi d’artificio per il centenario e il mezzo secondo dallo scudetto – la pandemia ha avuto un suo ruolo, così come per tutte le venti della A – c’è da tarare il tutto.

Quasi scontato che alcuni big, in cima alla lista Nandez, ma anche Cragno – se non vengono proposti a cifre folli, anche Pavoletti, Joao Pedro, Simeone – possano salutare. Per non parlare dei prestiti Duncan, Calabresi e Asamoah. Chissà cosa accadrà a Rugani, Ceppitelli, Lykogiannis, Cerri e Walukiewicz. Ci saranno Vicario, Zappa, Tripaldelli, Carboni e Godin, il contratto è da fiaba. Dovrebbero esserci Marin, Pereiro, Deiola e Nainggolan: ma sul Ninja è problematico fare ipotesi. Vedremo.   

NOTARELLE

Interviste&buona fede. Il vostro prodigarvi nel suggerirmi /meglio senza insulti, chi lo fa non migliora di certo) come fare il mio mestiere lo ritengo motivo d’orgoglio. Ho intervistato più e più volte tutti i presidenti del Cagliari dal 1989 a oggi. So come e quando si deve fare. L’ultimo non tollera domande scomode, accostamenti e indizi. Pensa che tutti debbano stare in ginocchio e scrivere sotto dettatura. Ha appeso male le chiavi. E proprio per questo vi dico che da sempre gioco a carte scoperte con l’unico interesse possibile per un cronista: raccontare con elementi verificati, nuovi e plausibili al lettore-tifoso del Cagliari.

Ciò include deduzioni, notizie in embrione, fatti e riferimenti che non permettono precisione e dettagli, anche perché rivelerebbero l’identità delle fonti. Posso sbagliare, come tutti. Ma sono in buona fede. Il tempo, come è accaduto quest’anno, è e sarà galantuomo. Di certo, sbaglia, e di molto, chi pensa a strategie costruite per avere audience. Spero che i miei pezzi non siano una banale e sottomessa replica dei desiderata societari. Ma il Cagliari è la squadra della mia città, ci sono nato: sarebbe folle pensare che un sardo possa remare contro.

Clacson&terrore. Le mie analisi sono da sempre legate al risultato ma non solo. Per dire, è normale che nove lettori su dieci fino alla defenestrazione di Di Francesco e lo sprofondo rosso con figuracce in casa e fuori, volessero decapitare società, allenatore e staff. Per poi, dal 4-3 al Parma nel recupero – sotto 3-1 a due minuti dalla fine! – cambiare parere. Per definizione, il tifoso può vestirsi di rossoblù e girare in città per strombazzare di gioia quando la propria squadra vince. Imbestialirsi e imprecare nel sentire il terrore della retrocessione fino al midollo, se perde. Un giornalista che si vuole guardare allo specchio, non può. Equilibrio e terzietà, dunque. Poi, in privato ciascuno la pensi come crede. Dunque, fidatevi.

Bilancio&sardità. La stagione è stata un flop rispetto a promesse e annunci un tanto al chilo. Il frutto di una gestione con lacune, incompetenze, velleità e presunzione prima, durante e dopo. Talune scelte sono legate a doppia mandata a valutazioni economiche: fare profitti è legittimo per qualsiasi imprenditore. Spargere coriandoli e fumogeni per coccolare la tifoseria vantando sardità e amore per la nostra terra – chissà cosa ne pensano a Uta e Assemini, dalle parti dell’azienda dell’Uomo solo al comando – è percorso delicato. Ho lavorato con tre proprietà diverse, quest’ultima è stata quella meno affidabile, abile nel mettere ostacoli a una comunicazione indipendente, poco trasparente.

E sbaglia chi pensa che chi mette i soldi può fare e disfare: quei denari, devo ripetermi, arrivano da tv, Regione, sponsor, da un patrimonio immateriale che lega tutti i sardi. E anche dai supporter tra biglietti, abbonamenti, merchandising, dalla vendita di Barella intesa come modello cui tendere. Business, dunque. Quelli messi di tasca? Il bilancio lo può fare chiunque. Fosse il mio pensiero, chi se ne frega. Ma i risultati fallimentari, piaccia o meno, sono lì, scolpiti sulla roccia. Ho sempre messo al primo posto la difesa a sangue della categoria: perdere la A sarebbe stata una sconfitta che i sardi veri non meritano mai. Chi mi conosce, sa da tempi non sospetti che oggi ho vinto una birra nel dire che il Benevento sarebbe tornato all’inferno, anche senza il 3-1 colto dal Cagliari al Vigorito. Cin cin e buone cose a tutti.

