Resta in contatto

News

Lazio in serata nel derby dell’Olimpico: battuta 3-0 una brutta Roma

La squadra di Inzaghi gioca meglio e capitalizza le occasioni avute. Giallorossi con la testa al match di Champions col Porto in programma mercoledì

Nessun dubbio sulla vittoria nel derby della Lazio. L’undici di Simone Inzaghi gioca meglio della Roma e si impone 3-0, riducendo (con una gara ancora da recuperare con l’Udinese) il distacco in classifica dai cugini giallorossi, di fatto con la testa al match di mercoledì in Champions col Porto, con un 2-1 da difendere.

LAZIO AVANTI E PIU’ TONICA. Gara equilibrata in avvio e sbloccata al 12’ dai biancocelesti con Caicedo che supera Olsen e insacca il pallone calciato col sinistro a porta vuota. Imperdonabile errore della difesa giallorossa. Si fa preferire anche dopo la rete la compagine di Simone Inzaghi. Al 23’ tuttavia Strakosha è fondamentale nel deviare l’insidioso destro di Dzeko, con la mano destra, nella prima vera occasione della squadra stasera ospite all’Olimpico. Per cercare di migliorare la situazione, Di Francesco alza il baricentro della sua squadra ma il risultato non cambia e si va all’intervallo con la Lazio avanti di misura dopo 1’ di recupero.

Al rientro in campo la Roma cerca subito l’assalto al pareggio. Zaniolo ci prova però senza successo al 3’, con sfera al lato di poco alla destra del portiere avversario. Al 14’ tentativo da parte di El Shaarawy, Strakosha è attento e si manda in corner. Ad un passo dal pareggio la Roma al 24’, ma sul tiro Dzeko è ostacolato da Pastore (entrato al 21’ al posto di De Rossi) e la ghiotta chance sfuma d’un soffio.

IMMOBILE. Entrato in campo non al meglio, l’attaccante ritrova il gol che mancava dall’otto dicembre (contro la Sampdoria) grazie ad un rigore concesso per un fallo in area di Fazio al 26’ su Correa, insaccato con Olsen che tocca ma non riesce a deviare. Penalty decretato da Mazzoleni e confermato dai colleghi del Var dopo aver visto le immagini al monitor. Finale incandescente, dopo il 3-0 siglato da Cataldi al 44’ sulla sponda di Milinkovic-Savic. Kolarov, ammonito un minuto prima, viene espulso al 4’ di recupero per un fallo inutile su Immobile, prendendosi i copiosi fischi da parte dei suoi ex tifosi.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News