Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Ranieri si riprende il ‘suo’ Cagliari. E tra i tifosi è già festa

Un mare di emozioni ha fatto da cornice al secondo esordio del tecnico romano sulla panchina rossoblù. La vittoria col Como riporta la fiducia nello spogliatoio, ma il lavoro da fare è ancora tanto

Voleva una vittoria, come non importava. E la vittoria è arrivata. Al Cagliari occorreva ritrovare la fiducia in uno spogliatoio lacerato dalla retrocessione in B e dalle sconcertanti prestazioni nel girone di andata sotto la gestione di Liverani. La gara col Como ha ridato il sorriso un po’ a tutti: società, giocatori, tifosi, addetti ai lavori. Lui, Claudio Ranieri, ha sorriso il tanto che bastava. Troppe le emozioni di quel ritorno sulla panchina rossoblù, troppa la concentrazione per riuscire a regalare la prima gioia a dei tifosi che ne avevano invocato il ritorno a gran voce. Come mai era successo prima. Un coro così forte da convincere il presidente Giulini della bontà di questa scelta, non esente da sacrifici.

Ha fatto un certo effetto rivedere il tecnico romano su quella panchina, quasi 32 anni dopo. Curiosa poi quell’immagine mentre registrava gli appunti durante la gara attraverso il suo smartwatch: impensabile 32 anni fa, quando ancora c’era il telefono a gettoni e non era caduto nemmeno il muro di Berlino. Ha stupito un po’ tutti con un 3-5-2 compatto, quasi a sottolineare come non sia mai stato innamorato di un modulo in particolare: tutti si aspettavano un 4-4-2, ma così non è stato. Prima vengono i giocatori, poi il modulo in campo. E così è stato anche questa volta. Diciamocelo pure, la partita col Como non è stata bella, ma è stato bello rivedere tutto uno stadio spingere la squadra verso la vittoria, come non accadeva da tempo. E la vittoria, alla fine, è arrivata. Occorre rimboccarsi le maniche: c’è ancora molto da lavorare e da aggiustare. Altri interventi sul mercato verranno certamente fatti per migliorare una rosa incompleta. Ma ora, i tifosi rossoblù, possono guardare al futuro con ritrovata speranza.

53 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

53 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Approfondimenti