Resta in contatto

News

Serie A, allenamenti collettivi al via. Ma Spadafora frena: “Manca il visto del CTS”

Il consiglio della Lega Seria A concluso attorno alle 19 e tenutosi in video conferenza ha deciso che non è più previsto il ritiro dopo le sedute

La Serie A non può ancora ripartire da domani con gli allenamenti collettivi. Nonostante siano state fissate li linee guida dal DCPM, manca ancora il visto da parte del CTS alle modifiche al protocollo e alle linee guida per lo sport di squadra. Valgono dunque, ancora, le norme precedentemente vigenti. Lo riporta l’ANSA. In particolare, una fonte interna al Ministero dello Sport ha spiegato spiegato che il tutto dovrebbe avvenire probabilmente domani. Al punto E del nuovo dpcm, è stabilito infatti che le sessioni di allenamenti degli atleti professionisti possono avvenire solo previa validazione del CTS. Finché questo non avverrà, valgono le regole precedenti, dunque quelle che prescrivono gli allenamenti soltanto in forma individuale.

MEDICI E QUARANTENA. Sul ritiro il Governo ha deciso di andare incontro alle esigenze dei club: non è più previsto. Dissipate le nubi anche sulla responsabilità dei medici: sarà riconosciuta soltanto in caso di mancato rispetto delle misure di sicurezza e dei protocolli. Sul fronte quarantena si cerca una soluzione, il Governo non dà ancora aperture sull’isolamento dell’eventuale singolo positivo ma vorrebbe isolare l’intera squadra coinvolta e si continua a trattare. Lavori in corso dunque.

LE LINEE GUIDA. divieto di assembramento, rispetto del distanziamento di due metri fra un calciatore e l’altro, esercizi (anche con il pallone) con piccoli gruppi. L’attesa è tutta per la nuova proposta di protocollo che sull’asse Lega-Federcalcio sarà inviata nelle prossime ore al ministro dello sport, Vincenzo Spadafora: allenamenti senza limitazioni, garantendo un maggiore monitoraggio con test sierologici e tamponi, proposta che dovrà essere in ogni caso validata dal Cts. Tra 3-4 giorni dovrebbe arrivare la risposta al nuovo protocollo sollecitato dal mondo del calcio dopo il no al ritiro blindato, fra 10-12 giorni, in base alla curva epidemiologica, potrà essere affrontata la possibilità di modificare la norma sulla quarantena automatica che in caso di positività di un membro del gruppo squadra prevede 14 giorni di isolamento per tutti i suoi contatti ravvicinati.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News