cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Cagliari, l’alfabeto del 2023: prima parte

Alcuni momenti significativi dell'anno appena trascorso, per il Cagliari che ha vissuto il 2023 intensamente. Prima parte.

A come AVVICENDAMENTO. La porta del Cagliari ha visto il dualismo iniziale tra Radunovic – protagonista della scorsa stagione – e Scuffet, arrivato da dodicesimo scalpitante. Errori e insufficiente serenità hanno spinto Ranieri a cambiare le gerarchie in corsa.

B come BOBO. Il 5 aprile la storia del club ha perso un tassello importante della sua epoca d’oro: è scomparso infatti Sergio Gori, per tutti Bobo, spalla di Riva nel Cagliari più grande. Aveva 77 anni.

C come CARLETTO. Un altro colpo al cuore per tutti i tifosi rossoblù l’ha dato la morte (a 86 anni) di Carlo Mazzone, tecnico amato in maniera trasversale e legato all’ultima qualificazione europea della società.

D come DOTTOR SCORCU. I personaggi che accompagnano dietro le quinte il Cagliari svolgono un ruolo fondamentale, ma silenzioso. Marco Scorcu, medico sociale dei rossoblù, è entrato definitivamente nella storia per il suo bellissimo abbraccio a Claudio Ranieri nella meravigliosa notte di Bari. Istantanee che immortalano emozioni.

E come EXTREMIS. Quella cagliaritana è riconosciuta come la squadra a cui più facilmente si può abbinare questa parola: merito delle rimonte da infarto e della tendenza al gol negli ultimi minuti di gara, che hanno messo a dura prova il cuore dei tifosi.

F come FIGURACCIA. Non ce ne vorranno i tifosi del Bari e ancora di più la società pugliese, se si rimarca il tonfo della finale playoff di ritorno. Tutto apparecchiato, tra atmosfera festosa e la sicurezza di avere il risultato già in tasca, per una Serie A sfumata in modo clamoroso. E doloroso. Un’esperienza che tornerà utile, non solo ai biancorossi…

G come GIULINI. Il presidente del Cagliari Tommaso Giulini continua a perseguire un profilo mediatico molto basso, affidato esclusivamente a qualche puntata su X. La piazza resta spaccata sul suo operato, soprattutto a livello social.

H come HATZIDIAKOS. Pantelis Hatzidiakos è stato finora l’acquisto del Cagliari 2023-24 più in ombra. Pur accreditato di un buon curriculum, il difensore greco ha faticato terribilmente ad adattarsi alla Serie A.

I come IMMAGINAZIONE. Il gol segnato da centrocampo da Marco Mancosu contro il Perugia è stato il lampo di genio più luccicante del 2023 rossoblù. Solamente un giocatore dotato di grande immaginazione avrebbe concepito un’idea simile.

J come JACOPO. Rientrato da un prestito in C e apprezzato pubblicamente da Ranieri, Jacopo Desogus non ha mai fatto parte delle rotazioni del tecnico: anche quando ha risolto i suoi problemi fisici. Non ha ancora debuttato in Serie A e potrebbe esserci all’orizzonte un nuovo prestito a gennaio.

L come LACRIME. Forse ancora di più rispetto a quelle di gioia versate nella dolce notte di Bari, le lacrime più significative mostrate da Claudio Ranieri risalgono al suo nuovo debutto sulla panchina del Cagliari il 14 gennaio contro il Como. L’amore del pubblico rossoblù ha ripreso il suo corso, dopo oltre 30 anni.

 

Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Cinque i punti distacco dalla zona spareggi dopo il pareggio ottenuto sabato in casa della...
Nell'ultimo anno, Leonardo Pavoletti ha vissuto la grandiosa notte di Bari ma pure tanti problemi...
Contro i partenopei pareggio meritato, ma ora serve fare il massimo nelle prossime gare ...
Calcio Casteddu