Resta in contatto

Approfondimenti

Prima il lampo, poi il tuono: Cagliari, che ti è successo?

Una luce forte e abbagliante quella mostrata dal Cagliari a Ferrara. Una luce diffusa che sembrava non lasciare spazio a ombre: bel gioco (in continuità per tre partite – Milan, Crotone, Spal), bei gol come il siluro all’incrocio di JP10 e un diamante pure come Nicolò Barella, un talento da valorizzare che finalmente sembrava pronto a esplodere, anche in zona gol.

Eppure, dopo una settimana, già si parla di Cagliari fuori forma, di mancati investimenti o acquisti sbagliati in fase di mercato, di squadra senza gioco e di interpreti e allenatore non all’altezza. Di esonero, addirittura. Le due sconfitte in casa, tra l’altro contro dirette concorrenti per la salvezza, potrebbero anche giustificare le preoccupazioni e la rabbia dei tifosi , così come i malumori in società. Tante le ombre e i momenti bui nelle due partite casalinghe, giocate male, a rilento e con pochi, pochissimi barlumi di gioco, innescati per lo più dai giocatori più tecnici della rosa, Sau e Joao Pedro. Ma soprattutto un tuono, forte e fragoroso, di quelli inattesi, che arrivano troppo tardi e allo stesso tempo troppo presto dal lampo che dovrebbe annunciarli.

Perché ciò che stupisce, certamente, è che dalla partita con la Spal e da quel Cagliari radioso è passata solo una settimana, anzi 180 minuti, al netto di quanto giocato. È già il momento di criticare o solo quello di affrontare la crisi con il sostegno di tutto l’ambiente? Ma soprattutto, qual è la causa di questa involuzione così repentina? Calo fisico dovuto agli impegni ravvicinati e alla rosa troppo ristretta? Semplice fuoco di paglia dovuto alla scarsa qualità di squadre come Spal e Crotone e dunque alle maggiori difficoltà incontrate contro Sassuolo e Chievo?

I punti in classifica, in ogni caso, erano sei e sono ancora sei, così come quelli di vantaggio sulla zona retrocessione erano e sono quattro. Ma le domande sono tante e senza risposta. E che una soluzione, e una luce di speranza, la dia la sfida al San Paolo di Napoli appare quanto meno complicato. Toccherà a Rastelli, forse, riuscire a ritrovare il bandolo della matassa.

16 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Capozucca, i lettori di CalcioCasteddu si dividono. La maggioranza però cambierebbe ds

Ultimo commento: "Campionato di serie B (vergognatevi) Ediz. 2022-23 - Portieri:BraccioFerro-Bruto-Pluto-Olivio..."

I lettori di CalcioCasteddu a maggioranza: Cerri merita un’altra chance

Ultimo commento: "ai sapientoni del calcio teorico indichiamo i seguenti dati reali: Cerri anni 26 presenze fra A e B 190 con 35 goal... Brunori anni 28 presenze fra..."

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "QUI VA TUTTO MALE.....BENEDIRE PURE I TIFOSI....."

I lettori di CalcioCasteddu divisi: Liverani non è l’uomo giusto per il nuovo Cagliari

Ultimo commento: "Brunori mi sarebbe piaciuto ma come al solito giocatori buoni rifiutano il cagliari,facciamo affari sbagliati,prendiamo giocatori oltre i trenta senza..."

SONDAGGIO – Cerri sulla via del ritorno a Cagliari: giusto dargli un’altra possibilità?

Ultimo commento: "E migliorato molto con i piedi...sa far salire la squadra..meglio cerri con lapadula..affianco"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti