Resta in contatto

Approfondimenti

Cagliari ok in attacco: ma la difesa è al livello di Torino e Spezia

Quindici le reti subite in sei partite con una media di 2,5 gol al passivo a gara ma in attacco le cose vanno bene

Il Cagliari è da applausi in attacco, ma da serie tirata d’orecchi in difesa. Le 15 reti subite in sei partite (una dal Sassuolo, due dalla Lazio, cinque dall’Atalanta, due dal Torino, altre due dal Crotone e tre sabato scorso dal Bologna) sono troppe. I gol subiti sono gli stessi di Spezia e Torno, con i granata che hanno una gara in meno. E, per fortuna c’è Cragno in porta, miglior estremo difensore nei maggiori cinque campionati europei, con una media di 5,4 interventi a gara. Il passivo di Godin e compagni in difesa è di 2,5 gol al passivo a gara. Un problema, come evidenzia anche l’Ansa, che l’allenatore dei rossoblù Eusebio Di Francesco aveva già sottolineato anche nelle settimane precedenti.

Dopo il match al Dall’Ara lo ha detto in maniera ancora più chiara. “Ci vuole maggiore attenzione in fase difensiva. Il discorso si lega a tutta la squadra, specie negli ultimi trenta metri. Voglio vedere più determinazione, rabbia nell’andare a difendere. Si può perdere dopo essere andati due volte in vantaggio, ma prendere gol così sta capitando un po’ troppo spesso. Per migliorare conosco solo una ricetta, il lavoro, dobbiamo dare continuità a ciò che facciamo”.

BENE IN AVANTI, MA… Altro problema di queste prime sei giornate la mancanza di freddezza e calma nella gestione del vantaggio: la squadra si abbassa subito e troppo. Con il Bologna il Cagliari si è illuso due volte. Lo ha fatto, dopo l’1-0 firmato Joao Pedro e ripetuto dopo il 2-1 di Simeone. Purtroppo questa non è una novità: riacciuffati dal Sassuolo alla prima giornata dopo il gol di Simeone, dalla perla di Bourabia su punizione, ripresi dal Torino e dal Crotone, dopo i provvisori vantaggi sempre del Cholito, occorre lavorare tanto anche su questo, per iniziare a migliorare anche questa situazione, ad iniziare dall’anticipo di sabato alle 15 alla Sardegna Arena, contro la Sampdoria degli ex Ranieri e Ekdal.

30 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
30 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Larghissima maggioranza tra i lettori di CalcioCasteddu: Giulini dovrebbe passare la mano

Ultimo commento: "Probabile visto che è attaccato al colore dei soldi non certo ai colori rossoblu"

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "Ne' Capozucca ne' Giulini. Dove sono finite le promesse e i buoni propositi del Presidente, ha promesso per il centenario la zona uefa invece siamo..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti