Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Il dribbling di... Mario Frongia

IL DRIBBLING DI… Mario Frongia. Il Venezia piazza il poker al Cagliari

Sconfitta extralarge, squadra in bambola, ripensamento globale obbligato. I rossoblù affondano e la tifoseria contesta tutti

Un disastro senza se e senza ma. Il doppio dei punti (10 a 5), la rabbia nel solo sentire il nome degli avversari. Ma anche tanta voglia di dimenticare la sconfitta interna con il Bari in un mese e poco più che dirà abbastanza chiaramente cosa vorrà fare il Cagliari da grande. Alla vigilia si è respirata un’aria che prometteva bene. Ma è andata al contrario. E anche peggio. Dopo due sconfitte di fila in casa, senza girarci troppo attorno, si segnala l’apertura di una vera e propria crisi. Il 4-1 del Venezia alla Domus è una coltellata che fa molto male. Alla classifica, alle certezze, poche, ai singoli e al club. Per non parlare dei tifosi: la Nord ha accompagnato il poker dei veneti con la solita sequela di insulti per il patron. La squadra ha avuto lo stesso trattamento. Premesso che in B bastano quattro gare di fila giocate almeno senza perdere per stare con il gruppone di mezzo, la sconfitta mette a nudo progetto e ambizioni. Troppo presto per trarre giudizi e rimarcare i tempi giusti, per capire, ce ne fosse ancora bisogno, che la B è una giostra infernale.

Nuovo modulo, un baratro. Liverani ha modificato l’assetto e ha fatto giocare Barreca dal via: né carne né pesce dall’ex Toro, dopo un’ora gli subentra Obert. Per il resto, ha vinto il presidentissimo: Pereiro e Deiola in campo dal via. E come quasi sempre, il risultato gli ha dato ragione! Nella scelta, il tecnico avrà sicuramente tenuto conto delle condizioni di forma e dinamismo di Viola e Makoumbou, reduce dalla nazionale, come Lapadula. Ma il desiderato societario, comunque la si rigiri, è andato a segno. Con risultati inenarrabili. Giusto per fotografare lo stato dell’arte, in panca si sono accomodati Carboni, Di Pardo, Dossena, Obert, Lella, Makoumbou, Viola, Falco (che darà il cambio a Pereiro, inguardabile o poco più), Luvumbo, Millico e Lapadula. Il Venezia di Javorcic è affamato di punti. Ma il bersaglio risalita, per ora, è lontano dalla realtà e dai sogni.

Cazzima cercasi. Per andare in A serve ben altro. C’è tempo, vedremo. Ma butta male, molto male. Javorcic contro Liverani, sfida tra le due retrocesse. Squadre che, viste ieri, lasciano a desiderare. Entrambe con poco coraggio. L’allenatore di casa, chiamato a dare forza in attacco ai suoi – e forse le due punte affiancate andrebbero provate -, fa le cose a metà. Un Cagliari d’attacco, in casa, costruito per risalire, non può cincischiare. Né difettare in personalità. Il che non significa buttarsi in avanti a testa bassa o giocare con cinque attaccanti. Ma avere più uomini sopra la palla e una densità diversa dal centrocampo in su, premia. Assieme a una presenza in area significativa e alla maggiore rapidità nelle giocate utili a finalizzare, si può crescere. Manovra, coraggio e leadership, vere lacune di questo gruppo. Assieme alla concentrazione, specie dietro, e al mix indispensabile per provare a vincere: autostima e fiducia.

Poca tempra, nessuna reattività. Il Venezia è partito meglio, anche per gestione della palla, determinazione, visione. Il Cagliari meno preciso e quasi attendista. Poi, la reazione. Anche sulle palle sporche. Ma oltre a una manciata di corner, e una deviazione di testa di Deiola, sono stati gli ospiti a creare le occasioni ghiotte, palo incluso. Nei primi 25′ la fisicità è stata solo delle maglie bianche. Male. Le uniche fiammate, dai piedi di Mancosu e Rog. Poca roba e il modulo non c’entra. Pavoletti boa, con Pereiro e Mancosu alle spalle è la nota tattica: il 4-3-3 va in soffitta. Il Venezia parte con un 3-5-2 anomalo: Cuisance va dove gli pare, idem Zampano. Con  il centravanti finlandese Pohjanpalo, ex Bayern Leverkusen, che va anche dietro a prendere palla e mette in croce Altare e Goldaniga. Poi, ci pensa Marco Mancosu: sassata di destro su punizione. 1-0. Un segnale interessante.

Una ripresa orribile. Liverani, come prima mossa del secondo tempo, lascia negli spogliatoi Rog, abbastanza evanescente, e riparte con Makoumbou. Il pareggio di Pohjanpalo ha gelato gli animi. Rete di testa su palla ferma, errori individuali e di squadra che si sommano e danno la sintesi del ko. Dopo un’ora è arrivato l’esordio di Falco, per Pavoletti. Mentre Lapadula ha dato il cambio a Pereiro: le sostituzioni dicono tanto sulla qualità dei singoli e su quanto potranno dare al collettivo. Ma i risultati sono stati deludenti. La Domus ha sommerso di fischi i rossoblù, e il tecnico, meritati. Poi, Javorcic ha mandato in campo Tessmann e Cheryshev: il russo, ex Valencia ha segnato una doppietta che ha ribaltato la partita. Poi, completa la mazzata Haps, ex Feyenoord, in contropiede: Venezia 4 Cagliari 1 con rapida uscita dalla zona play-off. Ancora una volta la poca pressione, le marcature preventive, le disattenzioni difensive hanno disegnato un Cagliari che prende gol e fa fatica a segnare. Una forbice da incubo. E il gioco, i movimenti, la gestione del pallino sono ancora troppo frammentarie. Purtroppo, le valutazioni positive degli esperti e degli osservatori andranno riviste al ribasso. La rosa è buona, ma, come segnalano tanti tifosi, la mentalità e le strategie sono deboli. E gli acquisti, da aspettare con pazienza, confermano una scia negativa. Crisi aperta, dunque. Da superare con il lavoro. C’è ancora tanto da giocare. Ma adesso è buio pesto. E sono passate appena sette partite.

 

182 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
182 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I lettori di CalcioCasteddu si fidano di Liverani, ma servono rinforzi

Ultimo commento: "è un sondaggio falsato!!!!!!!!! nessun tifoso vuole questo allenatore potete anche bannarmi ma leggete bene i commenti liverani fuori!!!!!!!!!!"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "Bravo a portare sacchi di cemento, forse."

(SONDAGGIO) Qual è il vero valore della rosa del Cagliari?

Ultimo commento: "Una colpa è anche dei tifosi che vanno allo stadio che finanziano giulini e pagano gli stipendi ai giocatori se nessuno andrebbe allo stadio, il..."

Il vero valore della rosa? Per i lettori di CalcioCasteddu mister Liverani sta facendo il massimo

Ultimo commento: "Ho incontrato il mister a Benevento in un ascensore di un albergo. L'ho guardato con un sorriso, gli ho puntato il dito all'altezza del cuore (senza..."

(SONDAGGIO) Radunovic, giornata storta o serve più concorrenza in porta?

Ultimo commento: "Con Sirigu avremmo avuto almeno 5/6 punti in più"
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da Il dribbling di... Mario Frongia