Resta in contatto

Approfondimenti

Amarcord rossoblù: Fabrizio Provitali, 12 gol per la A

Alla fine degli anni Ottanta il Cagliari si appoggiò sulla partnership con la Roma, che inviò in Sardegna alcuni giovani elementi da valorizzare. Quei ragazzi contribuirono al doppio salto dalla C1 alla A con Claudio Ranieri in panchina. Tra questi, l’attaccante Fabrizio Provitali.

Cappioli (classe 1968) e Pacioni (1969) arrivarono dalla squadra Primavera giallorossa nel 1988, proprio come Provitali. Quest’ultimo, nato a Roma il 15 maggio 1968, giocava nel ruolo di centravanti. Ottime qualità fisiche (186 cm per 84 kg) e discreto fiuto del gol, aveva giocato la sua prima stagione da professionista nel Perugia l’anno precedente. Approda al Cagliari in C1 e segna cinque reti, contribuendo alla prima promozione dei rossoblù in B. Il campionato cadetto 1989-90 lo vede capocannoniere del Cagliari che conquista il ritorno in massima serie, grazie anche alle sue dodici segnature: celebre la tripletta al Licata l’11 dicembre 1989 al Sant’Elia. I sardi chiudono al terzo posto e salgono insieme a Torino, Pisa e Parma. Per Provitali un ottimo biglietto da visita per l’avventura in A, ma…arriva il duo uruguaiano formato da Francescoli e Fonseca. Per lui e il compagno Paolino, con cui aveva composto il tandem d’attacco in cadetteria, lo spazio si riduce parecchio. Riesce così a debuttare alla prima di campionato, Cagliari-Inter 0-3, entrando al 62° minuto. Mezzora scarsa, in cui si racchiude la sua intera avventura in Serie A. Si accomoda in panchina un mese dopo contro il Milan e stop. A gennaio sembra prospettarsi il passaggio proprio all’Inter, che però non può concretizzarsi: all’epoca un giocatore già utilizzato da un’altra squadra della stessa categoria non poteva essere schierato. Si accasa perciò in B al Vicenza, poi un discreto triennio al Modena e nel 1995-96 chiude anche con i cadetti a Venezia. Prosegue con ottime prove a Rieti e Triestina prima del ritiro a 35 anni. Un giocatore che avrebbe sicuramente meritato il suo spazio anche in A dopo l’ottimo contributo in rossoblù tra il 1988 e il 1990. Peccato. Oggi Fabrizio Provitali guida i Giovanissimi della Barbisano Eclisse, Prima Categoria veneta.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Altro da Approfondimenti