Resta in contatto

News

Anticipo Serie A. Inter senza ostacoli: a Marassi Sampdoria abbattuta 3-1 nonostante l’uomo in più

Primo tempo devastante dei nerazzurri che segnano due gol ma ne sbagliano almeno altri tre. Nella ripresa espulso Sanchez autore di una ingenuità in area

Non è stato un allenamento a Marassi per l’Inter, ma la vittoria sulla Sampdoria per 3-1, non è mai stata in discussione, perché è stata in discesa dopo soli 22’. Infatti in quel minuto segna 2-0 Inter. Al 20’ la sblocca Sensi, anche se la deviazione con la schiena di Sanchez è decisiva, sul destro dell’ex Cesena e Sassuolo, che spiazza Audero, col pallone che prima fa sponda sul palo, e poi si insacca dall’altra parte. Circa 120 secondi sul cronometro e la coppia colpisce ancora. Stavolta il gol, il primo al rientro in Italia, è dell’ex Udinese (che non segnava dalla gara vinta dai friulani 4-0 col Cagliari al 44’ del primo tempo di quella gara giocata il 13 marzo 2011 al Sant’Elia) che batte il portiere di casa con un destro da due passi sul passaggio di Sensi. Al 36’ azione fantastica della squadra di Conte con Sanchez, che di prima libera in area Candreva, il quale a due passi dalla porta, da posizione molto defilata, sigla facendo passare la sfera sotto le gambe di Audero, ma tutto vano per fuorigioco. Solo al 44’ si fa vedere in avanti la squadra di Di Francesco, ma sia Quagliarella che Linetty, non creano pericoli ad Handanovic.

ESPULSO SANCHEZ. Ma il calcio affascina perché può mostrare varie facce all’interno di una stessa partita. Nei primi 10’ della ripresa la squadra di casa si ritrova con l’uomo in più e con un gol che riapre la gara. Andiamo con ordine: 1’ di gioco e il cileno torna subito negli spogliatoi, stavolta a farsi la doccia per simulazione. Al 10’ riapre i giochi Jankto, che si gira e calcia con il mancino in diagonale, che sorprende un lento Handanovic. L’Inter accusa il colpo, con la Samp che ci crede, ma che 6’ dopo va sotto 3-1: Brozovic si inventa un filtrante per il taglio di Gagliardini che però lo scavalca e arriva  direttamente ad Audero, che non trattiene, permettendo all’avversario di insaccare a porta vuota con il mancino. Di fatto il match si chiude qui.

7 Commenti

7
Lascia un commento

avatar
500
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Non ce ne può fregar di meno….. Parlate del Cagliari ?

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ma sti c**** dell’Inter e di barella! Io voglio avere notizie del Cagliari no di altre squadre!

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Perché calciocasteddu pubblica la foto di Barella con la maglia dell’ inter? Ma che ci frega?

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Ora come ora di Barella non ci frega nulla noi siamo del Cagliari e non della Inter

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Forza casteddu

Commento da Facebook
Ospite
Commento da Facebook

Barella?

Alberto Antonini
Ospite
Alberto Antonini

Riuscirà il buon Ekdal, dopo Siena Cagliari e Amburgo, a retrocedere anche con la Samp?

Advertisement

Comunardo Niccolai

Ultimo commento: "Ė proprio vero una volta fatto il nome campi tutta la vita con l'etichetta che ti hanno attribuito..."

Mario Brugnera

Ultimo commento: "un grande professionista e stimato da tutti grazie dei bei ricordi"

Pierluigi Cera

Ultimo commento: "Non l'ho visto giocare, ma so che è stato un grande. Una conferma in più sul fatto che tutti i componenti del Cagliari scudettato erano ottimi..."

Gigi Riva

Ultimo commento: "Solo una parola.UNICO.ha scelto la parola data anziché i milioni.GIGI UNO DI NOI. IL SARDO DI LEGGIUNO"

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "E non è il solo pacco in quegli anni, se penso che il Treviso ci aveva proposto un certo Luca Toni e invece Bellotto pretese Beghetto"
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da News