cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Un grande cuore premia il Cagliari: col Napoli un pareggio che vale oro per il proseguo della stagione

Sorretti da un grande pubblico i rossoblù hanno a tratti fatto il match e, nonostante il gol subito, non hanno mollato e sono stati premiati

Un punto colto prima che Pairetto fischiasse la fine del match. Ma un punto pesante perchè meritato e che  rilancia il Cagliari (ora a 20 punti con Sassuolo e Verona) a +7 dalla Salernitana disperatamente ultima, ma a soprattutto -3 dalla coppia Udinese-Frosinone e -4 dal Lecce, battuto pesantemente in casa 4-0 dalla capolista Inter. Prova invece a scappare via l’Empoli (che domenica al Castellani ospiterà i rossoblù nello scontro diretto) a -5 grazie al blitz a Reggio Emilia sul Sassuolo, costato la panchina Dionisi e squadra momentaneamente nelle mani del tecnico della Primavera Bigica.

PRIMO TEMPO DI MARCA ROSSOBLU’. Contro i partenopei Ranieri si affida all’ex Gaetano sulla trequarti, dietro alla coppia Luvumbo-Lapadula. In mezzo al campo conferme per Deiola e Jankto dal primo minuto. Calzona, all’esordio campionato a primo allenatore, dispone i suoi con un 4-4-3. Molto reattiva e ottima la partenza da parte della compagine isolana, che cerca intensità nelle trame offensive (con cinque giocatori a riempire l’area avversaria) e non concede spazio agli stessi sia in difesa che a centrocampo. Ranieri, in fase di possesso, chiede al reparto arretrato (in particolare a Mina) di salire e vuole Nandez in pressione asfissiante su Kvaratskhelia, aiutato da Deiola. I rossoblù si affidano alle giocate sulle palle da fermo e sulle giocate illuminanti di Gaetano, che fanno soffrire i campioni d’Italia, che faticano anche nel proporsi ma che (quando lo fanno) con la conclusione di Raspadori al 29’, si fanno notare. Pairetto è richiamato al Var, perchè sul gol del vantaggio Cagliari, c’è l’interferenza di Lapadula e quindi rete da annullare. In chiusura di frazione (42’) Luvumbo sciupa la rete dell’1-0.

UN PAREGGIO PIU’ CHE MERITATO. Le due squadre si ripresentano con gli stessi uomini utilizzati da Ranieri e Calzona nella prima parte dell’incontro, ma sono ancora i rossoblù a farsi preferire, in particolare con lavoro di sacrificio di Lapadula e la velocità di Luvumbo. Triplo cambio in casa isolana, con Pavoletti che prende il posto di Lapadula, Viola per Gaetano e Zappa per Jankto. Uomini freschi, ma idea tattica che resta intatta solo con qualche piccolo accorgimento. Purtroppo, nel momento più difficile, giocata cattiva di Raspadori (che manda fuori corsa Augello) per Osimhen, che infila Scuffet di testa con palla sul secondo palo. Il Cagliari paga cara l’unica distrazione della contesa e perde per infortunio alla caviglia Pavoletti al 30’ sostituto dal Petagna, mentre il rientrante Oristanio subentra a Augello. Dura dunque 16’ il match del livornese. Nel finale Politano (entrato nel secondo tempo) si divora il raddoppio, occasione che capita anche all’ex Simeone e a Lobokta in pieno recupero. Ma è Zito Luvumbo al minuto 51 che trova il meritato pareggio, che evita una sconfitta che oggi sarebbe stata ingiusta.

Subscribe
Notificami
guest

58 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Queste le possibili scelte di mister Ranieri per la sfida contro i bianconeri...
La partita all'Unipol Domus tra Cagliari e Juventus vedrà la sfida nella sfida tra Ranieri...
Oggi, 18 aprile, ricordiamo il 79° anniversario dalla nascita di uno degli eroi dello Scudetto...

Dal Network

Lavoro parziale con la squadra per Milik. Solo personalizzato per Szczesny ...
Un altro indizio con Adriano Galliani protagonista, il futuro del Club si sta delineando sempre...

Altre notizie

Calcio Casteddu