Resta in contatto

News

Barella: “Porto in campo l’orgoglio della Sardegna. Per il Cagliari do tutto”

Nicolò Barella si racconta: il soprannome negli spogliatoi, Zola, l’esempio di Conti, l’assenza nel match con la Roma. Ma, soprattutto, l’amore eterno per il Cagliari e la Sardegna.

PARLA BARELLA. Contro la Roma non ci sarà, Nicolò Barella, bloccato dall’espulsione rimediata contro il Frosinone. Ma il centrocampista sardo non perde occasione per farsi sentire, negli spogliatoi come davanti ai microfoni della stampa. Intervistato dal canale ufficiale della Serie A, si è raccontato a tutto tondo, parlando di Zola, delle scivolate, dei suoi miti e del suo amore per la maglia rossoblù.

RADIOLINA.Negli spogliatoi mi chiamano ‘Radiolina’ perché parla tanto, rido, scherzo, faccio battute. Ma io sono fatto così. Anche in campo mi piace correre come uno spirito libero“.

IDENTITÀ SARDA.Zola? Per me è stato un mito. Uno che dalla Sardegna si è conquistato Londra e tutta Inghilterra. Io quando gioco per il Cagliari metto tutto quello che ho. Porto in campo l’orgoglio della Sardegna.

BARELLA E LA SCIVOLATA.Recuperare un pallone in scivolata è quasi paragonabile a fare un gol. Mi piace sentire il boato del pubblico quando rubo la palla, rialzarmi e averla tra i piedi. Per questo ho sempre ammirato giocatori come Stankovic e Nainggolan che fanno dell’intensità e del recupero palla le loro caratteristiche migliori. In gran parte è istinto, altrimenti non rincorri un uomo per cinquanta metri per poi entrare in scivolata. Molto spesso questo mi porta a qualche fallo di troppo. Ma non lo faccio di proposito, l’obiettivo resta quello di recuperare la palla“.

SULLA SCIA DI CONTI.Per chiunque sia uscito dal Settore giovanile del Cagliari negli ultimi anni Daniele Conti è sempre stato un esempio. I tanti anni con la stessa maglia, le sue parole quando diceva che il Cagliari per lui era casa sua, le partite contro la Roma che per lui erano speciali. Faceva spesso gol: esultavamo noi tifosi rossoblù, meno il padre (ride, ndr). Quando alzò la maglia rossoblù all’Olimpico fu un gesto d’amore per la città. La squalifica contro la Roma? Possono fare gol anche gli altri. Per me l’importante è vincere“.

8 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "Ci siamo dimenticati di Cerri, secondo me le darei un'altra chance, ricordiamo il bel gol di testa nel finale di partita, alcune cose buone le ha..."

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "sono anni che lo dico, uno capace a prendere morti e strapagarli, e svendere giovani ....vai in pensioneeeee!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News