Resta in contatto

News

Conti: “L’addio ad Agostini è stata una mia scelta”

Il direttore tecnico responsabile della Primavera a ruota libera su ciò che è successo col suo amico e compagno, e su quella maledetta notte a Venezia

“Era finito un ciclo”. Con queste parole sulle pagine de L’Unione Sarda, Daniele Conti risponde sul perché dell’addio ad Alessandro Agostini, amico e compagno di una vita passata insieme con la maglia rossoblù.

“Una decisione sofferta ma ponderata”, spiega Conti, “c’era bisogno di nuove motivazioni e non bisogna dare troppo retta al cuore quando prendi decisioni importanti. Se è stata una mia volontà? Sì, la decisione l’ho presa io, poi è stata condivisa con la società. Giusta o sbagliata che sia, ho pensato fosse arrivato il momento di separarci. Già ad aprile stavo metabolizzando l’idea che fossimo alla fine di un ciclo. Volevo qualcosa di diverso, una figura diversa. Così come era avvenuto con la gestione precedente. Avrei fatto questa scelta anche se avessimo vinto lo scudetto. Quanto vale Agostini è evidente, penso addirittura che ormai sia pronto per i professionisti. Forse, però, è più doloroso staccarsi dall’amico che dall’allenatore. Ma il lavoro viene prima di tutto e certe scelte devono prescindere dai rapporti personali. Anche per questo, magari, ho sbagliato il modo in cui ho gestito la situazione. Avrei dovuto dirgli prima quali erano le mie intenzioni. Sì, in questo ho sbagliato, e gli chiedo scusa. La notte di Venezia? Ancora mi sto chiedendo cosa sia successo. Soprattutto dopo quel che stava accadendo a Salerno. Giusto smantellare la prima squadra? Non so se sia giusto o meno, di sicuro servono motivazioni nuove e forti“.

196 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
196 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Difesa ballerina, serve tempo a Liverani o è necessario andare sul mercato?

Ultimo commento: "Di Pardo acquisto inutile.. Ha giocato nel Cosenza e Vicenza, squadre che han disputato i play out, zappa lo conosciamo... Carboni al primo anno serio..."

(SONDAGGIO) Quale modulo per il nuovo Cagliari?

Ultimo commento: "Il tridente con luvumbu a destra lapadula al centro e desogus o contini a sinistra ..... contini è un ragazzo che ha corsa e molto generoso ci..."

Il modulo del nuovo Cagliari, i lettori di CalcioCasteddu promuovono il 4-3-3

Ultimo commento: "GIULINI DAI UNA SPERANZA ALLA SQUADRA ED AI TIFOSI, LASCIA LA PROPRIETA'"

Fascia da capitano, Deiola non convince i lettori di CalcioCasteddu

Ultimo commento: "I rigori li sbaglia chi li tira. Di sicuro non li tira un cacasotto che ha trascorso il suo tempo in campo nascosto dietro l'avversario, sbagliando un..."

(SONDAGGIO) Lapadula la spalla giusta per Pavoletti?

Ultimo commento: "Se avevi Caceres e Godin non saresti retrocesso."
Advertisement

I Miti rossoblu

16 campionati in rossoblu per la bandiera del Cagliari

Daniele Conti

Il portiere del leggendario scudetto del 1969-70

Enrico Albertosi

Magic Box è stato il calciatore sardo più forte in assoluto

Gianfranco Zola

Il giocatore più importante di tutta la storia del Cagliari

Gigi Riva

"BONIMBA", UNO DEI PIÙ FORTI ATTACCANTI ROSSOBLU

Roberto Boninsegna

Altro da News