Resta in contatto

Approfondimenti

Un monologo senza premere il grilletto e il Cagliari scappa con un punto

Prestazione opaca dei rossoblù che in qualche modo escono dalla Sardegna Arena con un pareggio

Uno degli stereotipi dei film d’azione è il cattivo che può uccidere il protagonista in qualsiasi momento ma si perde in un lungo monologo che termina inesorabilmente con un ribaltamento della situazione. Si può riassumere così la sfida tra Cagliari e Sassuolo. I neroverdi dominano sul campo, non fanno vedere il pallone agli uomini di Zenga per almeno un’ora, ma non affondano il colpo del ko, nonostante il gol di Caputo al 12′ lasciasse presagire già dopo un quarto d’ora un potenziale massacro. I rossoblù non giocano il primo tempo, guardano gli avversari passarsi il pallone, poi nella ripresa, al primo vero contropiede, danno una lezione importante a De Zerbi: se vuoi fare il Barcellona ricordati di tirare anche in porta.

La rete di Joao Pedro al 63′ regala il punto più brutto della stagione ai rossoblù, ma non certo immeritatamente. Il Cagliari ha reagito all’espulsione di Carboni e come spesso accade c’è voluto un ceffone per svegliare la squadra. La reazione c’è stata, mentre lo sterile Sassuolo si limitava a guardarsi allo specchio buttando via una gara con oltre il 70% di possesso palla a favore. Zenga ringrazia ed è soddisfatto, Giulini molto meno a giudicare dalle espressioni in tribuna sapientemente inquadrate dalla regia televisiva.

Birsa regista è un errore da matita rossa, tanto che è bastato inserire un classe 2000 di ruolo per svoltare il centrocampo. E questo rende ancora peggiore l’ostracismo verso Cigarini, sacrificato “per scelta tecnica” con una rosa già corta e stanca. Spiegare il vero motivo delle ultime esclusioni servirebbe quantomeno a non farla apparire una scelta autoflagellante. Male anche l’idea di Pereiro come seconda punta, oltretutto utilizzato a fine partita come capro espiatorio di un primo tempo giocato solo nella propria metà campo.

Dunque un pareggio che vista la piega presa dalla partita è certamente un punto d’oro, ma che lascia aperti una serie di interrogativi sul finale di stagione. I rossoblù muovono la classifica in qualche modo, ma di certo la prestazione di ieri segna un solco importante sulla permanenza dell’Uomo Ragno anche l’anno prossimo.

31 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
31 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti