Resta in contatto

News

López: “Sono cresciuto e ho fatto tesoro delle esperienze”

L’allenatore del Cagliari Diego López ha rilasciato un’intervista al quotidiano L’Unione Sarda in cui ha parlato della sua nuova esperienza da allenatore rossoblù. Ecco le frasi principali del tecnico di Montevideo:

“Sono cambiate alcune cose dall’ultima volta che ho allenato a Cagliari. Il presidente, la programmazione, lo stadio provvisorio, ma anche quello che verrà. Il centro sportivo di Asseminello è più completo, poi i due store. Piccole cose che hanno cambiato la società in meglio. Io non so se sono cambiato, sicuramente sono cresciuto e ho fatto tesoro delle esperienze, sia positive che negative. Alla squadra ho detto che non sono venuto qui a insegnare calcio ma a portare le mia idea. La velocità della palla fa la differenza, soprattutto quando hai giocatori con i piedi buoni. Difendere bene è importante ma guardare la porta avversaria è fondamentale. Vedo in Giulini una persona ambiziosa, vuole crescere continuamente. I miei riferimenti? All’inizio ho preso spunto da Giampaolo per la fase difensiva e da Allegri per quella offensiva. Pure Ventura mi ha lasciato tanto anche se con lui non giocavo. Come è nato il 3-5-2? Con le caratteristiche dei miei giocatori sin dal primo allenamento. Lavorando in questo modo sono arrivati risultati e prestazioni, Giulini mi ha chiesto di trovare un equilibrio e un’identità alla squadra. Joao Pedro sacrificato? No, da lui non mi aspetto la quantità di Barella, Ionita e Dessena, è un altro tipo di mezzala e può giocare anche dietro le punte. Abbiamo parlato e può dare molto. Pisacane è il giocatore in cui mi rivedo di più. Io una bandiera? Possono dirlo solo i tifosi. Il prossimo rigorista? Lo decideranno i ragazzi in campo ma sono sicuro andrà meglio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

(SONDAGGIO) Quale modulo è più adatto per questo nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Sarebbe ideale il 4/3/1/2 trequartista Joao è due punte Pavoletti è Keita, Joao deve fare il collante fra il centrocampo e le punte"

(SONDAGGIO) Il Cagliari a Mazzarri, è l’uomo giusto?

Ultimo commento: "Prendere Mazzarri per me è stata una cavolata pazzesca. Spero di sbagliarmi. ..."

Modulo: per i lettori di CalcioCasteddu il 3-4-2-1 è la soluzione migliore

Ultimo commento: "Basta con la difesa a 3 non ci siamo. Non ci siamo bbbbbbaaaaaasssstttaaaaa. 4 4 2. Stoooop"

(SONDAGGIO) Serie A alle porte, dove può arrivare il Cagliari?

Ultimo commento: "Di Dio c'è solo l'onnipotente signore creatore del cielo è della terra dunque imbecille quando tiri fuori il fiato per bestemmiare stai molto..."
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "Xche ci mettete in difficolta 2 canpioni in canpo e fuori. Forza Casteddu.mia Madre Cagleritana .Pandori Amelia.e mio Figlio direttore Sportivo..."

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Ultimo commento: "RIVA, ROMBO DI TUONO, è un mito ineguagliabile nella storia del calcio!"

Altro da News