Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Gelain: “Carli e Nicola a Cagliari? Sarebbe una bella coppia”

L’ex allenatore in seconda di Nicola al Livorno ci racconta il tecnico recentemente accostato alla panchina del Cagliari e il suo rapporto con il ds Carli

Dopo il recente accostamento di Davide Nicola alla panchina del Cagliari abbiamo sentito in esclusiva per Calcio Casteddu il tecnico Ezio Gelain, ex Empoli che per tanti anni ha lavorato con il ds rossoblù Marcello Carli e vice di Nicola per due stagioni a Livorno.

Lei conosce bene sia Carli che Nicola. Che ricordi ha di loro?
“Con Marcello Carli abbiamo lavorato a Empoli nel settore giovanile quando lui ha cominciato, ci conosciamo da molto tempo. Con Davide Nicola ho lavorato due anni a Livorno”.

Cosa può dirci di Marcello Carli?
“Ho solo ricordi positivi perchè a Empoli sono stati anni bellissimi nel Settore Giovanile dove ho vinto il campionato Primavera. Al tempo Carli non era ancora direttore, è entrato dopo un paio d’anni per fare l’allenatore. Marcello poi ha fatto benissimo quando è subentrato in prima squadra a Vitali. I risultati sul campo non mentono, ha fatto benissimo. Il salto da Empoli a Cagliari è un passo importante perchè da una piccola realtà passa ad una che rappresenta una Regione e ha un’importanza diversa a livello calcistico”.

Nicola invece che tipo di allenatore è? Come si è trovato a lavorare al suo fianco?
“Con lui abbiamo condiviso la prima esperienza in Serie A e al di là del fatto che non sia finita bene però è stata una cosa che ci ha fatto crescere. Davide è un allenatore preparatissimo dal punto di vista calcistico e psicologico, è bravissimo nella gestione del gruppo, si sente anche quando parla nelle interviste, è un piacere ascoltarlo. Credo sia maturato molto anche dal punto di vista tattico, nella gestione della partita è cresciuto molto”.

Secondo lei Carli e Nicola hanno un modo di intendere il calcio simile o almeno compatibile?
Se Nicola dovesse arrivare a Cagliari penso si formerebbe una bella coppia con Carli. Il mister sa gestire bene i giovani e Marcello è abituato a fare squadre giovani”.

Carli è in Sardegna da poco ma la sua mano sembra essersi già fatta sentire, ad esempio con il cambio di modulo dal 3-5-2, irrinunciabile per López, al 4-3-1-2 che invece in passato è stato un marchio di fabbrica dell’Empoli. Quanto c’è del nuovo ds nella salvezza del Cagliari?
“Questo è difficile dirlo da un punto di vista tecnico, ma è chiaro che gli ultimi anni di Carli ad Empoli sono stati con quel modulo lì e anche quest’anno la squadra toscana quando è tornata con quel modulo ha fatto faville. Da un punto di vista tecnico-tattico è un sistema che conosce e di cui sa bene le caratteristiche dei giocatori che servono. Poi chiaro che ogni allenatore ha la sua filosofia e a un modulo uguale non corrisponde lo stesso sviluppo del gioco. Credo comunque che Nicola sia in grado di giocare così, è uno schieramento con il quale abbiamo lavorato anche noi a Livorno. Abbiamo alternato spesso la difesa a tre con quella a quattro e il trequartista dietro le punte, quindi non sarebbe un problema per lui adottare quel tipo di impostazione. L’importante è avere i giocatori con le caratteristiche giuste”.

Il futuro di Ezio Gelain, sta valutando qualche proposta?
“Sto valutando delle situazioni qui in zona, negli ultimi anni per esigenze di famiglia ho preferito non muovermi dalla Toscana. Vediamo, se riesco a rimanere qui sarebbe meglio, sia a livello giovanile che di prima squadra”.

10 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Esclusive