Resta in contatto

News

Anticipo Serie A, Il Napoli piazza il colpo anche in casa: battuto 2-1 un Torino imbarazzante

I granata cercano di spaventare i partenopei all’inizio ma poi è un assedio dei campani in gol con Manolas nel primo tempo e Di Lorenzo nella ripresa

Nel secondo match di giornata dopo Lazio-Bologna 2-0 e il rinvio di Udinese-Fiorentina il Napoli regola 2-0 un Torino che prosegue nel suo forte momento di crisi. La squadra di Gattuso sigla un gol per tempo. A dire il vero a inizio gara l’undici di Longo cerca di sorprendere i partenopei reduci dal match di andata degli ottavi della Champions contro il Barcellona, due volte. Al 1’ Manolas salva su Lukic in acrobazia, mentre al 2’ De Silvestri calcia profittando dell’uscita a vuoto di Ospina, ma sulla linea di porta evita il gol l’ex Maksimovic.

MANOLAS. Piano piano i campani prendono le misure e al 9’ con Milik impegnano severamente Sirigu che para lateralmente, quindi al 19’ perfetta scelta di tempo del greco ex Roma, che di testa sigla il vantaggio agganciando il pallone giunto dalla punizione calciata da Insigne. Ci si aspetta una reazione ospite ed invece per poco al 24’ non arriva il raddoppio locale, tutta colpa di un brutto passaggio all’indietro di Ansaldi che lancia involontariamente Insigne, il quale però non riesce a superare Sirigu con scavetto. Lo stesso portiere si oppone, mandando la sfera sopra la traversa alla mezz’ora ancora sul tentativo da parte di Milik, cosa che il portiere sardo fa al 42’ ancora sul polacco. L’arbitro Mariani manda le due squadre alla pausa dopo 1’ di recupero.

DI LORENZO CHIUDE I GIOCHI. Anche al rientro in campo il Napoli continua a fare la gara e cercare il raddoppio, che (1’) prima l’ispirato Milik si trova il tiro respinto da NKoulou, quindi circa un minuto dopo sul tiro-cross di Zielinski che quasi beffa Sirigu. Al quarto d’ora Lobotka crea scompiglio saltando tre avversari e poi calciare da ottima posizione, ma non fa i conti con l’intervento di Belotti in ripiegamento. Al 27’ Di Lorenzo si fa ipnotizzare in area da Sirigu e gli azzurri ancora una volta non realizzano la seconda rete. 30’: Politano si trascina la palla fino al tiro da posizione non facile a porta vuota, sfera fuori di un non nulla.  38’: gran palla di Mertens (entrato in campo poco prima al posto di Lobokta) per Di Lorenzo, che stavolta non sbaglia all’appuntamento col il gol, che chiude i giochi e lancia il suo Napoli all’undicesima vittoria stagionale al quinto posto. Nel finale Edera (46’) sigla un gol inutile.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Grande Pepe..."

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Un 6 posto grandioso che purtroppo non fruttò la qualificazione Uefa perché all'epoca avevamo solo 2 squadre qualificate se non sbaglio..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Non dimenticherò mai le sue lacrime durante il suo ultimo giro di campo. Grande Cappio"

Carmine Longo

Ultimo commento: "È vero, Arrica è stato il più grande ma venne favorito da Angelo Moratti che foraggiava il Cagliari affinché Riva non andasse alla Juve. Gran..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News