Resta in contatto

News

Canzi: “Cagliari salvo era il primo obiettivo. Puntiamo al secondo posto prima dei play-off”

Il tecnico ospite a Radiolina ha raccontato lo splendido momento della sua squadra. Dopo la forzata sosta per il Coronavirus il big match con l’Atalanta

Il grande campionato certamente non pronosticabile l’estate scorsa, un progetto importante di crescita e tanto altro. Il tecnico del Cagliari Max Canzi, ospite a Radiolina, ha messo in risalto la qualità del gruppo. Assieme al rientrante ds Pierluigi Carta , Daniele Conti e il fido vice Alessandro Agostini sta guidando Marigosu e compagni ad un traguardo importante: il secondo posto alle spalle dell’Atalanta capolista, con una gara in meno, e tenendo a bada le big, Inter in primis.

CAMPIONATO. “Intanto siamo salvi e devo dire che, a livello statistico, siamo molto vicini ai play-off. Abbiamo sette punti di vantaggio sull’Inter terza ed è una differenza sostanziale. Domenica non giochiamo. La Lega Calcio ha fatto la scelta di fermarci a causa del Coronavirus. Se tutto andrà bene si riparte a Bergamo contro l’Atalanta capolista. In campo i ragazzi danno sempre tutto, ma mi piace il fatto che ci presentiamo agli avversari, col profilo basso. La scelta fatta con la riforma del campionato ha dato vigore. Quando si retrocede è un danno economico. I fuoriquota sono stati portati da tre a cinque, che conferma il flop delle seconde squadre Under 23. La scelta delle seconde squadre con questa collaborazione con l’Olbia, il Cagliari lo ha fatto da tempo. La coperta però resta corta. Ci fa piacere giocare alla Sardegna Arena, ma non sempre è possibile. L’anno scorso abbiamo fatto un campionato straordinario, perdendo i play-off  per un rigore dubbio con il Torino. La lezione è servita”.

CRESCITA. “Ci caratterizza il fatto che la maggior parte dei ragazzi sono sardi e, come Porru e Marigosu per fare due nomi, sono partiti addirittura dai pulcini. Daniele Conti e Alessandro Agostini, sono fondamentali per i ragazzi. La loro esperienza è oro. Giocare con i grandi ti da tanto anche se la Primavera vale la Serie C. Ogni giorno abbiamo tre o quattro ragazzi a disposizione della prima squadra sia come atteggiamento che come ritmi. Quando ti rientrano il lavoro di Conti e Agostini, è tanto. Il talento di Marigosu? Federico è un offensivo che in 4-3-3 può fare tutto. Grande estero e talento, ma umile nel mettersi sempre a disposizione degli altri. Come Cossu è piccolino, ma sa il fatto suo”.

“Se vuoi arrivare in Serie A se non hai struttura, ci devi mettere del tuo e Marigosu lo sa fare. I casi di giocatori che dalla Primavera alla prima squadra, sono pochissimi. Gli alti e bassi fanno parte del tempo che poi si acquisisce con l’età. Io e la società abbiamo il rapporto diretto con i ragazzi e non con i genitori che investono mentalmente sulla carriera del figlio. Più facile comunicare ai giocatori la loro non eventuale riconferma. Nella Primavera se perdi ci sono meno drammi che in prima squadra. Boccia e Carboni hanno avuto una grande crescita, soprattutto di testa. Si allenano come se fossero già professionisti. Ladinetti promette bene. Lombardi è venuto da noi e si è rimesso in gioco dopo l’esperienza con la Juventus.

Bruno Conti? Come lui solo Daniel Maldini ha una pressione del genere. Entrambi devono sempre dimostrare che non sono raccomandati. Non so dove arriverà, ma in questa Primavera ci sta alla grande. Se è bravo gioca, se si allena bene gioca. Ha grandissimi margini di miglioramento. Papà Daniele è ipercrittico, ma questo lo aiuta parecchio. In Italia sei allenatore o calciatore 24 ore su 24 e 365 giorni l’anno, altrove la si vive in modo diverso. Allenare in Serie A? A chi non piacerebbe… ma sono aziendalista e metto tutto a disposizione della prima squadra. Maran è veramente bravo. Con lui c’è un ottimo rapporto e scambio di opinioni quotidiane.  ”  

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Il tridente con luvumbu a destra lapadula al centro e desogus o contini a sinistra ..... contini è un ragazzo che ha corsa e molto generoso ci..."

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "I rigori li sbaglia chi li tira. Di sicuro non li tira un cacasotto che ha trascorso il suo tempo in campo nascosto dietro l'avversario, sbagliando un..."

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Joao Pedro deve restare

Ultimo commento: "IN TURCHIA RESTERÀ FERMO UN MESE PER STIRAMENTO, GRANDE FORTUNA DEL CAGLIARI PER LA SUA FUORIUSCITA."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News