 

81 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
81 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Sandro V•
Sandro V•
26 giorni fa

Sig.Frongia ,lei è come la Meloni per il governo Draghi ,qualcuno all’opposizione ci deve pur essere. Però paragonare Cairo con Giulini mi sembra alquanto errato , visto che uno si è solo arricchito e fatto conoscere con il Torino , i tifosi questi lo sanno bene . Poi ricordare continuamente Rastelli dopo le imbarcate di gol ….in Sardegna si dice poniriddu in conch’e lettu

Angelo
Angelo
1 mese fa

Da ringraziare per l’onestà intellettuale e il servizio di informazione corretta, ed indipendente reso ai tifosi rossoblù. Purtroppo una goccia nel mare nel panorama dell’informazione sportiva isolana.

Sant'Efisio
Sant'Efisio
1 mese fa

Perfetto come sempre. La Sua e’ una riflessione che abbraccia la realtà delle cose. Del resto i fatti relativi al modus operandi di questa gestione milanese Le danno pienamente ragione. Ciò non vuole significare che sarà sempre così. Almeno, questo e’ quanto i tifosi con un po’ di sale in zucca auspicano. Complimenti per l’articolo.

Danilo BG
Danilo BG
1 mese fa

Il sig. Frongia ci da una visione terribile del Presidente Giulini:
non tollera domande,specialmente quelle scomode, pensa che tutti debbano stare in ginocchio davanti a lui, rapporto non idilliaco con Semplici, cota sempre con poco rispetto l’Uomo solo al comando, proprietà del Cagliari non affidabile………e via dicendo.
Qua c’è qualcosa che non torna caro Frongia, lei che sosteneva Di Fra che ci stava portando alla B con Vergogna e senza pudore.

Danilo BG
Danilo BG
1 mese fa
Reply to  Danilo BG

Tutti i suoi articoli pieni di astio e rancore, fanno un quadro societario del Cagliari da paura,capitanato da un “dittatore” stile Ciausescu . La mia gioia della salvezza con un groppo in gola, rovinata da questo articolo pieno di Notarelle incommentabili.
Ho tanta rabbia in corpo……..mi fermo qui che è meglio.
FORZA CAGLIARI !!!! SEMPRE !!!!
IO STO CON GIULINI !!!!

Geronimo
Geronimo
1 mese fa
Reply to  Danilo BG

Ceausescu a confronto era democratico

massimiliano rossi
massimiliano rossi
1 mese fa
Reply to  Danilo BG

Mi trovi d’accordo, ok la critica ma qui è accanimento….forse non ha vissuto l’era Moi…io si.

Frank 65
Frank 65
1 mese fa
Reply to  Danilo BG

D’accordo con te.forza Cagliari sempre e ovunque.

Mario
Mario
1 mese fa

Finalmente ci possiamo rilassare ed iniziare a pensare al prossimo campionato di A. Se in Italia ci sono 50 milioni di commissari tecnici non vedo perché non ci possano essere tanti “giornalisti”. Ognuno di noi fortunatamente vede le cose in modo diverso. Il compito ti un giornalista è anche prendere spunto dalla cronaca ma soprattutto quello di portare notizie certe, dubbie o probabili. Anche la provocazione quindi ci sta bene così come nonchinare il capo nei confronti di chi comanda.

Mario
Mario
1 mese fa
Reply to  Mario

Detto questo, ora è il momento di pensare ai giocatori che vorranno rimanere, a quelli che andranno via e a quelli da recuperare (vedi Walukiewicz). Speriamo in una riconferma di Semplici che è riuscito a rimettere a posto uno spogliatoio traballante in modo tale che con Capozucca si riesca a fare una campagna acquisti che non si presenta semplice. Speriamo che il presidente non cerchi di intromettersi. A lui l’onere della gestione finanziaria. Agli altri la gestione tecnica

Mario
Mario
1 mese fa

Frongia dovrebbe fare mea culpa e invece se ne guarda bene. Per mesi ha difeso l’operato di Di Francesco anche quando era evidente il suo fallimento. Fosse stato per lei bisognava fare la squadra e tenere il tecnico piu’ scarso e piu’ pagato della storia del Cagliari. Si rende conto che di calcio non capisce granche’?

Sandro V•
Sandro V•
1 mese fa

Sig.Frongia , lei dice di aver scritto sempre notizie verificate . L’impressione che lei ha dato è quella di lanciare il sasso e nascondere la mano. Alludo ai suoi articoli su Pisacane , su g.m.Colombo e sulla moglie e altri allontanati senza riconoscenza e su presunte cessioni della società stessa a fondi americani o arabi . Poi gli scheletri nell’armadio li hanno tutte le società della serie A, come abbiamo visto. Noi quello che vogliamo è il calcio giocato..

oettam
oettam
1 mese fa

Leggo gia tanti che iniziano a criticare giulini per non aver confermato semplici, ma non vi passa per la testa che magari e semplici che non vuole rimanere???? i contratti si fanno sempre in 2….

Marco Uti Rossoblù
Marco Uti Rossoblù
1 mese fa

Grazie Signor Frongia. Un articolo chiaro che esprime veramente il suo amore per il Cagliari Sono completamente d’accordo.
Spero che ci boghi pure Spassetti,che torni a vendere abbonamenti telefonici.

Spero prima di tutto che la maglia 2021 22 sarà bella e rossoblù.
Quella di quest’anno è veramente brutta,puro marketing ,pogadidari.
In più quelle maniche bianche sino inguaribili e poi…pittica sa sfiga !!

Viva la serie A !! Gran miracolo.
Grazie Signor Semplici e Signor Cappozucca.

Stef .
1 mese fa

Gent.mo Frongia, pur essendo senza dubbio un valido “cronista” ed anche un attento osservatore continuo a pensare che il callo dolente (per il quale ci sarà certamente un motivo) rischi di ottenebrare o quanto meno invelenire una parte delle sue considerazioni. E’ talmente palese l’astio , la diffidenza, l’antipatia l’incompatibilità con il Presidente (io così lo chiamo) da trascinare le sue analisi ed i suoi commenti verso un profilo a volte quasi infantile oltre …

Stef .
1 mese fa
Reply to  Stef DL

.. monotematico e inguaribilmente piccoso. Capisco e trovo anche utile e necessaria la disparità di vedute e anche l’analisi dello scomodo per certi versi, ma non quando suoni pretestuosa ed a supporto delle mistiche tesi che non so perchè leggo solo tra i suoi commenti. Secondo me un po’ di obiettività non guasterebbe oltre che legittimare il suo lavoro di indagine e critica che, ripulito dalle colorazioni tendenziose, avrebbe un indubbio valore giornalistico.

alexandercook
alexandercook
1 mese fa

mah.. il mio modesto parere giunti alla fine di questo incubo è che Giulini abbia certamente commesso diversi errori a cominciare dalla scelta di un allenatore quotato ma difficile da calare in un nuovo club in un anno così complicato sino al ritardo nell’esonero, Tutto ovviamente con il senno di poi visto che ad inizio anno eravamo tutti più o meno contenti dell’arrivo di un tecnico importante.

alexandercook
alexandercook
1 mese fa
Reply to  alexandercook

Ciò detto visto che è il momento anche delle riflessioni dopo questi anni di presidenza Giulini mi sembra che rispetto a prima: – abbiamo una società più strutturata e moderna – un settore giovanile in crescita grazie anche ad iniziative come l’academy – un centro sportivo in costante sviluppo (ereditato certa ma molto migliorato) – un progetto stadio che per quanto faticoso prosegue e nonostante le difficoltà burocratica ancdrà a dama portandoci probabilmente ad un livello superiore – una società che investe anche in giocatori importanti, magari sbaglia sul mercato, ma vediamo giocatori che un tempo ci sognavamo – una… Leggi il resto »

Robbysan
Robbysan
1 mese fa
Reply to  alexandercook

Pienamente d’accordo, bravo.👏👏

alexandercook
alexandercook
1 mese fa
Reply to  alexandercook

ciò detto ben venga un camio di presidenza migliorativo ma non con una proprietà che manco sa dov’è la Sardegna (possiamo dire quello che vogliamo ma Giulini non sarà sardo ma certamente non può sparire dal giorno alla notte vista la presenza aziendale sul territorio). Ci vuole una proprietà appassionata, competente, in grado di investire adeguatamente e comunque più di quella attuale. Esiste qualcuno che concretamente può subentrare? certo non un fondo qualsiasi che sappiamo tutti che obiettivi ha (altro che il profitto che ogni imprenditore cerca naturalmente). Se esiste si materializzi e ben venga. Altrimenti avanti con Giulini sperando… Leggi il resto »

Aenigma
Aenigma
1 mese fa

E tra l’altro, se domenica vinciamo col Genoa ed alcune altre partite vanno come “potrebbero” andare, rischiamo addirittura di finire questo “scandaloso” campionato all’ 11° posto ! Ahahah sai che smacco sarebbe “per qualcuno” ?
Io con una squadra così e con EDF come allenatore altro che proclami avrei fatto, avrei raddoppiato i prezzi delle tribune e dei distinti.
Ma tutto sommato, sono più contento così. Per certi obbiettivi oltre una Società seria e solida ci vuole anche una Piazza di Livello

Enrico
Enrico
1 mese fa
Reply to  Aenigma

L’ho scritto pure io ieri, poco prima che si giocasse col Milan, quando il rischio di arrivare undicesimi era ancora più concreto. Qualcuno ci ha scherzato su, ironizzando sulla mia consueta poca voglia di riderci sopra. In fondo non mi pare che altrove (Firenze, Genoa, Torino granata, Roma) i tifosi possano dirsi soddisfatti per i traguardi raggiunti (pure) quest’anno. I nkdtei ci hanno fatto girare le palle come non accadeva da anni, poi si sono ripigliati in calcio d’angolo ed ora eccoci qua a festeggiare. Inutile aggiungere che in campo scendono loro, ma gran parte di tutta questa sofferenza è… Leggi il resto »

alexandercook
alexandercook
1 mese fa
Reply to  Aenigma

certamente questa ultima parte di campionato ha ampiamente dimostrato che questa rosa con Rog disponibile era da primi dieci posti nonostante vi fossero certamente delle lacune e degli inserimenti non azzeccati.

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa
Reply to  Aenigma

Quel “qualcuno” sta già andando a Maloox dal gol di Simy del Crotone di ieri pomeriggio.
Ciao frarisceddu rossoblu.❤💙❤💙❤💙❤💙

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa
Reply to  Aenigma

👍❤💙

Mario
Mario
1 mese fa

Vorrei sapere cara redazione perchè eliminate i miei post. Vorreste essere cosi cortesi da darmi una risposta. Ribadisco per l’ennesima volta che non mi sono mai permesso di scrivere ne calunnie tantomeno cose offensive come ne leggo tutti i giorni. SAPETE DAQRMI UNA RISPOSTA

renato blandini
renato blandini
1 mese fa

Il nuovo Allenatore Semplici ci ha tolti da quello”inferno che Di Francesco ci aveva mandato.Ci servirà con il nostro.Presidente Giulini a comporre una Squadra forte e generosa che sia l”orgoglio.di tutti i Sardi dentro e fuori dalla nostra terra Sarda.Forza Cagliari sempre…

Andrea
Andrea
1 mese fa

La cosa più preoccupante di questo articolo è che traspare la possibilità che Semplici non venga confermato da Giulini… sarebbe il colmo.

Stef .
1 mese fa
Reply to  Andrea

mi consenta.. aria fritta, al momento resta solo l’accordo che a salvezza raggiunta si sarebbe siglato il rinnovo. Il resto sono chiacchere tutte da verificare.

alexandercook
alexandercook
1 mese fa
Reply to  Andrea

sì come da prassi, traspare si vocifera ci sono spifferi qualcuno ha sussurrato passando in piazza alcuni dicevano l’amico di un mio amico ha saputo ecc ecc…

Pino la lavastoviglie
Pino la lavastoviglie
1 mese fa
Reply to  Andrea

La cosa preoccupante e che prima si scrive di una riconferma ( articolo di Fabio ornano) e poi si scrive il contrario

Sandr5o70
Sandr5o70
1 mese fa
Reply to  Andrea

La cosa più preoccupante invece è se non si lascia lavorare CAPOZUCCA se riterrà SEMPLICI NON ADATTO PER LA NOSTRA CAUSA non esistono dogmi o imposizioni che tengano neppure l agognata salvezza
Ognuno stia al suo posto
Forza Casteddu

Andrea
Andrea
1 mese fa
Reply to  Sandr5o70

speriamo; l’importante è che Capozucca possa lavorarecome sa

Tonyos (Forza Cagliari)
Tonyos (Forza Cagliari)
1 mese fa

Capisco il poco feeling con il Presidente, però una persona del suo rango giornalistico dovrebbe comunque mantenere la giusta correttezza (pur legittimamente criticando e facendo le osservazioni che lei fa e ha il diritto di fare) quindi chiamando il sig. Giulini per quello che è il suo ruolo e cioè “Presidente” e così come non solo lei ma la gran parte dei tifosi (io compreso) gli addebita l’errore della perseveranza (non della scelta iniziale) su Di Francesco è giusto dargli oggi il merito del

