Resta in contatto

News

Serie C Girone A. L’Olbia domina ma non sfonda il muro della Lucchese: 0-0 al Nespoli

Dopo un avvio toscano i galluresi fanno la partita creano tanto ma non trovano la vittoria muovendo comunque la classifica

L’Olbia gioca, mette alle corde la cenerentola Lucchese, ma al Nespoli chiude la gara sullo 0-0, mancando la seconda vittoria di fila.

LA CONTESA. Canzi opta ancora per il 3-4-1-2, ma con Gagliano in attacco dal 1’ visto il problema fisico accusato da Udoh, durante il riscaldamento. Dall’altra parte Lopez schiera i suoi invece con il 3-5-2. Avvio aggressivo dell’ultima della classe pericolosi al 7’ con Adamoli (grande intervento coi riflessi di Tornaghi) e Bianchi che obbliga 2’ dopo, il portiere di casa a smanacciare per evitare guai.  Col passare dei minuti sono i galluresi a prendere in mano la partita. Al 21’ Gran palla di Giandonato per Gagliano, ma l’intervento di Coletta in uscita è fondamentale. Sette minuti dopo altra azione del duo di casa, con il portiere avversario bravo nel togliere il pallone dalla disponibilità del giocatore in prestito dal Cagliari. Brivido, dall’altra parte un minuto dopo, quando Adamoli fa impazzire la difesa sarda in area. Fortunatamente è impreciso al tiro e Tornaghi respinge, poi Ladinetti allontana la sfera. 32: bella combinazione LellaGiandonato, botta del secondo e palla di poco fuori. Gara viva al Nespoli. Al 33’ Nannelli imbecca Bianchi in profondità, De Rosa non si fa sorprendere e libera. Dieci minuti dopo, su un errore difensivo sul pallone calciato da Cadili, Giandonato ci prova al volo da oltre quindici metri, mandando però alto sopra la traversa. L’arbitro Cosso di Reggio Calabria, manda le due squadre all’intervallo, dopo 2’ di recupero.

La ripresa vede un avvio in forte pressing dell’Olbia, vicina alla rete con Gagliano al 3’ (super uscita del portiere dei rossoneri) e ospiti che divorano il vantaggio con Bianchi, ipnotizzato da Tornaghi al 14’. Canzi ci crede al primo successo interno. Al minuto 17 fuori Demarcus e Giandonato, dentro Arboleda e soprattutto Ragatzu, che il tecnico (dopo il ritorno una settimana fa in squadra) sta dosando alla grande. Dominio gallurese anche in questa frazione, comunque dai ritmi non eccelsi. Dentro anche Pennigton al posto di Lella. Trazione offensiva aumentata dunque dal 24’ per cercare la rete che sblocchi la sfida, che al 27’ Ragatzu per poco non coglie, mandando palla all’esterno della rete, sull’eccellente suggerimento di Marigosu che, al 39’ grazia il portiere ospite con un sinistro dal limite dell’area, che termina a poca distanza dall’incrocio dei pali. Infine 94’, anche La Rosa sfiora la rete. L’Olbia resta al terzultimo posto della graduatoria del Girone A con 8 punti, ad una lunghezza di distanza da Pistoiese e Piacenza.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News