Resta in contatto

Approfondimenti

Cerri, segnali positivi. Tre reti all’Oristanese e un tempo in coppia con Pavoletti

L’attaccante è stato protagonista dell’amichevole giocata ieri dal Cagliari con una prestazione che ha dimostrato voglia e determinazione

LE RISPOSTE GIUSTE. Il livello dell’avversario non inganni: quella di Alberto Cerri ieri è stata una partita di grande sostanza e per Maran non potevano arrivare segnali migliori. Come sottolineato nel post gara dal veterano Fabio Pisacane, queste amichevoli per chi gioca poco sono di vitale importanza, sono vetrine importanti per dare delle risposte al tecnico sul piano fisico, mentale e tattico.

MISCHIARE LE CARTE. Quella con l’Oristanese non è stata dunque una semplice sgambata, anche perchè Maran ha deciso di provare qualche soluzione nuova, a cominciare dalla difesa a tre. Nel primo tempo infatti si è rivisto il 3-5-2 protagonista della scorsa stagione, con Joao Pedro spostato mezzala sinistra ma che di fatto ha svolto il ruolo di trequartista in una sorta di 3-4-1-2 con una mediana ampiamente scaglionata.

NUOVA COPPIA. Nel secondo tempo si è tornati al 4-3-1-2 e la novità principale è stata la coppia inedita Cerri-Pavoletti, in campo insieme solo nei minuti finali di Empoli. L’interazione tra i due attaccanti è apparsa buona, con il parmense che ha rivelato anche le sue doti di uomo assist con un bel cross rasoterra che ha consentito a Castro di mercare la sua prima rete nel match. I due centravanti si sono cercati e insieme hanno saputo creare occasioni per se stessi e per gli inserimenti dei centrocampisti.

BILANCIO. Per quanto il risultato non sia certo un parametro su cui soffermarsi Maran può comunque sorridere. Nonostante Sau non sia riuscito a sbloccarsi nemmeno questa volta il tecnico sa di poter contare su diverse opzioni per completare l’attacco. Cerri c’è e la sua scalata nelle gerarchie rossoblù può essere partita proprio da Oristano.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Il tutto parte da Giulini perché è lui che negli ultimi anni ha fatto il mercato e non il ds, dunque per me in primis al Cagliari manca il rispetto..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini comunque vada un tecnico giovane bravo e con tanta voglia di fare bene sia in A o B e col cuore ROSSOBLU"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti