Resta in contatto

Approfondimenti

I 5 motivi per non esonerare Rastelli

Rastelli

CalcioCasteddu.it vi propone un doppio approfondimento sulle motivazioni che spingerebbero all’esonero o alla conferma di Rastelli, sempre più sulla graticola dopo il passo falso casalingo contro il Genoa,

Ecco i 5 motivi per i quali la società non dovrebbe esonerare Massimo Rastelli:

1. La conoscenza di ambiente e giocatori. Nei due anni alla guida del Cagliari Rastelli ha acquisito grande fiducia, come uomo e come tecnico, da tanti giocatori e da gran parte della società, specie ai vertici. Pisacane, Joao Pedro, Capuano, Padoin e non solo, sono giocatori molto vicini al tecnico campano, che, grazie al suo essere un allenatore aziendalista, gode di stima anche da parte del Presidente Tommaso Giulini, del dg Passetti e del vice Presidente Filucchi. La conoscenza delle trame societarie e del carattere dei giocatori, maturata durante la propria permanenza, potrebbero essere fondamentali per Rastelli al fine di uscire da questo momento difficile.

2. Crescita dei singoli: molti rossoblù, Barella, Pisacane, Joao Pedro in primis, sono calciatori migliorati tantissimo nel corso degli ultimi due anni. Il primo in questa stagione ha raggiunto anche la titolarità in Serie A e la convocazione della Nazionale, mentre per il brasiliano e l’ex Avellino (portato nell’isola proprio da Rastelli) la maturazione è stata più graduale, con grandi prestazioni in B e un buon campionato di A, accompagnate da una definizione sempre più chiara del ruolo in campo. Potrebbe essere la dimostrazione del fatto che quando il materiale c’è, Rastelli sa come lavorarci.

3. Raggiungimento risultati. Tutto si può dire, ma non che Rastelli non raggiunga i risultati. Promozione e primo posto in Serie B nella stagione d’esordio al Cagliari; salvezza e undicesimo posto nella prima in A, a un punto dal decimo posto, obiettivo dichiarato dalla società. Tra periodi bui e vittorie convincenti, il Cagliari di Rastelli è sempre riuscito nello scopo prefissatosi a inizio stagione. Potrebbe essere così anche questa volta. E quello che i rossoblù stanno affrontando sarebbe solo una crisi di risultati passeggera, pronta a chiudersi alla prima vittoria.

4.Sostituti non all’altezza. Mettiamo il caso che l’esonero divenisse realtà. Chi diverrebbe il nuovo allenatore del Cagliari? Secondo i nomi fatti fin ora in pole ci sarebbe Iachini, che dopo i numerosi tira e molla con il Palermo e l’avventura deludente con l’Udinese dovrebbe rilanciarsi a Cagliari. E, vista la situazione, sembrano azzardate anche le piste Zenga, Oddo e Guidolin: nonostante si tratti di allenatori talentuosi, se si guardassero solamente gli ultimi risultati ottenuti in carriera sembra difficile che qualcuno di loro possa risollevare la situazione difficile dei rossoblù, specie per i primi due, non certo allenatori navigati. Reja e Ballardini, in ultimo, sono nomi ormai da troppo tempo fuori dal giro della Serie A, e potrebbero avere difficoltà a reinserirsi in un contesto così complicato ma allo stesso tempo esigente quale la piazza di Cagliari.

5. Capro espiatorio. La situazione è difficile, e questo è chiaro a tutti. Tra le più complicate dell’era Rastelli. Ma se la responsabilità non fosse solo del tecnico di Torre del Greco? Un mercato che non convince del tutto, prestazioni dei singoli spesso troppo altalenanti o del tutto deludenti, assenza di carisma in campo e condizione fisica che non convince. E se i problemi del Cagliari non si esaurissero con il cambio dell’allenatore?