Tonyos (Forza Cagliari)
Tonyos (Forza Cagliari)
1 mese fa

della scelta e del coraggio di aver scelto Semplici ed essere anche ritornato su Capozzucca, segno che comunque ha ammesso i suoi errori, cosa che lei evita di fare solo per risentimento verso di lui. Ma è il bene del Cagliari che conta il resto sono fatti privati. Continui ad intervistare i Presidenti come fa da oltre 30 anni, nel giusto rispetto appunto e nella giusta critica ma sempre per il bene del Cagliari!

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa

👍❤💙

Tonyos (Forza Cagliari)
Tonyos (Forza Cagliari)
1 mese fa

Nessuno vuole insegnare il mestiere al sig. Frongia, però come lei ha diritto di scrivere ciò che vuole e viene rispettato dai più che siano d’accordo o meno (condivido e mi dissocio da chi insulta!), anche noi abbiamo il diritto di non condividere e non per questo essere bannati.

massimiliano rossi
massimiliano rossi
1 mese fa

Dott. Frongia molte cose da lei scritte sono condivisibili ma traspare troppa acredine che alla fine tende a farla deragliare.
Comunque rispetto per il suo lavoro

Claud
Claud
1 mese fa

Il lavoro di Semplici è stato doppiamente utile e concreto. Ti ha permesso di mantenere la serie A e ha gettato le basi per un prossimo futuro fatto di certezze. Con poche operazioni di mercato la squadra è fatta.

Sandr5o70
Sandr5o70
1 mese fa

Vedremo se il presidente ha imparato la lezione OGGI È FESTA PER TUTTI
Da DOMANI SI VEDRÀ
FORZA CASTEDDU

Luigi
Luigi
1 mese fa

Giulini ha dimostrato di non saper imparare dai propri errori. Se fosse un manager di una azienda…sarebbe stato già licenziato. Si dà il caso che sia il padrone, e il padrone è “sempre solo al comando”, anche quando lascia ai collaboratori l’illusione di poter decidere quale carta comprare per le fotocopie. Se Giulini andasse via io piangerei. Non per lui, ma pensando a quello che arriverebbe dopo…

Pino la lavastoviglie
Pino la lavastoviglie
1 mese fa
Reply to  Luigi

Ecco vedi nel tuo caso hai scritto una cosa senza senso dato che appunto gestisce un’azienda e non sai neanche minimamente di come la gestisce

tifoCagliari
tifoCagliari
1 mese fa

adoro Mario Frongia, ha la capacità di parlare senza servilismi. E sono pochissimi a Cagliari …

Pino la lavastoviglie
Pino la lavastoviglie
1 mese fa

Nessuno qua chiede di inchinarsi davanti a nessuno ma rispetto soprattutto da parte di chi scrive ” un uomo solo al comando” perché lo trovo alquanto infantile, sul carro ora ci salgono tutti, si perché siamo tifosi che magari cambiamo idea da un giorno all’altro oppure ci scontriamo su giocatori, partite, allenatori ma appunto siamo semplicemente dei tifosi che amano questi colori, e stata una stagione fallimentare certo lo sappiamo bene ma le colpe vanno anche suddivise tra tutti

Pino la lavastoviglie
Pino la lavastoviglie
1 mese fa

Giocatori compresi perché di errori da terza categoria ne abbiamo visto sin troppi, che giulini abbia sbagliato a fare proclami e giusto ma penso che in tanti ( addetti hai lavori compresi) hanno pensato e scritto che questa squadra era di un ottimo livello, anzi tanti sino all’altro giorno dicevano che una squadra come il Cagliari era impensabile che retocedesse, Sopra la panca, se non erro e stato scritto un articolo ieri pomeriggio dove giulini confermava l’allenatore, adesso si scrive il contrario, prima i fantomatici 007 che indagano sull’asse Cagliari-olbia, poi incontri misteriosi con i dirigenti del Bologna, insomma buttare… Leggi il resto »

Pino la lavastoviglie
Pino la lavastoviglie
1 mese fa

Dimenticavo, il bilancio parla di appena 2 milioni in attivo, diciamo che in tasca si e messo qualche spicciolo niente di più

Claud
Claud
1 mese fa

E se non c’è sana discussione che ci stiamo a fare qui.

