Resta in contatto

Approfondimenti

Si è trattato solo di un fuoco di paglia?

Le sconfitte contro Juventus e Spezia hanno decisamente vanificato quanto di buono intravisto nelle tre gare precedenti

Dopo le vittorie contro Crotone e Bologna, ed il pareggio ottenuto in zona Cesarini contro la Sampdoria la maggior parte della piazza rossoblù si era convinta di aver finalmente cambiato rotta, coinciso con il tanto agognato avvicendamento in panchina.

Ma sono bastate le sconfitte contro Juventus e soprattutto quella di sabato pomeriggio in casa dello Spezia per far ripiombare tutti nello sconforto.

Contro la Vecchia Signora, che solo qualche giorno prima aveva disputato 120 durissimi minuti contro il Porto, si è vista una squadra molle, che già dopo trenta minuti sarebbe voluta andare sotto la doccia.

Effimera la reazione della ripresa, con l’avversario in palese debito di ossigeno e che, considerato il risultato già in cassaforte, non aveva interesse alcuno a forzare la mano.

Contro lo Spezia la dolorosissima conferma: il Cagliari non ha risolto i problemi di fragilità mentale, gli stessi che hanno condizionato la gestione di Eusebio Di Francesco.

Nonostante un primo tempo in cui Joao Pedro & Co hanno prodotto almeno tre palle gol e dominato sotto l’aspetto territoriale, nella ripresa è bastata la rete di Piccoli per sgretolarsi come neve al sole. Lo Spezia, che non vinceva da oltre un mese, ha preso coraggio ed ha costretto gli inermi rossoblù a difendersi.

Con evidente ritardo (altro importante segnale che probabilmente anche l’attuale tecnico trova difficoltà a far quadrare le cose) sono arrivati i cambi che hanno dato una scossa, ma il risultato, considerati gli errori, anzi gli orrori, sotto porta, è stato modesto.

Ergo, il Cagliari è terz’ultimo in classifica, il Toro dista solo un punto, ma con una gara da recuperare ed uno spirito sicuramente diverso.

Niente è ancora deciso: ci sono ancora dieci partite da disputare e trenta punti a disposizione. Ma è altrettanto vero che al momento la squadra rossoblù non riesce ad esprimersi, ed il cambio tecnico non ha risolto le precedenti problematiche. L’auspicio è che la sosta possa sortire qualche benefico effetto.

Ma un quesito regna sovrano: la colpa era davvero del precedente tecnico?

64 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
64 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti