Resta in contatto

Il muro del Tifoso

Sassuolo-Cagliari, com’è stata la prova dei rossoblù?

I ragazzi di Maran hanno strappato un pareggio in extremis dopo essere stati sotto di due gol contro il Sassuolo

Una partita difficile che sembrava essere completamente sfumata, poi Joao e Ragatzu l’hanno raddrizzata portando il Cagliari a tredici risultati utili consecutivi. Ottima la reazione al doppio svantaggio, ma cosa non ha funzionato nel gioco dei sardi per portarli a subire così tanto i ribaltamenti di fronte di Berardi e compagni? Merito del Sassuolo, certo, ma con Simeone e Pellegrini apparsi in grossa difficoltà e una manovra che non è mai stata fluida come nelle precedenti uscite è d’obbligo porsi alcune domande.

Dite la vostra sulla prestazione rossoblù commentando qui sotto! Buona discussione!

57 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
57 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Danilo BG
Danilo BG
6 mesi fa

Ieri non abbiamo giocato bene, abbiamo reagito bene nel secondo tempo, Maran ha fatto cambi azzeccati e un pò di fortuna ci ha aiutati.
Sono 13 partite che siamo più che positivi, a Lecce meritavamo di vincere, con la Samp prova di carattere e un’ altra volta cambi azzeccati, non è un caso se abbiamo 29 punti in 15 partite.
Noi tifosi abbiamo il diritto di sognare, sempre “volando basso”, pedalare a più non posso, non mollando mai.
FORZA CAGLIARI !!!!!!!! FORZA CASTEDDU !!!!!!!

Alberto Antonini
Alberto Antonini
6 mesi fa

Il Cagliari ha un buon possesso palla a centrocampo ma ieri non l’abbiamo sfruttato contro il pressing del Sassuolo. Se gli avversari li costringi per un paio di minuti a correre a vuoto dopo un po’ devono desistere e capiscono che non c’è trippa per i gatti. Con un po’ di maggior mobilità dei centrocampisti avremmo preso possesso della mediana e il Sassuolo se la sognava la partita che invece ha fatto. Con la Lazio ci vorrà molto dinamismo per tenerli preoccupati.

Danilo BG
Danilo BG
6 mesi fa

Avevi ragione, ho risposto al tuo commento. Grazie !!!!

Cristian
Cristian
6 mesi fa

Sinceramente non credo alla stanchezza perché in coppa hanno giocato paradossalmente le seconde linee. Abbiamo sofferto la velocità del Sassuolo, non si può far fare a un giocatore una cavalcata centrale come nel primo gol. Fallo tattico prima tutta la vita. Nel secondo poi Pellegrini preso in mezzo da 2 e s è creata un autostrada. Buona la reazione finale ma un po’ più di attenzione ci vuole. La prima sotto di 2 l abbiamo vinta, la seconda pareggiata..preferirei evitare la terza..forza Cagliari

Gianni
Gianni
6 mesi fa

Nel primo tempo non c’eravamo, anche per merito del Sassuolo che ci pressa a da tutte le parti del campo. Nella ripresa grazie ai cambi azzeccati da mister Maran e dalla grinta dei ragazzi siamo riusciti a fare risultato. Forse qualcuno deve riposare.

Giambattista Lampis
6 mesi fa

Leggendo i commenti qui sotto, non ho capito di quale squadra si stia parlando, tutti ampiamente delusi per i pareggi in trasferta o per la vittoria sofferta in casa con la Samp, oso ricordare a tutti che noi siamo il Cagliari, squadra che negli ultimi 20 anni ha galleggiato poco poco, sopra la soglia salvezza che un pareggio in trasferta di solito era una festa e la vittoria in casa una liberazione, certo ieri non è stata una prestazione confortante, ma di fronte avevamo una squadra che la

Giambattista Lampis
6 mesi fa
Reply to  Granese

settimana prima ha pareggiato in casa della prima in classifica, giocando meglio di lei ed è stata raggiunta nel finale da un calcio di rigore, pertanto nel calcio esistono anche le avversarie e qualche volta riescono anche a dominare le partite, soprattutto se sono ben allenate e se aumentano la condizione atletica della quale usufruisce ora il Sassuolo. Vero che noi siamo tifosi e vorremmo che la nostra squadra vincesse sempre, ma un conto è vorremmo un altro è pretendiamo.

