Resta in contatto

Approfondimenti

1970-2020: fasti e oblio dello stadio Sant’Elia

Lo stadio Sant’Elia, inaugurato poche settimane dopo lo scudetto del Cagliari, taglia idealmente oggi il traguardo del mezzo secolo

COPPA ITALIA. Lo stadio Sant’Elia “compie” 50 anni. Era il 12 settembre 1970, quando Cagliari e Massese inaugurano l’impianto in occasione della Coppa Italia. Un terreno di gioco ambizioso, reso necessario per accogliere meglio la Serie A e una squadra che all’epoca stazionava ai vertici del calcio italiano. Quel giorno la squadra di Scopigno vinse per 4-1, grazie alle reti di Riva (15° e 83°), Gori (44° su rigore) e all’autogol di Zana (52°). Come oggi, si trattò di un sabato. Il Mister di Paularo schierò: Albertosi, Martiradonna, Mancin, Cera, Niccolai, Tomasini (69° Brugnera), Domenghini, Nenè, Gori, Greatti, Riva.

STORIA. Struttura a pianta ellittica in cemento armato a due anelli sovrapposti, completata dopo l’inizio dei lavori nel 1965, costò quasi 2 miliardi di lire. Il “padre” dello stadio Sant’Elia è stato l’architetto Antonio Sulprizio, l’autore dell’ampliamento – resosi necessario per i clamorosi successi del Cagliari – l’ingegnere Giorgio Lombardi. L’impianto ha ospitato cinque incontri della Nazionale maggiore (Svizzera 1967 e 1992, Spagna 1971, Argentina 1989, Russia 2005), tre della fase finale del Mondiale ’90 e grandi artisti in concerto come Joe Cocker, Vasco Rossi, Claudio Baglioni, Banco di Mutuo Soccorso, Rockets, Edoardo Bennato.

DISAVVENTURE. Il Sant’Elia non ha avuto una vita facile. Già due mesi dopo l’inaugurazione, una perdita di combustibile saturò il terreno di gioco e provocò un incendio, con relativa chiusura temporanea della struttura. Le polemiche sulla concezione del progetto complessivo, l’inagibilità del 2002 e le tribune posticce sopra la pista d’atletica. E ancora… il declino e il degrado, con la società costretta ad abbandonare definitivamente l’impianto nel 2012. Ora, dopo il passaggio alla Sardegna Arena, del Sant’Elia non resta che uno scheletro: quasi impossibile immaginare una squadra leggendaria sul suo manto erboso, in attesa della demolizione.

31 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
31 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Questo sondaggio in questo complicatissimo momento lo vedo veramente utile....dovremmo fare propaganda parlando solo ed esclusivamente della partita..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini comunque vada un tecnico giovane bravo e con tanta voglia di fare bene sia in A o B e col cuore ROSSOBLU"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti