cropped-cropped-CC-11.png
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Pavoletti: “Pronto a dare una mano, poi decide sempre Ranieri”

pIl capitano del Cagliari, dal Palazzetto dello Sport di Châtillon, in conferenza stampa. Le sue risposte alle domande dei media:

“Stiamo lavorando bene, è chiaro che ora all’inizio della terza settimana di allenamenti a ritmo di doppie sedute si senta un po’ di fatica ma è giusto prepararci per un campionato che sarà molto difficile e dove inseguiremo la salvezza. Una permanenza in Serie A è molto più importante di una promozione dalla Serie B. Adesso c’è un’altra storia da scrivere. Il gol di Bari è qualcosa di meraviglioso che mi sono goduto in questo mese, il 12 agosto inizierà la Coppa Italia e quindi guardiamo avanti”.

VOGLIA DI RESTARE
“A Bari arrivai dopo avere giocato poco nelle precedenti settimane e in particolare nei playoff. Era normale dover capire quello che può essere il mio ruolo, ho parlato col mister di ogni aspetto e con la consueta onestà mi ha presentato il progetto. Me la giocherò come tutti, avrò le mie chance e starà a me farmi trovare pronto. Sono arrivati ragazzi interessanti, mi stanno piacendo molto. Aspettiamo che Jankto torni nel gruppo, abbiamo visto la sua qualità e personalità. Ci sono giovani di prospettiva, il gruppo cresce bene. Dobbiamo avere pazienza, sapere che entriamo in uno scenario nuovo come la Serie A, l’euforia deve essere uno stimolo e non deve distrarci perché salire è difficile ma riscendere è molto facile. Quindi piedi per terra, testa bassa e lavorare con pragmatismo. Sognare non costa nulla, dobbiamo guardare in alto come abbiamo fatto in Serie B ma soprattutto avere equilibrio nella gestione dei momenti, di quelli positivi come quelli negativi. Salvezza prima di tutto, poi se ci sarà qualcosa in più lo capiremo”. 

RANIERI
“Il mister sta provando tante soluzioni, ama cambiare tatticamente e negli interpreti. La sua semplicità e umiltà non sono banali, sin dal primo giorno spiegò a me e Lapadula la volontà di mettersi a disposizione per farci rendere al meglio. Questo approccio mi colpì tanto e dà a tutti noi grande fiducia, come sempre sarà il mister a capire il top per il Cagliari. Lui lavora sempre sul collettivo, sull’intensità, sull’applicazione in ogni istante di allenamento e partita, questo ti insegna tantissimo. Ranieri non molla mai, è motivato come e più del primo giorno”. 

LA NUOVA SERIE A
La media punti per salvarsi si è abbassata, però la concorrenza per la salvezza è sempre più folta e quindi non sarà semplice. Le squadre di bassa classifica vanno in ogni campo a giocarsela, nessun risultato è scontato, dovremo essere bravi a non sbagliare gli scontri diretti e soprattutto far valere il fattore campo. L’entusiasmo dei tifosi è contagioso, è bellissimo gratificarli in questo momento di gioia e fiducia. Un anno fa, dopo la retrocessione, le tribune agli allenamenti erano gremite dal primo giorno e non credo sarebbe successo ovunque. Con la Sardegna c’è un rapporto splendido, mi sono goduto questo mese e mezzo post-Bari vivendo Cagliari e dialogando con tantissima gente. Amo dare tutto per il rossoblù, dentro e fuori dal campo, e mi godo ogni cosa che verrà pensando positivo. Magari il gol di Bari è solo l’inizio…”.

 

 

 

Subscribe
Notificami
guest

31 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Un saluto dalla redazione di CalcioCasteddu: iniziamo come di consueto con le prime pagine dei...
Avete perso una news o un approfondimento sul Cagliari? Date uno sguardo al nostro riepilogo,...

Dal Network

L'ex campione del mondo da giocatore con l'Italia nel 2006, prende il posto dell'esonerato in...
La squadra di Juric, squalificato e sostituito da Paro in panchina, e quella di Di...

Altre notizie

Calcio Casteddu