Resta in contatto

Approfondimenti

L’alba della stagione. Si riparte da Cragno e Pavoletti

Il Cagliari riparte per la stagione 2018-2019: sono due i punti fermi, Cragno e Pavoletti. Qualche certezza e tanti dubbi nel resto della rosa.

DUE INCEDIBILI. La stagione 2018-2019 del Cagliari parte da due punti fermi: Alessio Cragno e Leonardo Pavoletti. Con la boutade di mercato che attende l’estate di Barella e Han, sono il portiere e il centravanti, gli estremi del campo, i due pilastri su cui reggerà la prossima rosa dei sardi. I due sono stati dichiarati incedibili dalla società: le frasi di oggi dall’agente di Cragno parlano chiaro, così come il no secco del Cagliari alla richiesta dell’Atalanta per il centravanti livornese. E lo stesso prossimo tecnico rossoblù Maran pare abbia chiesto rassicurazioni sulla loro permanenza prima di accettare l’incarico.

NODO CENTROCAMPO. Il ds Marcello Carli si sta prodigando per allestire una rosa attrezzata: si parte dal centrocampo, con Valdifiori, Locatelli, Castro e Romulo in cima alla lista. Ed è proprio il centrocampo il reparto che potrebbe essere maggiormente stravolto. Oltre l’intenzione di tenere Barella, infatti, non ci sono sicurezze. E anche lo stesso talento classe ’97 potrebbe partire in caso di offerta monstre (Inter, Roma, Napoli e Juventus alla finestra). Capitan Dessena potrebbe lasciare, Cigarini non ha dato a pieno il suo contributo, con il vecchio amato Parma che lo ha messo nel mirino. Ionita e Padoin, record di presenze per i due in questa stagione, dovrebbero rimanere: ma il moldavo viene da una stagione non brillantissima, mentre l’ex Juve – nonostante un impegno sempre determinante – è arrivato ormai alla soglia dei 34 anni.

DUBBI E CERTEZZE. Si punterà certamente sul talento ormai svelato di Romagna e Faragò. Quasi sicuramente anche su Joao Pedro (dopo la fine della squalifica per doping a settembre), Lykogiannis, in crescita nel finale di stagione, e Ceppitelli, l’unica vera certezza in difesa. Tanti i dubbi che invece circondano Rafael, Crosta, Pisacane, Miangue, Andreolli, Farias. Così come Sau (potrebbe lasciare) e Cossu, che – a 38 anni – va in scadenza a fine giugno per il quale manca ancora l’ufficialità dell’addio. Caligara, Ceter, Deiola e Han sono invece coloro che si giocheranno sin dal ritiro la possibilità di restare, crescere e giocarsi le proprie carte oppure andare direttamente a maturare esperienza altrove. Sicuri, invece, il mancato riscatto di Castán e l’addio di Giannetti.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti