Resta in contatto

Rubriche

Articolo del Tifoso – Casteddu, un calciomercato da valorizzare

A poche settimane dall’inizio della preparazione in vista del campionato il nostro amato Casteddu è alle prese con il calciomercato estivo.

Vicino Darjo Srna (cui manca solo l’ufficialità) ad oggi i movimenti del DS Carli stentano a decollare. Mentre le Società più blasonate si inerpicano in ipervalutazioni dei  Primavera per ripianare i bilanci della sessione appena trascorsa le strategie del presidente Giulini sembrano avere come unico denominatore Inter o ex giovanili Inter. La programmazione oculata linfa vitale per i Club che non vantano petrolieri e paradisi fiscali sembra essere come ogni anno votata alla sufficienza. Non vorrei mettere in discussione la passione del signor presidente per questa squadra, più che altro la sua competenza, la necessità di ricorrere ogni stagione ad un anno 0. Ceter acquistato per 3 milioni, Han rientrato da un prestito nel mezzo di una stagione per 800mila euro, la mancata cessione di Farias e Giannetti a Gennaio.
Ok il DS Rossi è stato licenziato dobbiamo quindi considerare l’idea che dietro il futuro del Cagliari non ci sia una struttura di scout e tecnici collaboratori ma di agenti che propongono i propri giocatori e di un ex dirigente dell’Inter che conosce soltanto gli ex giocatori della Primavera dell’Inter? Ancora ricordo la frase del presidente Giulini “Con i soldi del decimo posto avremmo potuto prendere un altro Ionita” …che idee..che Dio che ne scampi aggiungerei.
Dunque decidendo di puntare su un nuovo Ionita il Signor Presidente opta per Castro, giocatore praticamente nullo nella stagione appena trascorsa per via di un infortunio e di un recupero non eccelso. Un centrocampista che nelle stagioni precedenti era stato sì uno dei migliori nella compagine clivense ma che come tutti i centrocampisti incursori di corsa e inserimento si confrontano con l’età e l’usura dei km percorsi. Buttiamoli via altri 6/7 milioni per un giocatore d’esperienza che non è patrimonio ma improvvisazione. Dessena, Andreolli, Sau, Srna, Cigarini, Rafael, Padoin, Pisacane..ultratrentenni la quale si chiede corsa e sostanza, mi sembra veramente paradossale. Ora, non mi aspetto una squadra di giovani sbarbati allo sbaraglio alla Miangue ma almeno confido che quei gregari scelti per la permanenza nella categoria siano  ventinovenni di carisma e leadership come Sandro (6 mesi in prestito al Benevento cui si vociferava un’interesse).
Mi aspetto che i Sau e i Dessena vengano valutati per il loro contributo sul campo negli ultimi due anni (scarso) e che il futuro patrimoniale della società non sia Barella, Faragò dipendente, che si investa su giocatori di prospettiva e proprietà come fanno le società che seriamente aspirano al decimo posto e alla prospettiva in progresso che possa far sognare i tifosi e non al quindicesimo posto come il Chievo con strategie di mercato votate ai trentaduenni senza futuro e un’apatica salvezza ogni anno.
Un saluto alla redazione di CalcioCasteddu e a tutti i tifosi, Forza Cagliari, Mister X
17 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Rubriche