Giambattista Lampis
6 mesi fa
Reply to  Granese

Diamo un senso alle misure, ho la sensazione che quasi tutti in questo sito l’abbiano perso, invito tutti a rassettare le loro ambizioni, iniziare a valutare le imprese che questa squadra e la società tutta sta facendo, senza fare quei sogni che appartengono ad altre epoche o ad altri campionati, per ragioni diverse che non sarò qui a spiegare, insomma un buon bagno di umiltà, perché vedere valutare un pareggio esterno come una sciagura o come una sconfitta, non è da tifosi del Cagliari calcio.

Alberto Antonini
Alberto Antonini
6 mesi fa
Reply to  Granese

Scusa Granese ma non son d’accordo, chi non sa sognare non farà mai nulla oltre l’ordinario. I tifosi sognano e spero che lo facciano anche i giocatori per provare a raggiungere risultati impronosticabili, tanto poi sarà la realtà a decidere, ma sognare e provarci si può e si deve fare con questa squadra. L’importante è che i tifosi si rendano conto che si sta provando a fare una cosa davvero difficile.

Giambattista Lampis
6 mesi fa

Alberto Antonini noi stiamo già sognando e già stiamo facendo qualcosa di straordinario, stare in questa posizione di classifica era impronosticabile, ma vedo la massa che ancora non è soddisfatta, chiede quasi pretende di più, ecco questo mi da fastidio, esiste un senso della misura, anche le imprese calcistiche avvengo per gradi, per strategie portate avanti negli anni, noi in questo contesto siamo all’anno uno, dobbiamo ancora crescere, qualcuno sogna imprese impossibili già ora.

Luca B
Luca B
6 mesi fa
Reply to  Granese

Non sono d’accordo con Granese, il calcio non e’ una scienza esatta ma ha anche molta imponderabilita’. E’ giusta la programmazione per un miglioramento continuo nel lungo periodo (come peraltro sta facendo la gestione Giulini) ma questa annata ha qualcosa di straordinario mai visto negli ultimi 50 anni (un po’come il di Bagnoli, il Chievo di Del Neri, il Vicenza di Guidolin, l’Udinese di Spalletti) un unicum che non capita piu’ per cui bisogna invece cavalcarlo al massimo dell’ambizione.

Luca B
Luca B
6 mesi fa
Reply to  Luca B

Il genoa di Bagnoli

Giambattista Lampis
6 mesi fa
Reply to  Luca B

Luca B tu citi il Verona di Bagnoli il Chievo di Del Neri ecc. ecc., io ti ho già risposto nella mia prima nota, (senza fare quei sogni che appartengono ad altre epoche o ad altri campionati, per ragioni diverse che non sarò qui a spiegare) ecco le squadre che tu citi appartengono ad altre epoche, da 15-20 anni qui fenomeni non avvengono più ci sarà un perché? semplice una diversa ripartizione economica delle risorse. Esiste il fenomeno Atalanta, ma costruito con competenza negli anni.

Luca B
Luca B
6 mesi fa
Reply to  Granese

Ok ma il Cagliari rientra pienamente in una gestione seria e programmata: ha il nono monte stipendi della serie A (contro il 13° dell’ atalanta) e la squadra primavera al secondo posto. L’ Atalanta senza spendere centinaia d milioni come la Juventus e’ da un paio di anni in zona champions perche’ il Cagliari non dovrebbe ambire anche lui a questo? Perche’ non sperare che sia un annata unica come ne capitano raramente nella storia che invece regali un impresa impossibile?

Luca B
Luca B
6 mesi fa
Reply to  Luca B

I segnali ci sono tutti: moltissima tifoseria non avrebbe scommesso un euro su (in ordine sparso): Maran, alta classifica, cessione di Romagna, alto rendimento di Pisacane, cessione di Han, Cerri, Ragatzu. Stiamo tutti cannando una dietro l’altra ogni previsione ogni Domenica che passa. Io a questo punto dico che bisogna alimentare il sogno

Giambattista Lampis
6 mesi fa
Reply to  Luca B

Luca B, io non sono la bocca della verità, io esprimo un opinione, un pensiero, se tu non la condividi, io non è che ti faccio la guerra e se il Cagliari calcio arriva I° io sono strafelice, il contesto in un ragionamento logico è non ci sono le condizioni, io ho espresso e spigato i motivi, mi lamento inoltre per il fatto che dopo 13 risultati positivi, che per la nostra società sono tanta roba, vedo i commenti con tanti apprezzamenti negativi, spero che tu abbia capito il mio discorso.

