Resta in contatto

News

Posticipo Serie A. Il Milan colpisce 4 legni e alla fine pareggia 2-2 a San Siro col Parma

Avanti con le reti di Hernani e Kurtic i ducali assaporano a lungo la vittoria ma vengono raggiunti dalla doppietta di Hernandez

Il Milan colpisce quattro legni, tra pali e traverse, delle quali con Calhanoglu, va sotto 2-0 con il Parma, ma alla fine mantiene da oltre un anno l’imbattibilità in campionato

IL MATCH DI SAN SIRO. Sfortunato Gabbia. La sua gara dura meno di 3’, causa infortunio dopo uno scontro fortuito con Cornelius. Al suo posto Kalulu che, dopo il debutto in Europa League a Praga giovedì, fa il suo ingresso anche in Serie A. Si mette male per la capolista, che al 13’ va sotto per la rete di Hernani su passaggio di Gervinho, con un piattone col destro da centro area che supera Donnarumma  e va a finire sul palo lontano. I rossoneri aumentano l’intensità, ma al 20’ rischiano grosso sull’imbeccata di Gervinho, stavolta per Karamoh che sfiora il raddoppio gialloblù di un non nulla. Cinque minuti dopo l’undici di Pioli si vede annullato il pareggio dal VAR, per fuorigioco di Castillejo sul tocco di Brahim Diaz. 30’: assist di Calabria per Kessiè, provvidenziale intervento difensivo di Osorio, ad evitare guai. Doppia traversa  nel giro di pochi secondi al 40’: prima con di Brahim Diaz, quindi di Calhanoglu. Si salva all’1-1, la squadra di Liverani, che ha difficoltà a superare la metà campo. Palo esterno sulla frustata di Calhanoglu al 46’. Squadre all’intervallo dopo 3’ di recupero, concessi dall’arbitro romano Forneau.

Nella seconda parte della partita la dinamica è quella di quasi tutto il primo tempo: milanesi in pressione, emiliani a difendersi e rimediare al 6’ un’altra traversa, ancora di Calhanoglu. Che sfortuna il turco! Incredibile al minuto 11: secondo tiro in porta del Parma e secondo gol, stavolta di Kurtic con un gran colpo di testa, che batte l’incolpevole Donnarumma, che tocca la sfera ma nulla può fare. Theo Hernadez svetta più in alto di tutti (avversari e compagni di squadra) e accorcia un minuto dopo di testa, dopo aver agganciato palla dall’angolo di Calhanoglu. Oltre mezz’ora più recupero da vivere a San Siro, con il tecnico ospite che si copre con qualche cambio e non subisce più di tanto, fino al pareggio di Theo Hernandez al 46’, siglato con destro potente che non lascia scampo a Sepe. Ancora 3’ di recupero per vincere, da parte di una delle due contendenti. Alla fine è 2-2, Milan che si porta a 27 punti 8+3 sull’Inter), Parma a 11.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Si vergogni sindaco e amministrazione di cagliari che fanno giocare la squadra ds 17 anni in uno stadio prefabbricato"

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News