Resta in contatto

News

Brescia sciupone e ingenuo: avanti 2-0 regala un rigore e pareggia 2-2 col Genoa. Salvezza lontanissima

Al Rigamonti grande inizio per la squadra di Cellino e López poi, complice un primo penalty generoso, subisce la rimonta dei ragazzi di Nicola

La sfida che vale un pezzo di Serie A tra Brescia e Genoa al Rigamonti finisce 2-2. Occasione persa, forse l’ultima per sperare nella salvezza, per la compagine del presidente Massimo Cellino. Basti leggere la nostra cronaca per sapere cosa è accaduto.

DONNARUMMA E SEMPRINI. Clamorosa occasione al 7’ per gli ospiti. Su errore di Papetti, Destro aggancia e tira, ma non fa i conti con la punta delle dita di Joronen che tocca, mandando fuori la sfera quel tanto che basta per sfiorare il palo e non insaccarsi. Come spesso accade, gol fallito, gol subito. Al 10’ la squadra di López sigla, complice una disattenzione dei rossoblù locca sulla gran palla di Torregrossa a liberare a destra Sabelli, che entra in area e serve Donnarumma, il quale non ci pensa due volte e con destro secco insacca.

In bambola la compagine di Nicola, che al 13’ va sotto 2-0, effetto della rete realizzata da Semprini, ma ancora fondamentale Sabelli dopo il contropede fulmineo di Bjarnason. A riaprire la sfida, su rigore (generosos per essere onesti) decretato da Irrati per lo scontro aereo tra Papetti e Romero. al 38’ Iago Falque non sbaglia. Più incisivi i liguri dopo la rete, ma squadre al riposo dopo 3’ di recupero, non prima di un’altra parata fondamentale di Joronen su Behrami al 48’ e Iago Falque.

PINAMONTI. Nel secondo tempo il Genoa cerca prima il pareggio e poi cercare la vittoria al Rigamonti. Al 1’ il portiere di casa si rifugia in angolo sul solito Iago Falque,  al 12’ Pinamonti sfiora il palo sull’imbeccata di Sturaro. 20’: rovesciata di Pandev che va fuori di poco. L’attaccante protesta per una trattenuta, ma per Irrati non è rigore. Che arriva per il braccio largo di Dessena al 25’, dal dischetto Pinamonti sigla il 2-2. Le due squadre cercano il gol della vittoria per fare un deciso passo in avanti verso la salvezza, in un match comunque abbastanza dispendioso per entrambe. 37’: sinistro di Sturaro poi tiro di Sanabria, Joronen c’è in entrambi i casi e sventa i pericoli. Fino al duplice fischio finale dell’arbitro, non accade più nulla. Arriva dunque un 2-2 importante per il Genoa, ma non certo per il Brescia ultimo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "Campionato di serie B (vergognatevi) Ediz. 2022-23 - Portieri:BraccioFerro-Bruto-Pluto-Olivio..."

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "ai sapientoni del calcio teorico indichiamo i seguenti dati reali: Cerri anni 26 presenze fra A e B 190 con 35 goal... Brunori anni 28 presenze fra..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News