Resta in contatto

News

Dentro Ceppitelli, fuori Andreolli: cambia ancora la difesa?

Quella di domenica sarà la quarta partita di Lòpez alla guida dei rossoblù. E, a meno di ulteriori novità, il tecnico di Montevideo schiererà la quarta difesa diversa, come riporta oggi L’Unione Sarda.

Il primo cambio rispetto al passato, quello radicale, è stato nell’esordio contro la Lazio. Dopo i depistaggi in conferenza – “le cose si devono provare in allenamento, non inventare sul campo” – l’allenatore del Cagliari ha messo in cantina la difesa a 4 e rispolverato il 3-5-2. All’Olimpico Romagna, Andreolli e Pisacane, con Dessena e Padoin sugli esterni, non brillarono per qualità e intensità, ma l’avversario non era dei più semplici. Le cose sono migliorate già nel match casalingo con il Benevento: contro i sanniti ancora difesa a 3, ma spazio alla novità Ceppitelli al centro, con Romagna e Pisacane (infortunato e poi sostituito da Capuano) rispettivamente sul centrodestra e centrosinistra, e con Faragò e Miangue sulle corsie laterali come ulteriori novità. Contro il Torino, terza partita e terza difesa: Romagna, Andreolli, Capuano, più Faragò e Padoin esterni.

Ora, dopo la terza partita di rodaggio, contro il Verona è arrivato il momento delle scelte, quelle un po’ più definitive. Romagna sul centrodestra finora è stata la sorpresa dei rossoblù a livello di prestazione e sia Lòpez (tre su tre con l’uruguaiano) sia la critica lo ritengono inamovibile. Sul centrosinistra, con Pisacane ancora fuori per una o due settimane, spazio a Marco Capuano, che non ha demeritato quando è sceso in campo, a parte qualche amnesia contro il Torino.

La novità allora potrebbe essere al centro. Fuori Andreolli e dentro Ceppitelli. Il primo doveva essere il sostituto di Bruno Alves, ma l’ex Inter ha dimostrato in rossoblù che una carriera sulle grandi panchine d’Italia e d’Europa (oltre ai nerazzurri, Roma e Siviglia) e poche esperienze da titolare, spesso tribolate dagli infortuni, non garantiscono necessariamente una buona continuità di rendimento e l’esperienza necessaria per guidare una difesa. Ceppitelli invece sta provando a riprendersi ciò per cui arrivò a Cagliari dal Bari, ormai tre anni fa: i gradi da titolare, teoricamente, sono suoi sin dal 2014 ma, con Zeman in panchina, soffrì maledettamente le difficoltà di un gioco spregiudicato e di un lavoro difensivo disumano. Andò meglio in B: 26 presenze, 1 gol e buone prestazioni. Ora, nonostante gli infortuni che sembrano fermarlo proprio quando è in ripresa, prova a ritrovare la titolarità e la guida del reparto arretrato da centrale nella difesa a tre.

15 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News