Resta in contatto

News

Andata ottavi EL. L’Inter strappa lo 0-0 in casa dell’Eintracht, Napoli: 3-0 al Salisburgo

Dopo un buon primo tempo alla Commerzbank Arena nerazzurri in difficoltà nella ripresa. Al San Paolo gli austriaci reggono appena dieci minuti il confronto

Nell’andata degli ottavi di finale della Europa League 2018/2019 un pareggio e una netta vittoria per le uniche due squadre italiane rimaste, dopo l’eliminazioni ai sedicesimi della Lazio. Le nostre sintesi:

EINTRACHT FRANCOFORTE-INTER 0-0. Reduci dalla sconfitta subita a Cagliari la squadra di Spalletti costruisce due ghiotte occasioni da rete, fallite prima (11’) con D’Ambrosio, che sfiora il pallone indirizzato dal colpo di testa di De Vrij sul secondo palo e soprattutto al 22’, quando Brozovic si fa neutralizzare il rigore (apparso generoso) da Trapp, calciato per fallo commesso da Gelson Fernandes su Martinez. In apertura di ripresa i tedeschi alzano decisamente il ritmo e si presentano in area avversaria e al 5’ siglano di testa con Hinteregger. Tutto però vano, perché l’arbitro Collum annulla per posizione di fuorigioco attiva di Haller. Proteste veementi e tecnico di casa Hutter allontanato dalla panchina.

Al 10’ Handanovic dice no alla girata col cranio in piena area, da parte di Jovic. Nel secondo tempo l’Inter sembra sparita dal campo della Commerzbank Arena e si salva dalla capitolazione sia al 25’ , quando fortunatamente Hinteregger sbaglia incredibilmente un gol fatto da pochi passi, sia due minuti quando lo stesso numero 13 dell’Eintracht costringe Handanovic al salvataggio in due tempi. Al 42’ altra decisiva parata in tuffo da parte del portiere nerazzurro, sul velenoso tiro angolato destinato alla destra dell’estremo difensore. Che un minuto dopo abbranca in due tempi il pallone scagliato in porta da Kostic. La gara d’andata degli ottavi in terra tedesca finisce 0-0.

NAPOLI-SALISBURGO 3-0.  Austriaci propositivi al 5’ con la conclusione da fuori area da parte di Wolf, Meret blocca il pallone con qualche affanno. Al 10’ primo gol europeo in stagione per Milik (sedicesimo in stagione) il quale sullo splendido passaggio di Mertens fa secco il portiere Walke, già salvato dal gol dalla respinta provvidenziale di Ramalho su Fabian Ruiz) col destro. Cinque minuti dopo Koulibaly non raddoppia per un soffio. Al 16’ gol annullato a Dabbur per fuorigioco. Il 2-0 del Napoli arriva invece al 18’ con Fabian Ruiz che batte Walke con un sinistro al volo, sullo splendido assist di Callejon. Col doppio vantaggio la partita del San Paolo non offre particolari spunti fino all’intervallo, escluso il tiro col destro  dal limite da parte di Junuzovic, che al 41’ procura del lavoro a Meret.

Nella seconda parte del match il Salisburgo cerca la marcatura per riaprire la contesa, che quasi realizza al 2’ con Dabbur, che trova la grande parata con i piedi di Meret. Dall’altra parte (9’) Mertens fallisce il 3-0 davanti a Walke, dopo un liscio di Junuzovic. A segnarlo è invece al 13’ Ounguene che, sul cross di Mario Rui, mette incolpevolmente la sfera alla spalle del proprio portiere, che al 23’ è salvato dal quarto gol dal fondamentale intervento sulla linea di porta da parte di Ramalho, sul tiro a botta sicura da parte di Callejon. Poca fortuna al 30’ per Milik, mentre Meret dice no al gol ospite, con una super parata al 37’ su Gulbrandsen (duello ripetuto anche al 45’) salvando il 3-0 che regala serenità in vista del ritorno in campo avversario tra una settimana esatta.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News