Dimoniu Arrubiu
Dimoniu Arrubiu
1 mese fa

Io ho terrore che Giulini, a pericolo scampato, torni a fare il Giulini

Andrea
Andrea
1 mese fa

ho paura anch’io… avremo una risposta a breve con la conferma o meno di Semplici

nando
nando
1 mese fa

forza Cagliari e forza frongia e le sue motarelle che ci hanno fatto compagnia

Claud
Claud
1 mese fa

Questo campionato insegna che tutte le partite contano e bisogna fare punti dalla prima giornata. E’ giusto che il presidente dia un lasso di tempo sufficiente a tecnico e giocatori per conoscersi e sviluppare un gioco che porti al risultato utile. Tutto questo ha un tempo limitato e se le cose noti che non vanno bene, la proprietà ha il compito di intervenire velocemente. Giulini faccia ammenda.

Aenigma
Aenigma
1 mese fa

Mah…. non so dove si vuole arrivare.
Se parliamo di come “onestamente” si guadagnino da vivere, credo che almeno il 90% dei Presidenti/Proprietari delle squadre di prima fascia dei 5 migliori campionati europei abbiano le stesse caratteristiche. Chi fa soldi a certi livelli lo fa quasi sempre solo con una parvenza di onestà. Lo sappiamo, lo abbiamo sempre saputo. E’ un sistema intero, quello capitalistico, che mette davanti a tutto e tutti solo il “profitto”. Quindi o lo accettiamo o lo….

Aenigma
Aenigma
1 mese fa
Reply to  Aenigma

o lo rifiutiamo in TOTO conservando la nostra integrità in purezza. In sostanza l’unico modo che hai per combattere con coerenza ed intransigenza il “male” della “produzione della Carne” (tanto per fare un esempio) è diventare VEGANI.
Non ci sono vie di mezzo. Non basta dire : io sono innamorato del Calcio e mi piace parlare e guadagnare sul gioco del calcio, facendo poi l’Apostata per puntare il dito sui gravi e lacunosi difetti di questo mondo ove tu stesso ci mangi…

Aenigma
Aenigma
1 mese fa
Reply to  Aenigma

la coerenza vorrebbe che dalle colonne di ben altre testate si criticasse sempre e “tout-court” questi padroni del calcio che delinquono da una parte per poi imbellettarsi sui palcoscenici dello sport (Calcio nel nostro caso). Se invece si accetta di far parte della macchina fabbrica-soldi, allora sarebbe gradita una parvenza di dignità in più limitandosi a stare intorno ai semplici fatti sportivi e prenderli per quello che sono : fatti sportivi. I miei ossequi….

Claud
Claud
1 mese fa
Reply to  Aenigma

Bravo Aenigma.

Cornelio M.
Cornelio M.
1 mese fa

Concordo su tutto. Festeggiamo questa strepitosa è difficile salvezza, ma il presidente deve fare davvero un mea culpa: troppi errori e tutti insieme, troppi

Riki Brando
Riki Brando
1 mese fa

Oggi siamo in Paradiso e ce lo godiamo. Del doman non v’è certezza. Anzi una certezza c’è e si chiama Capozucca. Se gli si consentirà di lavorare in pace e senza troppe interferenze, arriveranno anche i risultati.

Roar
Roar
1 mese fa

Semplicemente Semplici come allenatore. Non scherziamo

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa

Concludo esternando tutta la mia immensa felicità per la meritata salvezza.
A qualcuno SENZA RIVELARE QUEI QUALCUNO, consiglio degli antigastrici potenti.

#IO STO CON GIULINI

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa

Vede Dott.Frongia lei sa meglio di me come basti tralasciare un piccolo particolare per stravolgere completamente il pensiero di qualcuno. Se non si scrive con chiarezza che il presidente ha fatto mea culpa dicendo che fra i colpevoli c’è anche lui, si omette una cosa fondamentale. Se poi lei come tanti in questo sito pensa che la colpa sia solo la sua, allora alzo le mani e mi arrendo.
Sul ponte sventola bandiera bianca Dott.Frongia.
Cordialmente
Bruno Dessì
Emigrato in trasferta da una vita

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa

Con la corrente solo i pesci morti Dott.Frongia
Ossequi

Piccio pasticcio
Piccio pasticcio
1 mese fa

Ottimo articolo. Lo condividere nella sua interezza!

