Resta in contatto

Approfondimenti

Oliva, il regista dell’estate. Bene nelle amichevoli, ma la concorrenza è spietata

Oliva

Il centrocampista uruguaiano si sta facendo notare nel pre-campionato e dovrà lottare parecchio per trovare spazio nella nuova mediana

PROTAGONISTA. Uno dei giocatori che si sta mettendo maggiormente in mostra nell’estate rossoblù è sicuramente Christian Oliva. Dopo la buona prova contro il Leeds, l’uruguaiano anche ieri contro il Friburgo è partito come play titolare nella squadra A, ripagando la fiducia di Maran con una prestazione di grande personalità. “Nel primo tempo i tedeschi pressavano molto, non era facile uscire col pallone tra i piedi – ha dichiarato al sito ufficiale del club commentando la prestazione sua e della squadra – Nell’intervallo abbiamo parlato col mister e siamo riusciti a trovare le giuste contromisure”.

CRESCITA. Come spiegato dal tecnico Rolando Maran nel post gara di sabato scorso contro il Leeds, Oliva è cresciuto tantissimo nei primi sei mesi trascorsi in Sardegna e si è presentato in ritiro come un altro giocatore, rinnovato e migliorato. “Sono arrivato a gennaio ma i primi sei mesi li ritengo di adattamento alla nuova realtà – ha spiegato il ventitreenne – In Italia si gioca molto di prima intenzione, in Uruguay si tiene di più il pallone, hai più tempo per pensare”. Una consapevolezza del calcio europeo che in campo si è vista, consentendogli di mostrare un’ottima intelligenza tattica unita a una buona dose di aggressività che lo rendono un centrocampista davvero poliedrico.

IL FUTURO. “Ho aspettato il mio momento, adesso vediamo quel che succederà, sono a pronto ha detto il giocatore nel dopo gara in Germania, quasi a voler dire che, nonostante la campagna acquisti faraonica, a centrocampo ci sarà anche lui. E qui arriviamo alla nota dolente: quando entreremo in clima campionato, Oliva dove starà? La lista dei concorrenti è lunga e spietata, ci sono nomi come Rog, Nainggolan, Castro, Ionita e Cigarini. C’è Nandez in arrivo (si, perché nonostante gli impicci burocratici alla fine l’affare si farà), senza dimenticare il fido scudiero Faragò e Bradaric, che ancora è rossoblù anche se con la valigia (Idem Colombatto e Biancu). In tutto questo “Senato” sarà molto difficile per il giovane Totò trovare la giusta continuità con l’ottimo pre-campionato fin qui disputato. Difficile ma non impossibile, perché Maran ha già dimostrato di vederlo parecchio bene.

23 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
23 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini o un altro l'importante è che vada via GIULINI"

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "A me piacerebbe Zanetti e in d.s. in gamba e Giuliani che li facesse lavorare in pace"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti