Resta in contatto

Approfondimenti

Auguri a Ekdal, colui che sconfisse l’Inter

Nasce il 28 luglio di ventisei anni fa Albin Ekdal, da un’ostetrica e da un giornalista della tv svedese. Nasce, calcisticamente, come centrocampista offensivo del IF Brommapojkarna, società del paese natio. Punta gli occhi su di lui il Chelsea, ma Albin deve continuare a studiare – dice il padre -, poi verrà il calcio.

Il suo passaggio in una big d’Europa avviene solo qualche anno dopo: nel 2008 si trasferisce alla Juventus, che dopo la burrascosa stagione in B di “calciopoli” sta rifondando in vista del secondo campionato in A consecutivo. Comincia con la Primavera bianconera, con cui vince il Torneo di Viareggio, e solo a sprazzi resta in prima squadra, salvo poi trasferirsi in prestito a Siena e (in comproprietà) a Bologna, dove comincia a giocare come mezzala. È il 2011 quando viene rilevato dal Cagliari di Massimo Cellino.

Per lui i primi due anni in rossoblù sono di ambientamento. La prima rete è contro la Roma, quella del 4-2 finale dopo la doppietta di Thiago Ribeiro e il gol di Mauricio Pinilla. Poi nella stagione 2013-2014 un brutto infortunio lo tiene lontano dai campi per due mesi e sembra minare la costanza nelle prestazioni che aveva caratterizzato il centrocampista svedese. Comincia però a trasparire sempre di più il suo ruolo di trascinatore della squadra che emergerà definitivamente nella stagione successiva, con Zeman in panchina.

L’avvio sembra eccezionale: è la quinta giornata quando il Cagliari affronta l’Inter a San Siro. Sardi in vantaggio con Sau, pareggio dei nerazzurri con Osvaldo. Ma la formazione di Zeman è arrembante: discesa sulla destra di Ibarbo, scarico per Dessena che tira; Handanovic respinge, Sau controlla sulla ribattuta e lascia il pallone sui piedi di Ekdal. Tiro, gol. Cagliari nuovamente in vantaggio, e lo rimarrà per tutta la partita.

Anche perché lo svedese fa il bis: ancora Ibarbo sulla destra, pallone dietro per il centrocampista rossoblù e Handanovic nuovamente trafitto. Mano sulla bocca (come a dire “Ops!”) e via, si corre a esultare. E non è finita: dopo il rigore sbagliato da Cossu, ecco un corner per i sardi. La palla rimane nell’area, batti e ribatti e nuova zampata vincente dello svedese. È 4-1 Cagliari. È tripletta Albin Ekdal.

Arriveranno anche altri due gol, di cui uno contro l’Empoli nel 4-0 ai toscani. Ma il finale di stagione vedrà la tragica retrocessione dei rossoblù. Lo svedese viene così ceduto all’Amburgo, in Germania, per una cifra vicina ai 5 milioni di euro.

Ma la Sardegna a Ekdal gli è rimasta nel cuore, e non è raro che posti qualche foto del Poetto per ricordare i bei tempi a Cagliari.

 

19 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
19 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

SONDAGGIO – Cagliari in B: Giulini deve restare o sarebbe meglio un’altra proprietà?

Ultimo commento: "Giulini non sarebbe in grado di fare l'amministratore di un condominio senza appartamenti figuriamoci gestire una squadra di calcio in serie A.Persona..."

Salvezza o meno i lettori di CalcioCasteddu vogliono una nuova guida tecnica

Ultimo commento: "Qui permettimi di rispondere; ma non ti sembra un po da miserabili disperati mettere 3 attaccanti contro una squadra di poveracci che meritano di..."

(SONDAGGIO) Ripartire da Agostini o cambiare ancora?

Ultimo commento: "Agostini ha preso una squadra praticamente condannata alla retrocessione. Ci voleva coraggio. Occorre un drastico cambiamento a partire dal presidente..."

(SONDAGGIO) Pereiro, fuoco di paglia o serve fiducia?

Ultimo commento: "È un giocatore che ogni tanto si sveglia del letargo e regala qualche prodezza, ma sono sicuro che un giocatore come Ragatzu avrebbe dato di più al..."

(SONDAGGIO) Cagliari-Sassuolo, ultima spiaggia per Mazzarri?

Ultimo commento: "Non credo che Mazzarri abbia molte colpe, visto che ha trovato una squadra inadeguata e anche impreparata, gli innesti di dicembre hanno portato..."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti