Resta in contatto

News

Joao Pedro: al talento non si può rinunciare

Quattro gol, cinque considerando la Coppa Italia. È il capocannoniere del Cagliari. E questo già basterebbe per affermare che lasciare Joao Pedro fuori dal campo a scaldare la panchina è difficile. Se non impossibile.

Contro l’Udinese l’ennesima testimonianza: una partita da fantasma, poi un’inserimento, un colpo di genio e un colpo di testa, per il gol dell’uno a zero e della vittoria per i rossoblù. E chissà che non sia proprio lui l’uomo decisivo per la svolta dei ragazzi di López. Con il tecnico uruguagio che lo ha reinventato seconda punta, per inserirlo nel suo 3-5-2 che sta dando finora ottimi risultati. CalcioCasteddu.it era stato il primo a ipotizzare, mettendo al microscopio quattordici minuti di Cagliari-Verona, il nuovo ruolo di Joao Pedro. Detto fatto. Titolare al fianco di Pavoletti contro l’Udinese e gol.

Non è la prima volta che gli cambiano ruolo. Dal 2015, quando è arrivato a Cagliari dall’Estoril nello scambio con Cabrera, ha vagato per ogni zona del campo dalla linea mediana in su. Finché nell’anno di B con Rastelli, dopo qualche prova anche da mezzala, non ha trovato la sua collocazione più stabile: trequartista alle spalle di due punte. E 13 gol in serie cadetta sono arrivati facili facili. 7 reti lo scorso anno, secondo solo a Marco Borriello, nonostante gli intoppi fisici.

Interno, mezzala, trequartista, seconda punta. Il ruolo ormai per JP10 – analizza L’Unione Sarda – non è nemmeno più così importante. Ha preso coscienza dei propri mezzi e di come poter sfruttare la sua creatività e il suo agonismo in ogni zona del campo. La tecnica al servizio della squadra, perché se non è il più dotato tecnicamente poco ci manca (si veda il “cioccolatino” a Sau contro il Crotone).

Nel suo quarto campionato in rossoblù, Joao Pedro può trovare la sua seconda rinascita dopo quella dell’anno in B. I gol già sono arrivati: in Coppa Italia decisivo contro il Palermo, bello ma inutile contro il Milan a San Siro, una perla di fondamentale importanza quello a Ferrara contro la Spal; fino ad arrivare al rigore contro il Genoa e al gol-vittoria di domenica a Udine. Ma c’è anche e soprattutto quell’attaccamento alla squadra (è uno dei capitani designati) e all’isola del numero dieci rossoblù: “Non mi stancherò mai di dire che mi sento a casa. Sto imparando ogni giorno di più ad amare questa squadra“.

E se López ne parla come di un campione – “Quando ha la palla tra i piedi fa quello che gli altri non riescono nemmeno a pensare” – diventa chiaro che il talento di Joao Pedro non si può tenere fuori.

28 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
28 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "GIGI CASIRAGHI!!!"

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "Bravo, ma senza "garra"!"

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."

(SONDAGGIO) Cambio in panchina, giusto esonerare ora Mazzarri?

Ultimo commento: "decisione tardiva ma indispensabile. con Mazzarri la B era sicura , forse adesso c è qualche stimolo in più. Purtroppo è l epilogo di una serie di..."

Mazzarri, i lettori di CalcioCasteddu vogliono finire la stagione con il tecnico

Ultimo commento: "In ogni caso,ce la siamo scappati lo scorso anno, per il rotto della cuffia. La Salernitana, grazie a Nicola, provvidenziale il cambio,Colantuono è..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News