Alberto Antonini
Alberto Antonini
6 mesi fa
Reply to  Luca B

Luca B anch’io la vedo così, ci vuole un po’ di lucida follia anche dai giocatori sostenuti senza riserve dai tifosi. Nel 68-69 il cagliari avrebbe potuto già vincere il titolo ma, per loro stessa ammissione, non ci credettero. Il cagliari quest’anno deve poter credere di arrivare in champions!

marcoc
marcoc
6 mesi fa
Reply to  Luca B

Il preparatore del Chievo di Delneri è lo stesso che è al Cagliari ora.

Tore Trattore
Tore Trattore
6 mesi fa

Alberto sono d’accordo con te, qui si sente spesso parlare di “cugurre” per qualche legittima critica quando la squadra non gioca bene, ma questa mentalità “eh cosa pretendete, siamo il Cagliari mica il Real, pareggiare con una squadra inferiore ci sta” è decisamente peggio, perchè si cerca di buttare giù sia la squadra che l’entusiasmo e i sogni dei tifosi.
Forse sono proprio queste le vere “cugurre” che vogliono condannarci alla mediocrità e alla rassegnazione.

Giambattista Lampis
6 mesi fa
Reply to  Tore Trattore

Tore T., non so se hai letto interamente i miei commenti, penso di no! e se l’hai fatto, ritengo che non abbia capito il concetto, succede, ma definirmi una Cugurra è un tantino troppo, ti invito a rileggerli da capo, magari afferri che il mio lamento è sul comportamento dei tifosi che si esprimono in negativo dopo un pareggio esterno, che invece pretenderebbero la vittoria e non vorrebbero, che è legittimo mentre non lo è il pretenderebbero, perciò invito tutti a dare un senso alla misura

Riki Brando
Riki Brando
6 mesi fa
Reply to  Granese

Scusa Granese ma queste valutazioni sono alla luce delle attuali prestazioni del Cagliari, se fossimo qui a commentare confrontandole con quelle degli anni scorsi non saremmo neppure a parlarne. D’altra parte le ambizioni dei tifosi vanno sempre al di là del razionale. Io personalmente vorrei che vincessimo lo scudetto.

Giambattista Lampis
6 mesi fa
Reply to  Riki Brando

Riki Branco ho appena risposto a Alberto Antonini, più o meno su questa dinamica, certo ogni tifoso cerca il sogno, ma solo pronunciare la parola scudetto, con l’attuale organizzazione calcistica italiana è qualcosa che se sentita da un Psichiatra, ti fa il ricovero coatto. Cosa diversa è in Inghilterra dove tutte le squadre partono con una suddivisione dei proventi calcistici, anche una società in fondo alla classifica ha una cospicua somma per fare mercato, in Italia non è così, la differenza

Giambattista Lampis
6 mesi fa
Reply to  Granese

di incassi generali fra la prima e l’ultima è abissale, ma lo è anche fra la prima e la seconda, com’è organizzata in Italia è vietato sognare, le big fanno mercato spendendo anche 200 milioni, pagando ingaggi di 10 – 15 -20 milioni, per quello dico che bisogna essere grati a questi ragazzi e alla società, che il sogno lo stiamo già vivendo, ma razionalmente bisogno anche accontentarsi, gioire per i risultati e per il bel gioco sino ad ora ammirato, invece letto di molti insoddisfatti.

Gian Carlo Podda
Gian Carlo Podda
6 mesi fa
Reply to  Granese

Complimenti per la chiave di lettura! Pur sognando si può
essere realisti e razionali. Concordo su tutto!

Riki Brando
Riki Brando
6 mesi fa
Reply to  Granese

La mia era solo una battuta!

MisterRB
MisterRB
6 mesi fa
Reply to  Granese

D’accordo con te, Granese. Quello che dici é molto sensato: accettare il rendimento delle ultime tre gare (e apprezzare il carattere delle ultime due) non vuole dire ridimensionare le ambizioni. Non bisogna porre limiti a cosa l’entusiasmo e la voglia di vincere possono portare, ma certe partite comportano imprese. Maran quando é arrivato ha promesso che ce la saremmo giocati con chiunque, sinché mantiene la promessa dobbiamo ritenerci soddisfatti.

Sergio
Sergio
6 mesi fa

Opaca

Naufrago
Naufrago
6 mesi fa

Magari l’intenzione era quella di partire forte; non so quanto opportuno, ma è incoraggiante rispetto ad unità di intenti ed ambizioni.
Però lo hanno fatto forse con supponenza e si sono sbilanciati. Grave subire una ripartenza dall’area del Sassuolo a pochi minuti dall’inizio e farsi ritrovare sbilanciati più volte nel primo tempo, anche nel secondo gol. Bisogna recuperare gli equilibri difensivi avuti ed imparare ad avere un po’ di pazienza.
Il resto è tutto oltre i migliori sogni.

PaoloS
PaoloS
6 mesi fa

Direi che se avessero realizzato pure il rigore, sotto di tre avremo comunque continuato a crederci perché quest’anno è cambiata la mentalità nell’affrontare situazioni difficili. È cambiata pure la squadra ma ieri qualcuno aveva le pile scariche e abbiamo sofferto le loro ripartenze e il pareggio dovrà darci più stimolo x recuperare i punti persi ieri. Lunedì in casa sarà una partita importante x entrambe le squadre perché sotto stanno risalendo e la vetta x la Lazio si sta avvicinando. FC💪

PaoloS
PaoloS
6 mesi fa
Reply to  PaoloS

Lunedì preferirei forze fresche e più aggressive nella velocità di gioco e nella corsa, quindi spero di vedere Oliva x Ciga, Ragatzu x Simeone, Lyco x Pelle poi ovviamente Ionita x Rog e a destra quello più in forma tra Castro e Faragò x i cambi con Nandez e/o Cacciatore. Inzaghi è un gran tecnico ma a me Lotito mi sta come una puntura di zanzara sul gomito e mi piacerebbe veramente dargli una lezione. Poi la squadra la farà Maran e io mi metterò l’autan….

Franck
Franck
6 mesi fa

Personalmente non ho visto tutta questa difficoltà: giusto dal 15cesimo del primo tempo,per 20 minuti abbiamo sofferto sul lato sinistro e quelle sue ripartenza centrali,da dove è scaturito anche il goal🙄ma anche noi per due volte abbiamo sfiorato il goal😉poi la ripresa per me è stata alla pari,dove non ci siamo mai Aresti è il goal del finale la dice lunga sulla caparbietà è la grinta mostrata in campo😉❤️💙

Franck
Franck
6 mesi fa
Reply to  Franck

Due

Franck
Franck
6 mesi fa
Reply to  Franck

Arresi

giliberti carmine
giliberti carmine
6 mesi fa

Bisogna pensare ( ed accade gia’ da qualche partita…) che ci sono gli avversari ,e non ci sottovalutano, anzi, soprattutto verso il nostro centrocampo prendono contromisure e “attenzioni” mirate, riconosciuto da tutti come il reparto forte del Cagliari ,e se magari aggiungiamo la prova sottotono con errori di qualche singolo ecco che ne puo’ venire fuori una gara complicata .E d’ora in poi sara’ difficile proprio per la maggior considerazione che s’è conquistata la squadra..

MisterRB
MisterRB
6 mesi fa

Tutto sommato buona prova. Non so può andare a mille in tutte le partite e dobbiamo tenere conto che in tanti ci stanno prendendo le misure e giocano col trequartista per tagliare fuori il nostro gioco. Man mano che si va avanti (e che ci temono) le partite diventano più difficili. Quindi buona gestione della gara, io quest anno mi sto divertendo sempre.