17 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Il grande problema sono i giocatori: ma che rosa abbiamo????? Giannetti, melchiorri rotto, cigarini spaventosamente lento, per non parlare delle fasce, che lo sappiamo, farias nullo sau idem, pedro 1 su 5, dessena pensionato. Non è che la colpa è del DS?????? Che ha costruito una squadraccia??????

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

con la lazio tre o quattro a zero?

Michele
Michele
3 anni fa

Non è un allenatore. Rastelli non ha personalità, animo e spirito, e questo lo trasmette alla squadra. Quando avevamo Zeman avevamo forza, eravamo temibili e avevamo un gioco. Preferisco una retrocessione dignitosa come quella con Mazzone o Festa che una salvezza ottenuta a suon di umiliazioni. Nel caso, l’anno prossimo si ripartirà da Cragno Senna, Romagna, Barella, Colombatto e Han. Forza Casteddu

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Facciamogli il contratto a vita, è un eroe! Ma mi faccia il piacere, direbbe Totò!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Il motivo per tenerlo è 1. Solo se l’unico sostituto è iachini. Giulini prendi guidolin

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

La squadra non lo segue più

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Ma cacciatelo in tre anni solo palla lunga e culo…

piero
piero
3 anni fa

l’avete detto da tanti giocatori no tutti quelli vanno allontanati non il tecnico.secondo me e il nuovo Ranieri.eliminare i dissidenti.dare spazio a le grottaglie.

piero
piero
3 anni fa

l’avete detto da tanti giocatori no tutti quelli vanno allontanati non il tecnico.secondo me e il nuovo Ranieri.eliminare i dissidenti.

piero
piero
3 anni fa

l’avete detto da tanti giocatori no tutti quelli vanno allontanati non il tecnico.secondo me e il nuovo Ranieri.

piero
piero
3 anni fa

l’avete detto da tanti giocatori no tutti quelli vanno allontanati non il tecnico.

Stefano Sciandra
3 anni fa

le caratteristiche di Borriello e continua a giocare con il 3-4-1-2, Ma ci siamo mai chiesti cosa avremmo fatto con un altro allenatore al posto di questo che orfano di Capozucca sta dimostrando tutto cio che vale anche in sede di avvallo di scelte di mercato?

Stefano Sciandra
3 anni fa

Basta con sta storia dei risultati raggiunti! Basta davvero. In B il magazziniere avrebbe vinto il campionato probabilmente facendo 100 punti, non perdendo ben 9 partite, e 3 (Novara, Perugia, Spezia) di fila in casa, come accaduto già quest’anno e migliorabile pure a partire dal Benevento. Lo scorso anno poi la squadra valeva anche di più dell’11esimo posto, ci si è mai chiesti cosa avrebbe fatto un altro allenatore? Abbiamo preso Pavoletti che è un buonissimo giocatore ma non ha le

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Serie B sicura…caduta libera…con la Lazio ennesima batosta!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

E basta sto strazio bogainceddu e bo!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

E da sempre che lo dico, il problema non è solo Rastelli, in campo vanno i giocatori, e le prestazioni con milan e spal ne sono la dimostrazione.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Vergogna facciamo ridere!!!!la società cagliari calcio,si mette la mano sulla coscienza e ammetta gli errori,fuori rastelli!!!!

Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Advertisement

Fabrizio Cammarata

Ultimo commento: "Ancora con Cammarata? Basta! NON ha fatto niente di niente a Cagliari per essere menzionato. Riva merita Molto, ma Molto di più che Cammarata...."

Gigi Riva

Ultimo commento: "Su Riva è stato detto e scritto di tutto. Giocatore Immenso ed unico. Ma il suo carisma lo si può riassumere col termine usato da..."
Francescoli

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "Classe pura da grande campione, giocate stupende e professionalità indiscussa Uomo dai principi di vecchio stampo Grazie di tutto " PRINCIPE ", era..."
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "peccato che perdemo 4-2"
Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Nel '67 avevo nove anni, ma ricordo quando la formazione iniziava con: Colombo, Martiradonna, Tiddia ... ('64)"
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!

Altro da Approfondimenti