Stefano Fercia
1 mese fa

In un confronto di dialettica, ci può stare che spesso non abbia condiviso i suoi approfondimenti, ma l’articolo di oggi mi ripaga, in primis quando dico che bisogna replicare con parole e non offendendo, lo scordare facilmente nei momenti gioia assoluta ciò che si è scritto qualche settimana prima…ultimo ma non ultimo, mi auguro che chi gestisce questo blog la finisca di censurare chiunque remi contro le ipocrisie societarie e giornalistiche.
Grazie e buone vacanze a tutti i tifosi Sardi

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa
Reply to  Stefano

Nessuno in questo sito viene censurato, il suo post ne è testimonianza esplicita. A me non è mai stato censurato nulla se non quando ho mandato a quel paese (ma pensa non ho scritto aff**c.u.l.o) qualche buontempone che pretende di dare lezioni da professore universitario e sputa fango senza un minimo di rispetto per il Cagliari e per quello che rappresenta per me e tanti altri come me, ci sono tifosi e “tifosi”, poi ci sono quelli come me, che non contano nulla, amano il Cagliari e basta.

Stefano Fercia
1 mese fa

Tu dici che non c’è censura, ma ieri ho voluto rispondere a te che mi imputavi di dire c..te, ma dopo la pubblicazione è stato cancellato.
Comunque non sono professore e preferisco parlare anziché insultare, ricordo, senza fare nomi, tutti quelli che mandavano a quel paese i vari giocatori, fino a pochi giorni fa’, vedi la partita con la Fiorentina.
Ora tutti i detrattori che salgono sul carro dei vincitori. Poi come scritto più volte se in un confronto mi fai cambiare idea la accetto e ti ringrazio….

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa
Reply to  Stefano

Mi dispiace ti abbiano censurato.
Un abbraccio Stefano.
Io non mai buttato mer.d.a.
Se vuoi parlare con me puoi farlo, però se ti devo dire che hai detto ca**ate te lo dico.
Rinnovo il mio abbraccio.

Stefano Fercia
1 mese fa

Preferisco che mi faccia capire dove ho sbagliato e non dire soltanto hai detto c…te.
Come ti ho scritto prima ti auguro ogni bene ed un abbraccio anche a te.

Stefano Fercia
1 mese fa
Reply to  Stefano

Come te anche io sono un emigrato, vivo nel Lazio, e come te, da che ho memoria ho sempre tifato per il Cagliari e continuerò a farlo, nel bene e nel male.
Però non puoi impedire a chi che sia di criticare, assumendosi la responsabilità di ciò che si dice, società e giocatori.
Su una cosa sono d’accordo con te, siamo solo numeri, ma pur sempre tifosi.
Ti auguro ogni bene….

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa

Nessuna indicazioni per il suo mestiere, tantomeno pretendo che lei riveli LE SUE FONTI, non credo che il presidente gradisca le interviste pilotate. La invito ad ascoltare con le sue orecchie e non QUELLE DELLE SUE FONTI, l’intervista del presidente a sky di ieri. Ha esplicitamente e chiaramente dichiarato che ci sono stati degli errori, che non c’è un colpevole, ma che si è tutti colpevoli “COMPRESO IL SOTTOSCRITTO”.
La ascolti bene.

Bruno Dessì
Emigrato in trasferta da una vita!
Ossequi

Giampy
Giampy
1 mese fa

Dimenticavo : a guidarli merita una conferma semplici, pochi dubbi al riguardo, a meno che giulini nn ricominci dagli e(o)rrori…..

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa

Nessuna indicazioni per il suo mestiere, tantomeno pretendo che lei riveli LE SUE FONTI, non credo che il presidente gradisca le interviste pilotate. La invito ad ascoltare con le sue orecchie e non QUELLE DELLE SUE FONTI, l’intervista del presidente a sky di ieri. Ha esplicitamente e chiaramente dichiarato che ci sono stati degli errori, che non c’è un colpevole, ma che si è tutti colpevoli “COMPRESO IL SOTTOSCRITTO”.
La ascolti bene.

