Resta in contatto

Rubriche

Cagliari-Atalanta: le pagelle rossoblù di Calcio Casteddu

Diamo uno sguardo alla prestazione dei rossoblù contro l’Atalanta: le pagelle del match appena concluso alla Sardegna Arena

CRAGNO: VOTO 7,5. Bravissimo su alcuni tentativi ospiti nel primo tempo, non può nulla sul penalty. Dice di no a Ilicic: fondamentale.

WALUKIEWICZ: VOTO 5,5. Rischiosa la sua distrazione su Pasalic, fortunatamente non decisiva. Reitera nell’errore al 42°. Forza, “Walu”!

PISACANE: VOTO 6,5. Un’indecisione non decisiva sulla trequarti, non riesce a contenere Muriel che spara sul palo (23°). Deve usare spesso le maniere forti, giallo (44°). Salva sulla linea con un guizzo da campione (48°).

Dal 75° KLAVAN: VOTO s.v.

CARBONI: VOTO 4,5. Giallo immediato (5°), terzo nelle ultime tre (saranno quattro…). Grande tempismo in scivolata (20°), si fa buttare fuori per doppio giallo al 25°. Male.

IONITA: VOTO 5,5. Ritorna dal primo minuto, ancora sulla fascia. Per scelta o necessità, il quel ruolo sembra un pesce fuor d’acqua.

Dal 67° FARAGÒ: VOTO s.v.

NÁNDEZ: VOTO 7. Il Leone uruguaiano cerca sempre di far valere il dinamismo e il carattere, in una serata non facile. Giallo ingenuo (70°), cerca il gol nel finale.

NAINGGOLAN: VOTO 6,5. Aveva fornito a Simeone il pallone del gol poi annullato. Meno “visibile” rispetto a molte altre occasioni, ad ogni modo più che sufficiente.

Dal 67° BIRSA: VOTO 6. Si presenta con un tunnel a un avversario, aiuta nel finale.

ROG: VOTO 7,5. Match in cui deve guardarsi da avversari rognosi da arginare, per poi ripartire come di consueto. Non riesce nell’intento. Cresce nella ripresa, tremendamente: taglia più volte il campo centralmente con inserimenti da applausi, grinta e generosità.

LYKOGIANNIS: VOTO 5,5. Si intestardisce in un inserimento, libera il mancino da fuori: out (36°).

Dal 67° MATTIELLO: VOTO 6. Subisce un fallo nei pressi della linea laterale, utile in ripartenza.

SIMEONE: VOTO 7. La gioia per il gol numero 12, stupendo, viene soffocata per un’irregolarità rivista dall’arbitro. Sfiora nuovamente la segnatura in volata. Grande cuore.

Dal 75° RAGATZU: VOTO 6,5. Lavora molto bene il primo pallone giocato. Aggiunge qualità appena può, prova la botta in spaccata (86°).

JOÃO PEDRO: VOTO 5,5. Quasi un fantasma nella prima frazione di gioco, senza grandi responsabilità da parte sua. Perde con ingenuità un pallone che causa una ripartenza. Tiro alto (74°).

ZENGA: VOTO 5,5. Nonostante le difficoltà di organico, non rinuncia per nulla al mondo alla difesa a tre. Il Cagliari zoppica, ma resiste. Anche alla delusione del gol annullato a Simeone. Poi il rosso a Carboni complica tutto e appesantisce il compito ai rossoblù, ancora più vulnerabile in retroguardia sui pericolosissimi nerazzurri. Ma applausi per la tenuta complessiva della squadra che, ricordiamo, affrontava una corazzata del gol.

58 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
58 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Rubriche