Resta in contatto

News

Jeda: “A Cagliari ero l’arma in più. Joao Pedro mi somiglia”

L’ex rossoblù Jeda è stato l’ultimo, insieme ad Acquafresca, a segnare contro una doppietta contro il Bologna. Ecco cosa ne pensa del Cagliari di oggi e della sfida di sabato.

EX ROSSOBLÙ. Ventuno reti in ottantasei presenze con la maglia del Cagliari. Jedaias Capucho Neves, per i più, semplicemente Jeda. Il brasiliano, intervistato da L’Unione Sarda, è stato l’ultimo bomber rossoblù – insieme ad Acquafresca – ha segnare una doppietta al Bologna, prossimo avversario dei sardi.

DIECI ANNI FA. Era il 2008: Cagliari-Bologna 5-1. “Cinque minuti dopo essere entrato dalla panchina, feci gol. E poi ne feci un altro. Una bella partita e un Cagliari che giocava bene, soprattutto davanti, dove tutti potevamo fare gol. Matri migliorava a ogni partita, Cossu giocava tanti palloni e Acquafresca, quando li toccava, faceva gol. E poi c’ero io, che potevo fare anche il trequartista. Ero l’arma in più della squadra“.

ACQUAFRESCA.Gli dicevo che era il nostro cecchino e che doveva pensare soltanto a segnare. E a Cagliari lo faceva spesso. Sapeva farsi trovare sempre al posto giusto nel momento giusto. Grande attaccante“.

IL CAGLIARI DI OGGI.Joao Pedro è un giocatore che mi somiglia molto, è un trequartista che può fare anche l’attaccante all’occorrenza. Ma penso soprattutto a Sau e Farias: devono ritrovare serenità, prendersi le responsabilità, ma senza ansia. Loro due possono spostare gli equilibri e la squadra dipende da loro. I momenti difficili capitano a tutti, ma si superano lavorando tanto. E allenandosi nelle conclusioni. Sembra una cosa da poco, ma aiuta tantissimo”.
LA SFIDA DI SABATO.Ho visto il Bologna contro la Roma, una squadra a cui non bisogna lasciare campo aperto. Serve equilibrio e il Cagliari dovrà prima di tutto fare attenzione a non subire gol, perché diventerebbe tutto più difficile“.

IL CAMPIONATO DEI ROSSOBLÙ.Niente voli di fantasia, il Cagliari deve lottare per salvarsi. Serve un gruppo dove tutti remano dalla stessa parte. È difficile, ma il Cagliari ha i mezzi per fare un campionato tranquillo“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "A tutti i tifosi che voglio la cessione della società, continuate cosi, lamentatevi su calciocasteddu, non perdete neppure un articolo, vedrete che..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News