Resta in contatto

News

Ancelotti: “Il pubblico manca. Rapporti? Solitudine da smartphone”

L’allenatore dell’Everton vive in Inghilterra un buon momento sportivo, ma preoccupante per gli sviluppi del Covid-19 nel Paese in cui lavora: le riflessioni di Carlo Ancelotti

PANDEMIA. Carlo Ancelotti, uno dei più grandi allenatori italiani, guida l’Everton in Premier League. La sua analisi sulla pandemia legata al calcio, raccolta durante la trasmissione Radio Anch’io Sport su Radio 1 Rai: “Nelle ultime partite in casa abbiamo avuto duemila persone allo stadio, hanno cambiato totalmente ambiente e sensazioni. Purtroppo le cose sono cambiate nel Paese, è stato necessario chiudere nuovamente ai tifosi. Senza spettatori è difficile. Comprendo che il calcio sia uno strumento importante per i tifosi costretti a stare a casa, ma così è tutta un’altra cosa“.

IL CALCIO ATTUALE. Il tecnico di Reggiolo sostiene inoltre che “a livello tecnico è un calcio che sta cambiando, non so se per la pandemia o per altri motivi. Oggi c’è molta più ricerca del gioco verticale, si è tornati a considerare l’aspetto difensivo in maniera importante. Meno possesso palla.

SOCIAL. Zaniolo? I panni sporchi vanno lavati in casa e vale anche nel calcio, negli spogliatoi. Ma la vita privata e la pubblicizzazione rappresentano un danno per tutti, non solo per Zaniolo e i calciatori. Il calcio è un privilegio. Lavorarci è un privilegio, per me per i calciatori. Internet e i social hanno allontanato le relazioni personali. Incide fortemente sulla vita privata di tutti. Nell’Everton ci sono regole di comportamento, ma è impossibile evitare la presenza dei calciatori sui social. La gestione dipende dall’intelligenza individuale. La chiamo “la solitudine dello smartphone”, che riguarda non solo i rapporti nel calcio. Ma pure tra genitore e figlio, per esempio“: questa l’amara riflessione di Carlo Ancelotti. Come dargli torto?

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Si vergogni sindaco e amministrazione di cagliari che fanno giocare la squadra ds 17 anni in uno stadio prefabbricato"

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News