Riki Brando
Riki Brando
6 mesi fa

Ieri la corsia di sinistra ha fatto proprio acqua. Da lì sono partite tutte le azioni pericolose del Sassuolo. Meglio nella ripresa ma Pellegrini non può fare l’ala dimenticando di essere soprattutto un difensore. Tocca a Maran metterci una pezza.

Alberto
Alberto
6 mesi fa
Reply to  Riki Brando

Concordo. C’erano 2 cursori di fascia contro Pellegrini. Spettava a Maran dargli una mano facendo lavorare Rog piu sull’esterno. Ma non lo ha fatto. Questo (e altro) sono la chiave della mancata vittoria di ieri.

Gorroppu
Gorroppu
6 mesi fa

Importante è notare la rimonta dei 2 goal… Ciò significa che la squadra ci crede fino alla fine.

Ludo
Ludo
6 mesi fa

Perdere con la Lazio ci può stare. Così come con la juve. Per questo, il problema sarà il non aver vinto le partite di Brescia o Lecce. Questa considerazione è fatta in funzione dell’obiettivo di entrare in champions o coppa uefa. Ed alla luce delle potenzialie, questo deve essere l’obiettivo. Il caso Nandez, giocatore che alza molto il livello della squadra, non potrà non avere ripercussioni, a breve e a lungo termine. Io sinceramente, ci vedo bene al quarto o quinto posto.

Mortimermouse
Mortimermouse
6 mesi fa

Ha pagato la stanchexza, ma hanno avuto una reazione e nel 2 t hanno giocato.
Nandez ha dimostrato ieri di tenerci e ha giocato, questo dice tanto. Il ragazzo va protetto e lasciato in tranquillità, decideranno gli eventi. Aspettiamo e facciamolo giocare come sa.

Gino
Gino
6 mesi fa

3 Osservazioni :
1) Su Berardi bisognava organizzare una gabbia Pellegrini – Rog . Invece ha fatto quello che ha voluto.
2) Cerri è molto lento . Se lo si mette in campo bisogna mandargli delle palle alte . Non ne ha avuto neanche una a disposizione
3) Nandez mina l’armonia dello spogliatoio.

Alberto
Alberto
6 mesi fa
Reply to  Gino

Perfette le prime due, la terza direi di no. A mio parere sono la chiave della mancata vittoria di ieri e sono queste le situazioni che mi fanno sempre avere mancanza di fiducia nei confronti di maran.

Giampaolo
Giampaolo
6 mesi fa

Brutta prestazione ma ci può stare,il grosso problema e sulle fasce sia a dex che a six chiunque giochi non da massime garanzie……simeone un po’ i calo ma non mi sembrava il peggiore nel primo tempo…..cigarini lentissimo ( ma non e la prima volta )

emiliano
emiliano
6 mesi fa

E’ stata una giornata storta..dove Ragatzu ci ha regalato un punto che fa classifica. Cigarini era un fantasma..un uomo in meno..Pellegrini inguardabile e dannoso, Rafael ha confermato la sensazione di perenne insicurezza, Simeone non in giornata e Cerri non pervenuto…per il resto tutti benino, con il solito Nainggolan sopra le righe.

Riki Brando
Riki Brando
6 mesi fa
Reply to  emiliano

Io direi che Simeone ha giocato peggio di Cerri.

CASTEDDAIU
CASTEDDAIU
6 mesi fa

Ultimamente c’è stato un calo fisico, ma penso che sia anche normale, non si può andare sempre a mille, però il fatto che arrivino i risultati pur non giocando al massimo è un bel segnale. Domenica arriva la Lazio che è la squadra più in forma del campionato( ha vinto le ultime 7 partite consecutivamente) ed oltre al collettivo ha anche ottime individualità, per ottenere un risultato positivo dovremo fare una partita sporca e di sacrificio e pur con qualche assenza potremo farcela, io ci spero.

FERRARINI SANDRINO
FERRARINI SANDRINO
6 mesi fa

Ieri ero allo Stadio Mapei, ma purtroppo ho visto un centrocampo in balia degli avversari e sempre secondi sulle palle con appoggi banalmente sbagliati, regalando palla. Inoltre bisogna far giocare i giocatori in condizione di forma accettabili, NANDEZ e PELLEGRINI da dimenticare, Maran poteva intervenire prima cambiando qualcosa sulla fascia dove BERARDI sembrava un extraterrestre, PRIMA DI PRENDERE ALMENO IL SECONDO GOAL. Comunque col Sassuolo era partita da vincere non da pareggiare.