Bruno Dessì
Emigrato in trasferta da una vita!
❤💙❤💙❤💙

Giampy
Giampy
1 mese fa

Da confermare in blocco: godin, carboni, ceppo, walu, in difesa. Marin, deiola, nandez, rog, ninjia, a centrocampo. Joao, pavo, in attacco. Il resto via, tra fine prestiti, fine ciclo, poco adatti alla categoria! Occorrono due esterni di fascia di livello, qlc cambio a centrocampo (un regista), e due punte, una di peso e una veloce e tecnica (ounas)…

Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
Bruno Dessì alias Fogusabbruxidi
1 mese fa
Reply to  Giampy

Ti sei dimenticato quattro chili di melanzane, due chili de pisciurè, tre chili di pomodori cuore di bue, e visto che ci sei, compra le arselle che ci facciamo una spaghettata buona buona innaffiata con un buon vermentino di Sardegna.
Oh! pagasa tui, deu dinai pagu.
Ciao, spassiarì.

Enrico
Enrico
1 mese fa

Glissando sui mal di pancia che ci ha recato questa travagliata stagione, devo dire che l’articolo mi trova d’accordo sopratutto nella parte in cui si punta il dito sulla memoria. Già, perché a voglia ora di rifiatare, stappare bottiglie, il bello deve ancora venire. Programmare una stagione pensando di ripartire, come al solito, dalle cessioni è quantomeno di dubbio gusto. Cragno e Nandez andrebbero trattenuti perché sono tra i piu forti che abbiamo, e con loro JP e Rog. I sogni son desideri…

Salvatore Maricca
Salvatore Maricca
1 mese fa

La partita di ieri sera a San Siro ha zittito tutti i complottisti che avendo torto, credevano che il sistema calcio stesse favorendo il Cagliari. Risultato bugiardo quello di ieri sera e solo un Donnarumma in formato Nazionale, ha impedito ai rossoblu’ di portare a casa una sacrosanta vittoria. Nessuno si azzardi a non riconoscere il merito di una squadra che pur tra mille difficoltà ( create anche da una gestione approssimativa) è riuscita a condurre in porto una meritata salvezza.

Atlantis
Atlantis
1 mese fa

Ho sempre pensato (e detto!) che Frongia è un giornalista con la schiena dritta. Questo pezzo lo conferma.
E attenzione: non mi pare che ieri Giulini, nel corso dell’intervista su Sky, abbia confermato Semplici. Al contrario, è stato reticente. Occhio alle sgradite sorprese….e a non dimenticarci, nella gioia di oggi, che la stagione è stata un fallimento e che la squadra è da ricostruire. Speriamo che Giulini lasci carta bianca a Capozucca, altrimenti ci aspetta un’altra stagione di sofferenza

Pino la lavastoviglie
Pino la lavastoviglie
1 mese fa
Reply to  Atlantis

Quindi l’articolo su questo sito dove si parlava di riconferma di semplici e una bufala? Prima si scrive una cosa poi un’altra mha…….

Atlantis
Atlantis
1 mese fa

Dico solo che, nel vedere le interviste di Giulini e Semplici, non ho avuto l’impressione che ci sia stato un accordo per proseguire. Al contrario, nessuno dei due (specialmente Giulini) mi è parso convinto. Credo che il cambio di allenatore sarebbe un errore, ma dopo le interviste di ieri il “linguaggio del corpo” e le parole del Presidente suggeriscono proprio questo. Vedremo.

Pino la lavastoviglie
Pino la lavastoviglie
1 mese fa
Reply to  Atlantis

E una tua personale opinione e impressione, fosse rimasto carta come DS ti darei quasi ragione ma la presenza si capozucca mi fa pensare diversamente

Salvatore
Salvatore
1 mese fa

Complimenti per l’articolo che conferma la mia valutazione sulla direzione societaria. Brava la squadra e speriamo in una campagna acquisti cessioni fatta con esperienza e non dall’uomo solo al comando.

Marco
Marco
1 mese fa

Bravissimo!!!!

Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "Da tifoso che mi recavo allo stadio e notavo che Cammarata trovava immense difficoltà nel rapportarsi coi compagni. Spesso, quindi, le sue..."

Gigi Riva

Ultimo commento: "Su Riva è stato detto e scritto di tutto. Giocatore Immenso ed unico. Ma il suo carisma lo si può riassumere col termine usato da..."
Francescoli

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "Classe pura da grande campione, giocate stupende e professionalità indiscussa Uomo dai principi di vecchio stampo Grazie di tutto " PRINCIPE ", era..."
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "peccato che perdemo 4-2"
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Nel '67 avevo nove anni, ma ricordo quando la formazione iniziava con: Colombo, Martiradonna, Tiddia ... ('64)"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Il dribbling di... Mario Frongia