Resta in contatto

Approfondimenti

Auguri a Ekdal, colui che sconfisse l’Inter

Nasce il 28 luglio di ventisei anni fa Albin Ekdal, da un’ostetrica e da un giornalista della tv svedese. Nasce, calcisticamente, come centrocampista offensivo del IF Brommapojkarna, società del paese natio. Punta gli occhi su di lui il Chelsea, ma Albin deve continuare a studiare – dice il padre -, poi verrà il calcio.

Il suo passaggio in una big d’Europa avviene solo qualche anno dopo: nel 2008 si trasferisce alla Juventus, che dopo la burrascosa stagione in B di “calciopoli” sta rifondando in vista del secondo campionato in A consecutivo. Comincia con la Primavera bianconera, con cui vince il Torneo di Viareggio, e solo a sprazzi resta in prima squadra, salvo poi trasferirsi in prestito a Siena e (in comproprietà) a Bologna, dove comincia a giocare come mezzala. È il 2011 quando viene rilevato dal Cagliari di Massimo Cellino.

Per lui i primi due anni in rossoblù sono di ambientamento. La prima rete è contro la Roma, quella del 4-2 finale dopo la doppietta di Thiago Ribeiro e il gol di Mauricio Pinilla. Poi nella stagione 2013-2014 un brutto infortunio lo tiene lontano dai campi per due mesi e sembra minare la costanza nelle prestazioni che aveva caratterizzato il centrocampista svedese. Comincia però a trasparire sempre di più il suo ruolo di trascinatore della squadra che emergerà definitivamente nella stagione successiva, con Zeman in panchina.

L’avvio sembra eccezionale: è la quinta giornata quando il Cagliari affronta l’Inter a San Siro. Sardi in vantaggio con Sau, pareggio dei nerazzurri con Osvaldo. Ma la formazione di Zeman è arrembante: discesa sulla destra di Ibarbo, scarico per Dessena che tira; Handanovic respinge, Sau controlla sulla ribattuta e lascia il pallone sui piedi di Ekdal. Tiro, gol. Cagliari nuovamente in vantaggio, e lo rimarrà per tutta la partita.

Anche perché lo svedese fa il bis: ancora Ibarbo sulla destra, pallone dietro per il centrocampista rossoblù e Handanovic nuovamente trafitto. Mano sulla bocca (come a dire “Ops!”) e via, si corre a esultare. E non è finita: dopo il rigore sbagliato da Cossu, ecco un corner per i sardi. La palla rimane nell’area, batti e ribatti e nuova zampata vincente dello svedese. È 4-1 Cagliari. È tripletta Albin Ekdal.

Arriveranno anche altri due gol, di cui uno contro l’Empoli nel 4-0 ai toscani. Ma il finale di stagione vedrà la tragica retrocessione dei rossoblù. Lo svedese viene così ceduto all’Amburgo, in Germania, per una cifra vicina ai 5 milioni di euro.

Ma la Sardegna a Ekdal gli è rimasta nel cuore, e non è raro che posti qualche foto del Poetto per ricordare i bei tempi a Cagliari.

 

19 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
19 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Io lo rivedrei molto bene in questo nuovo Cagliari

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Augurissimi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Gioca nell’Amburgo in Germania

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Grande Ekdal, che centrocampo con lui Naingollan e il CAPITANO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Auguroni Albin

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Che fine ha fatto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Auguri albyn

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Auguri

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

AUGURI GUERRIERO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Torna?
ma sbaglio ho e scappato l’anno che si era retrocessi?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Grande campione auguri

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Mancai fessidi Stefano…….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Torna, entro fine mercato sarà del cagliari

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Un gladiatore come pochi…. Come lui ricordo Nelson Abejon e Pepe Herrera PUNTO!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Albin torna, non ti abbiamo mai dimenticato!!!!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Auguri buon compleanno

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Ecco un giocatore che valeva la pena di riportare a Cagliari

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

IBARBO IBARBO TENTA DI ENTRARE DENTRO L’AREA, Albin Ekdal GOALLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLLL!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
3 anni fa

Gran bel giocatore!!

Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Tiddia

Mario Tiddia

Ultimo commento: "Un sardo......."

Gigi Riva

Ultimo commento: "La storia di Gigi Riva e di quel grande Cagliari con tutti gli altri campioni è talmente bella da sembrare inventata. E giustamente è diventata..."

Radja, una storia di vita che sembra un film

Ultimo commento: "Sei un uomo prima di un giocatore ..per sei sempre stato grande e quando sei andato via dalla squadra mi si e spezzato qualcosa sei un grande ...vai..."
Francescoli

Enzo Francescoli

Ultimo commento: "Anche a Mannini..."
zola

Gianfranco Zola

Ultimo commento: "Un fuoriclasse VERO. Grande anche dal punto di vista umano, amato in tutte le piazze in cui ha giocato. Se solo fosse arrivato prima al Cagliari."
Advertisement

Cerca con Pagine Sì!

Powered by Pagine Sì!
Advertisement

Altro da Approfondimenti