cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Diritti tv: ecco cosa cambia tra le big e le altre

La nuova legge di bilancio toglie 40 milioni alla Juventus. Il tutto a giovamento  delle medio piccole come a Sampdoria e Genoa, Atalanta, Udinese, Verona e Cagliari. Il club di Tommaso Giulini si ritroverà così 4 milioni di euro in più in cassa.  Ecco dunque il primo effetto della revisione alla Legge Melandri voluta dal ministro Lotti: sarà una distanza decisamente ridotta tra grandi e piccole nella distribuzione dei diritti tv, proprio nelle settimane in cui la classifica di Serie A si spacca in due e scava un solco tra le benestanti e gli altri. Se fino a oggi l’ultima incassava un quarto della prima, da domani il rapporto sarà di un euro a due. 

Infatti cambiano i parametri, a partire dalla percentuale distribuita equamente: non più il 40% ma il 50% dei soldi. Come riporta Repubblica, secondo le cifre dell’ultimo accordo con le tv, i club si dividerebbero allo stesso modo 462 milioni su 924. Sparisce il 5% distribuito in base ai residenti nella città di appartenenza. Un 30% si dividerà in base ai risultati: il 15% per l’ultima stagione, il 10% valutando gli ultimi 5 campionati e il 5% sui risultati dal ‘46-47 a oggi. Cala dal 25 al 20% la quota che premia il radicamento sociale: dipenderà dal numero di spettatori paganti negli ultimi 3 campionati. Ma manca ancora il decreto attuativo che ne stabilisca i criteri, ed è su questo che proveranno a far leva le grandi per recuperare qualcosa, in attesa che la legge sia discussa al Senato. Non è ancora fissata la cifra garantita ai club dall’asta per i diritti del triennio 2018-21.

A rimetterci sarebbero, le big, Juventus in testa, che si vedrebbe sforbiciati come detto 40 milioni. Secondo le stime di Calcio&Finanza invece, altri 16 milioni sparirebbero dai bilanci di Milan e Inter. Il doppio di quanto può perdere la Roma. Il Napoli rinuncerebbe a 7-8 milioni, solo 3 la riduzione della Lazio. Salirebbero al contrario i versamenti a tutte le altre: 8 milioni a testa in più per le genovesi, Atalanta, Verona e Udinese. Sette a Fiorentina, Bologna, Chievo, Crotone e Sassuolo. Almeno 4 a Benevento, Spal e Cagliari e 2-3 al Toro.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il gruppo televisivo della famiglia Berlusconi, dopo essersi tirata indietro su una gara in chiaro...
Importante riunione fissata in Lega Serie A questa mattina: le società discuteranno sulle offerte dei...
Tutti gli accordi che saranno formalizzati nelle prossime settimane, con possibilità di durate variabili nei...

Dal Network

L'ex campione del mondo da giocatore con l'Italia nel 2006, prende il posto dell'esonerato in...
La squadra di Juric, squalificato e sostituito da Paro in panchina, e quella di Di...

Altre notizie

Calcio Casteddu