Resta in contatto

Esclusive

ESCLUSIVA – Kieffer (Radio Stella): “Chievo-Cagliari? La vedo così”

Ernesto Kieffer, radiocronista ufficiale del Chievo insieme a Paolo Sacchi sulle frequenze di Radio Stella, ha espresso alla redazione di Calcio Casteddu cosa si aspetta dal match di sabato allo stadio Bentegodi.

“Il campionato del Chievo è da dividere in due tronconi: nelle prime 14 gare ha portato a casa 20 punti, perdendo di fatto solo con le big e portandosi in una buona posizione di classifica. Poi qualcosa si è rotto con la trasferta del 3 dicembre a San Siro. Forse è stata sottovalutata l’Inter lanciatissima, con l’esito di una sconfitta pesante per 5-0. Poi un buon 0-0 contro la Roma, ma le successive 7 sconfitte in 8 gare hanno affossato la squadra. I clivensi si ritrovano in un momento di profonda crisi. I punti in classifica accumulati all’inizio del torneo fungono ancora da tesoretto, tuttavia è arrivata l’ora di ricominciare a mettere fieno in cascina“.

“Verissimo: si sono verificati degli infortuni eccellenti, un calo di forma vistoso per Birsa… anche per questi motivi, particolarmente significativi per una squadra piccola, i risultati si sono guastati. Era Maran al capolinea? In tanti credono che sia arrivato il momento, anche se lui può godere del credito maturato nel recente passato. Certo è che se il trend non dovesse cambiare, potrebbe esserci una scossa. Secondo me, le intenzioni della società sono di arrivare comunque alla fine del torneo senza cambiare guida tecnica”.

López sta facendo un buon lavoro. Dopo l’avvicendamento con Rastelli non c’è stata alcuna svolta particolare nel gioco, ma i risultati sono positivi e inoltre sta valorizzando giocatori che possono rappresentare un tesoro per il futuro anche dal punto di vista economico. L’ambiente di Cagliari è caldo, la città è molto vicina alla squadra. Un pareggio non sarebbe da buttare per entrambi. Mi aspetto una gara in cui il Cagliari punterà a non prendere gol per poi ripartire in velocità, ma anche il Chievo avrà paura di scoprirsi. Sarà una partita dura a centrocampo, diventeranno fondamentali i subentrati: mi attendo grande equilibrio e giocate decisive dei singoli”.

Il Cagliari sta lavorando molto bene con i giovani. A Verona si sta provando ad invertire la tendenza rispetto al passato, legatissimo a giocatori navigati. L’anno scorso sono stati lanciati Depaoli e Bastien, c’era pure Costa ora alla Spal. Ci sono anche Jaroszynski e Bani. Quest’ultimo è partito come rincalzo e oggi gioca come titolare al centro della difesa: non male”.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Non credo possa essere Agostini il nuovo ct. Non mi sembra all'altezza."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "A me piacerebbe Zanetti e in d.s. in gamba e Giuliani che li facesse lavorare in pace"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Esclusive