Giambattista Lampis
6 mesi fa

Ferrandini Sandrino, mi sa che hai confuso il Cagliari per il Barcellona, neanche la Juve perché quest’ultima con il Sassuolo ha pareggiato in rimonta in casa sua e con un rigore, ecco pertanto il Barcellona con in campo Messi, Griezmann, Suarez ecc.ecc. si può permettere di andare a Reggio Emilia a vincere. Inizia ad acquistare la bandiera blaugrana.

Lapo66
Lapo66
6 mesi fa
Reply to  Granese

Beh… non è che il Sassuolo ha perso sette volte col Barcellona in questo campionato… Lo ha fatto con squadre meno efficaci del Cagliari. Io sono d’accordo col fatto che se avessimo fatto il primo tempo di Lecce o il secondo contro la Samp, per tutta la partita avremmo potuto vincerla e dargli l’ottava sconfitta in 14 giornate.

Giambattista Lampis
6 mesi fa
Reply to  Lapo66

Maurizio La Punta, si il Sassuolo ha perso 7 volte da inizio stagione, ma come tu sai le squadre vanno a cicli, come cresce la condizione crescono le prestazioni e si ottengono risultati, poi le squadre cosi dette provinciali, non hanno rose molto ampie, hanno dei buoni titolari, ma se si infortunano le riserve il più delle volte non sono all’altezza, un po’ quello che è successo al Sassuolo, da qualche settimana ha ritrovato i titolari e la condizione.

Nicola Muntoni
6 mesi fa

Dal punto di vista del carattere 10 passi in avanti se comparati ai precedenti campionati (ho rivisto le partite a Reggio Emilia e rispetto a questa le avevamo affrontate sicuramente in tono più dimesso). Mi auguro che si torni ad essere di nuovo ispirati nel gioco anche perchè i prossimi avversari, a conclusione del girone d’andata, sembrano essere le squadre più in forma del momento: Lazio, Udinese, Juventus, Milan, con la Juve, che tra queste, sembra la meno peggio…

Domenico
Domenico
6 mesi fa

Una domenica storta ci sta, ci può stare….. E poi quel (autentico) regalo al Sassuolo…. IL PENALTY!! Il var? Boh…..
👀😎. Forza Cagliari

Domenico

Lapo66
Lapo66
6 mesi fa
Reply to  Domenico

Sono tre di seguito le giornate storte… Lecce, Sampdoria e Sassuolo e per storto non intendo il risultato, ma l’atteggiamento.

Nicola Muntoni
6 mesi fa
Reply to  Lapo66

in difesa troppe distrazioni

Nicola Muntoni
6 mesi fa
Reply to  Lapo66

abbiamo perso concetrazione ed il cininismo che ci distingueva

Nicola Muntoni
6 mesi fa
Reply to  Lapo66

e comunque dal punto di vista dei risultati ci avrei messo tranquillamente la firma, e forse anche per un punto in meno..!

Nicola Muntoni
6 mesi fa
Reply to  Lapo66

da questa serie, se ne siamo usciti vivi, è perchè abbiamo il Ninja, fondamentale nel cambio di metalità

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement
Advertisement

Carmine Longo

Ultimo commento: "Fu un grande Ds. Onore a Carmine Longo."

Josè Oscar Herrera

Ultimo commento: "Un altro gol memorabile fu quello segnato al Parma ai tempi di Ranieri, nel 1991, una bomba dal limite dell'area al 95' che diede ai rossoblù una..."

Massimiliano Cappioli

Ultimo commento: "Le sue parabole di collo pieno hanno contribuìto alla scalata per il ritorno in serie A, facendo esplodere noi tutti tifosi e il glorioso stadio..."
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "era un commento all 'altro articolo sul Carbonia di Caddeo"

Mario Brugnera

Ultimo commento: "Ricordo quel grande Cagliari seppur 12enne...È stato la colonna sonora della mia crescita e della mia vita. Ancora oggi ripenso alla immensa fortuna..."

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Il muro del Tifoso