Resta in contatto

News

‘Dov’è Davide? Manca solo lui’. L’attesa dei compagni a colazione, poi il dramma

La Nazione racconta gli attimi drammatici che hanno anticipato e seguito la scoperta della tragica morte dell’ex rossoblù.

Dov’è Davide? Manca solo lui“. Davide era nella sua camera, da solo, morto nel sonno a trentuno anni, mentre i compagni della Fiorentina lo stavano aspettando a colazione.

Così scrive La Nazione. Un piano più sotto era tutto ancora sereno: nove e un quarto di mattina, tutti seduti meno Astori. “Paga la multa, il capitano paga la multa“: scherzavano i giocatori mentre uno dei magazzinieri è salito al piano superiore dell’Hotel ‘La di Moret’, dove la Fiorentina aveva trascorso la notte prima della partita contro l’Udinese. Solita routine prima di un match in trasferta.

Strano però che Astori fosse in ritardo. Lui sempre il primo, così precisino, il leader che non aveva bisogno di alzare la voce e ti stendeva con il tono educato. Occhiate divertite fra i compagni: sai che divertimento prenderlo in giro per il ritardo a colazione.

Ma che silenzio nella camera 704. “Davide svegliati“. Un colpo alla porta, due tre, quattro. Poi è stato tutto così rapido. Il magazziniere è risceso nella sala colazioni e la sua faccia ha cambiato il clima, ragazzi Davide non risponde, dobbiamo entrare in camera; Pioli si è rivolto subito alla reception, il personale dell’hotel ha aperto la porta con una chiave di servizio: Davide era nel suo letto, non avrebbe pagato nessuna multa.

Se n’era andato con la morte dei buoni, quella che si dice non faccia soffrire, tre giorni dopo aver superato insieme a tutti i suoi compagni i severi esami di controllo previsti _ per legge _ ogni sei mesi. Cuore sotto sforzo, analisi del sangue: Davide era sanissimo, attento allo stile di vita per preservare il fisico e soprattutto la mente, anche per questo i compagni scherzavano con lui, il primo a rispettare ogni regola per farla accettare da tutti.

Dov’è Davide?“. In qualsiasi posto si trovi, sarà un leader.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News