Resta in contatto

Approfondimenti

Arriva Regini, un nuovo pezzo per il puzzle della difesa

Vasco Regini

Due pezzi persi, Bruno Alves e Murru; altri cinque, Isla, Padoin, Pisacane, Ceppitelli Capuano, chiusi sotto chiave, pronti per essere tirati fuori a fine agosto. Ora però il puzzle della difesa si arricchirà, a meno di clamorose frenate nella trattativa con la Sampdoria, di un nuovo elemento. Vasco Regini, classe 1990 e un passato con le maglie di Cesena, Foggia, Empoli, Sampdoria (l’esperienza più duratura, 92 presenze in Serie A) e Napoli, con cui è sceso in campo una sola volta, è pronto a sbarcare nell’isola. Difensore duttile, giovane ma esperto e pronto a essere inserito nella rivoluzionata retroguardia rossoblù.

Già, perché il reparto difensivo del Cagliari, l’anno scorso il terzo più battuto della Serie A (solo dopo Palermo e Pescara), è un rebus tutto da risolvere. L’unica certezza è che non ci sono certezze. Prima di tutto bisognerà capire il ruolo che mister Rastelli vorrà far interpretare a giocatori come Isla Padoin (terzino destro o mezzala), Pisacane (terzino destro o difensore centrale, molto bene qui nella seconda parte di stagione) e il prossimo acquisto Regini (difensore centrale o terzino sinistro). Ma il Cagliari potrebbe anche fare della metamorfosi e della duttilità la propria arma migliore, sfruttando il vantaggio di poter cambiare non solo a seconda delle assenze, ma anche a gara in corso o in base all’avversario.

E non è finita qui. Murru è un pezzo amato e odiato, ma allo stesso tempo considerato molto raro, tanto che oltre a Regini e Cigarini verrà scambiato per ulteriori 7 mln di euro. Ecco perché, con maggiori possibilità d’acquisto, il puzzle è ancora tutto da costruire con nuovi elementi, da Marco Andreolli a Edoardo Goldaniga e Luca Antei; da Senna Miangue (sempre gradito a dirigenza e tecnico rossoblù) al sogno Domenico Criscito, che per arrivare a Cagliari dovrebbe però ridursi notevolmente l’ingaggio. Con l’arrivo un nuovo terzino, Regini potrebbe essere spesso usato al centro della difesa, in coppia, paradossalmente, con un altro terzino adattato a centrale, Fabio Pisacane.

Il difensore napoletano, in rampa di lancio dopo aver convinto non solo il fidato mister Rastelli ma anche gran parte del pubblico, sarà infatti una delle scommesse della prossima stagione. Chi invece l’anno prossimo rischia di non vestire la maglia rossoblù è Bartosz Salamon, cercato da Avellino, Monaco 1860 e Las Palmas, mentre Kraijnc e Del Fabro, potrebbero essere pezzi ritenuti non all’altezza.

Il Cagliari sta costruendo il suo reparto difensivo. È ora di trovare gli incastri giusti.

 

 

31 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
31 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

Altro da Approfondimenti