Resta in contatto

Approfondimenti

Serie A, il punto: Cagliari che deve crescere, Hellas Verona tra le big, Domani tre recuperi del primo turno

Complice il 3-0 a tavolino sulla Roma e il successo con l’Udinese la squadra di Juric ha sfruttato alla grande le due gare di fila al Bentegodi

Tra il posticipo di ieri sera, vinto nettamente dal Bologna sul Parma, i tre recuperi della prima giornata e l’anticipo della terza venerdì, di fatto questa settimana non si gioca solo oggi e giovedì. Un calendario, come in altre nazioni, figlio del post lockdown che, Napoli, Milan e Hellas Verona, sembrano non accusare, più che dai punti in classifica e le vittorie, per il gioco espresso. Gli scaligeri di Juric sono un discorso a parte. Un gol 6 punti. Di fatto quei 3 punti in più, sono una rendita che varrà oro a fine stagione, ricevuta con il 3-0 a tavolino sulla Roma, per l’ingenuità della trascrizione errata di Diawara nella lista Under 22, anziché in quella over. Ma quanto fatto (per un grande club resta grave) e giustamente il club del presidente Setti si gode un vetta certamente sognata, ma insperata.

CAGLIARI. Intanto che il gruppo deve crescere sotto tutti i punti di vista e che Di Francesco, deve essere accontentato sul mercato, che chiude lunedì alle 20. Il problema non è il solo punto tra la gara con il Sassuolo e quello con la Lazio, il problema è che il tecnico deve avere i rinforzi giusti per il suo 4-3-3 e non adattati, Faragò per tutti. La strada è lunghissima. L’ambizioso progetto, che richiede tempo, è solo all’inizio, ma i rinforzi e i giocatori di ruolo vanno presi entro le 20 di lunedì prossimo, ovviamente liberandosi anche degli esuberi, che sono ancora tanti e poco duttili.

COSA HA DETTO LA SECONDA GIORNATA. Che Milan e Napoli sono già in palla, al contrario del Torino di Giampaolo (ma le partenze diesel del tecnico non sono una novità) e del Parma, alle prese con l’ingresso pochi giorni fa di una nuova proprietà. Anche il Crotone è ultimo, ma con il Milan qualcosa di Stroppa si è visto. In ogni caso il traguardo per i calabresi, è fissato per fine maggio e si chiama salvezza da ottenere con sudore e sacrifici. Bene la Roma al cospetto della Juventus, anche se alla squadra di Fonseca, vanno tirate le orecchie per aver sprecato il 3-1 con il tanto atteso per ovvi motivi Dzeko, e rimediato il 2-2. Da rivedere la Sampdoria, ultima a o dopo due gare, mentre tanto di cappello al Benevento di Filippo Inzaghi che, sotto 2-0 a Marassi, non ha battuto ciglio, ma ha prodotto, segnato tre gol e vinto il confronto con merito

I TRE RECUPERI. Domani 6 squadre tornano in campo per completare il quadro della prima giornata. La partitissima è senza dubbio quella delle 20,45, tra Lazio e Atalanta. Alle18 al Manuzzi di Cesena, in attesa di avere il Picco a noma per la Serie A, lo Spezia cerca il riscatto dopo il netto ko con il Sassuolo, contro l’Udinese battuta a Verona. Alla stessa ora in campo anche una sfida che si attende piacevole tra Benevento e Inter. Tutte e tre le gare su Sky Serie A.

Il PROSSIMO TURNO. La terza giornata apre il programma venerdì alle 20.45, quando al Franchi (Sky Serie A)  la Fiorentina riceve la Sampdoria. Sabato altre due gare su Sky Serie A. Sassuolo-Crotone alle 15 e (se si giocherà dato il problema Coronavirus nella squadra del presidente Preziosi) Genoa-Torino. Il sabato del massimo campionato si chiude su Dazn e Dazn 1 alle 20,45 con Udinese-Roma e si riapre domenica sugli stessi canali alle 12,30, con Atalanta-Cagliari. Dazn e Dazn 1 manderanno in onda alle 15 anche Lazio-Inter, mentre su Sky Serie A andranno in onda Benevento-Bologna e Parma-Hellas Verona. Gli ultimi due confronti saranno alle 18 Milan-Spezia e alle 20,45 la partitissima

Juventus-Napoli.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Capozucca confermato, pro o contro?

Ultimo commento: "Ne' Capozucca ne' Giulini. Dove sono finite le promesse e i buoni propositi del Presidente, ha promesso per il centenario la zona uefa invece siamo..."

Larghissima maggioranza tra i lettori di CalcioCasteddu: Giulini dovrebbe passare la mano

Ultimo commento: "ma che caxxo dici??? allora cellino è stato peggio del polentone???? magari avercelo ancora, non saremmo sicuramente in questa situazione."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti