Resta in contatto

News

Castán: “Il Cagliari non molla mai, come me. Vorrei rimanere”

Il difensore brasiliano si racconta: la malattia, gli esempi e il campo. A Cagliari per il riscatto: “E posso dare ancora di più. Domenica ho rischiato il rosso”.

RINATO. Uomo e calciatore nuovo. Leandro è rinato dopo la malattia, quel cavernoma che lo ha fermato proprio quando era al culmine della carriera, titolare nella Roma e nella Seleçao: “Da allora ho imparato a dare peso alle cose importanti“. Castán, il calciatore, si è invece riscoperto a Cagliari, ritrovando la titolarità con mister López: “Qui gioco e sono felice“, ha dichiarato ai microfoni di Radiolina; parole di affetto e di riconoscenza verso il Cagliari, che già aveva espresso nei giorni scorsi e anche ieri dopo l’evento benefico Partita Mundial.

LA SQUADRA E IL CAMPO.Con il gruppo e con il mister il rapporto è ottimo. Vorrei rimanere anche l’anno prossimo, ma prima c’è una salvezza da conquistare. Non avete ancora visto il vero Castán. Posso dare di più nell’impostazione. Anche se da sempre amo affrontare gli attaccanti nell’uno contro uno. Difesa a tre o a quattro? Non ho preferenze: come stiamo giocando ora mi trovo bene. Giocare al fianco di uno come Ceppitelli rende tutto più semplice“.

BRASILIANI A CAGLIARI. Il rapporto di Castán col Brasile e i brasiliani è speciale: “Joao è il più tranquillo e ora gli stiamo vicini per quello che gli è capitato. Rafael fa sempre i conti, Farias è il più felice. Il non brasiliano più carioca del Cagliari però è Cossu: scherza sempre!”. Tornando seri. Nazionale? “Conosco il ct e molti compagni. Mi piacerebbe tornare“.

ESEMPI. Gli uomini, prima ancora che i calciatori, hanno segnato la carriera di Castán. E sono diventati degli esempi. Nel lavoro: “Totti, Ronaldo e Roberto Carlos si allenavano con una costanza fuori dal comune. E in campo si vedeva eccome” o nella vita, come Astori: “Prima dell’intervento mi inviò un messaggio di vicinanza. Stava prendendo il mio posto, eppure mi invitava a tornare“. O un altro ex rossoblù, punto di riferimento nel dramma della malattia: “Melchiorri ci era già passato, è stato di grande supporto morale“.

CAGLIARI, PRESENTE E FUTURO.Questo club meriterebbe di lottare per obiettivi più importanti. Ha un presidente ambizioso e presto ci sarà lo stadio nuovo. A Benevento non ho giocato benissimo e ho rischiato l’espulsione. Ma ha fatto bene l’arbitro a non darmi il secondo giallo perché il fallo non era poi così grave. Al Vigorito contava solo vincere e lo abbiamo fatto. Ora inizia una settimana cruciale per noi. Sabato 31 giocheremo col Toro, poi ci saranno il Genoa e il Verona. Il Cagliari non deve mollare mai, proprio come me.

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "Se non sbaglio con lui una retrocessione già ce la siamo fatta, credo al primo o secondo anno della sua presidenza. Vogliamo continuare a dargli..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News